Paragrulli: dalle 5 stelle all’Italia in stallo. Cosa c’è nel nuovo numero di Tempi

La parabola del Movimento di Beppe Grillo, dalle Cinque stelle a Italia in stallo. Guida (cliccabile) ai contenuti del numero del mensile Tempi di marzo 2020

«I giorni del coronavirus hanno reso ancor più plastica l’immagine di un paese alla deriva», scrive Emanuele Boffi nell’editoriale del numero di Tempi di marzo 2020. «Non c’è stata una voce, una sola, che fosse in grado di rappresentare un paese in preda al panico: un corpo fragile, malandato e senza anticorpi, questo siamo. Politica balbettante, Chiesa remissiva, corpi intermedi silenti. Ci siamo accorti di essere un paese senza un capo, non dico con “pieni poteri”, ma manco con un poterino piccolo piccolo. Siamo un paese senza guida né politica né morale perché tutte quelle che abbiamo avuto la possibilità di seguire le abbiamo abbattute. Non a caso, al potere ci sono i grillini».

Proprio alla parabola del Movimento di Beppe Grillo – dalle Cinque stelle all’Italia in stallo – è dedicata la copertina del nuovo numero del mensile, con una illustrazione che fa il verso alla locandina di Parasite, fresco vincitore del premio Oscar al miglior film, opera senza dubbio notevole dal punto di vista tecnico, ma nella sostanza poco più di un apologo morale sulla lotta fra “caste”. Insomma la stessa minestra che ha fatto la fortuna dei grillini e la sventura dell’Italia.

Tempi di marzo 2020 è un numero ricco di interviste e di interventi di grande valore. L’eurodeputato francese François-Xavier Bellamy ci indica i nuovi fronti della battaglia del buon senso contro la “religione del progresso”. L’economista Paolo Preti spiega perché il “codice Bonafede” sulla crisi d’impresa rischia di strozzare ulteriormente le Pmi tanto amate (a parole) dai pentastellati. Il giudice Loredana Miccichè, membro del Csm, parla della coraggiosa resistenza di un gruppo di magistrati al giustizialismo dilagante (era ora). Luigi Berlinguer fa il bilancio della parità scolastica a 20 anni dall’approvazione della “sua” legge. Il sociologo Luca Ricolfi fotografa l’Italia dei “giovin signori” che lavorano poco, si lamentano molto e vivono di rendita. L’esatto contrario dell’imprenditore Vinicio Bulla, che ha deciso di spendere i risparmi personali accumulati in una vita di sudore e sacrifici per pagare l’istruzione dei figli dei suoi dipendenti. E qui ci racconta perché. Giuseppe Remuzzi, luminare della ricerca scientifica italiana, suona l’allarme per l’imminente entrata in vigore dei divieti contro la sperimentazione animale voluti dagli animalisti che rischiano di mettere fuori gioco entro un anno tutti i principali laboratori del nostro paese (compresi quelli in prima linea nell’emergenza coronavirus). Grande intervista infine a Rebecca Sharibu, mamma di Leah, giovane cristiana nigeriana ormai da due anni nelle mani dei terroristi islamici di Boko Haram, che ha preferito rinunciare alla libertà piuttosto che alla sua fede.

In attesa che il numero di marzo 2020 arrivi nelle loro case, gli abbonati a Tempi possono già scegliere se sfogliare la rivista in formato digitale nell’area riservata del sito, oppure accedere online ai singoli contenuti del mensile cliccando qui o consultando il sommario qui sotto.

I lettori non ancora abbonati, invece, farebbero bene ad abbonarsi subito (vai alla pagina degli abbonamenti).

Di seguito, la guida cliccabile ai contenuti del nuovo numero del mensile.

PARAGRULLI

Editoriale

Quelli che ci hanno regalato i paragrulli, ora che dicono, che fanno, che idee hanno?
L’emergenza coronavirus ha mostrato che siamo un paese senza guida né politica né morale: sono state tutte abbattute. E adesso dov’è l’establishment che ci ha portato qui?
Emanuele Boffi

Primalinea

Contro il culto del progresso
In Francia il popolo del buon senso ha un nuovo campione, François-Xavier Bellamy: «Chi venera il nuovo finisce per disprezzare il reale, e in attesa dell’uomo aumentato si calpesta l’uomo presente. Io non ci sto»
Leone Grotti

Copertina

A che gioco abbiamo giocato? Dalle Cinque stelle all’Italia in stallo
Decenni di show manettaro e antipolitico ci hanno regalato il trionfo di un partito pulito, ma così pulito, che nel nome della lotta alla corruzione ha fermato tutto. Con quale risultato? Il taglio dei deputati “fannulloni”? Senti chi parla
Luigi Amicone

Pmi mon amour, ora ti strangolo
I grillini si dichiarano amici delle piccole aziende, ma il nuovo codice della crisi d’impresa «li smentisce nei fatti», dice l’esperto Paolo Preti
Matteo Rigamonti

Resistere, resistere, resistere all’onda giustizialista
Così un nuovo «polo di magistrati moderati» sfida il massimalismo dilagante tra riforma Bonafede e strapotere della sinistra giudiziaria. Intervista a Loredana Miccichè (Csm)
Pietro Piccinini

Non si eredita un’emozione
Fortuna e sventura di Davide Casaleggio, il brav’uomo che ricevette dal papà sciamano la formula di una magia destinata a consumarsi in fretta
Renato Farina

Taglio dei parlamentari. Domande non banali su un referendum dall’esito scontato
A parte la campagna contro la casta, dominano calcoli e contro calcoli di partito, difficili da comprendere. Viene voglia di non farsi coinvolgere, non andando a votare. Oppure si può votare no
Esserci

Educazione

Non esiste ancora la “scuola per tutti”
Intervista a Luigi Berlinguer a vent’anni dall’approvazione della “sua” legge sulla parità scolastica. Bilancio di quella che «è “la” battaglia per il futuro del paese»
Caterina Giojelli

Foglietto

Cari colleghi giudici (e aspiranti tali) oltre ai codici studiate Pinocchio
Perché la scena del processo al burattino di Collodi andrebbe imparata a memoria da tutti colore che aspirano a diventare magistrati per fare vera giustizia
Alfredo Mantovano

Economia

«Avanti così e finiremo per festeggiare negli anni in cui il Pil non cala»
Intervista al sociologo Luca Ricolfi, autore de “La società signorile di massa”, ritratto di un paese che ama piangersi addosso e vivere di rendita
Emanuele Boffi

Appunti per un nuovo umanesimo del lavoro
Formazione continua e recupero della Dottrina sociale della Chiesa. Le idee contro la crisi economica del presidente del Movimento cristiano lavoratori
Carlo Costalli

Vinicio Bulla, l’imprenditore che investe sui figli. Dei dipendenti
«Non voglio morire coi soldi in banca». Così il patron della Rivit li ha destinati all’educazione dei bambini dei suoi impiegati: «Mettete su famiglia»
Caterina Giojelli

La mala ecologia

La tortura della ricerca italiana
Giuseppe Remuzzi viviseziona le bugie alla base dell’«assurda» legge contro la sperimentazione animale. «I primati ci aiuteranno a trovare un vaccino per il Covid-19. A oggi non abbiamo alternative»
Pietro Piccinini

Andateci piano però con quegli alberi
La mania della “forestazione” mirata al sequestro di Co2 fa belli tanti governi e aziende. Ma non è detto che faccia bene all’ambiente. Anzi
Rodolfo Casadei

Ogni giorno è un Family day

“Querida Amazonia” al di là di tante polemiche inutili sul celibato dei preti
Delusi i partiti in lotta nella Chiesa (superbergogliani vs antibergogliani), l’esortazione apostolica post Sinodo è scomparsa dalle notizie. Qualcuno sa di cosa si è occupata?
Marco Invernizzi

Le nuove lettere di Berlicche

Ora che l’aborto è un diritto, inutile fingere che sia un dramma
Perfino il diavolo è colpito dalla rivendicazione di Selvaggia Lucarelli in risposta alle parole pro-life di Salvini: «Ho abortito più di una volta, fatti miei»
Berlicche

Esteri

«Aiutatemi a riavere mia figlia Leah, prigioniera di Boko Haram da due anni»
Intervista a Rebecca Sharibu, madre della giovane cristiana rapita in Nigeria dai terroristi nel 2018: «Ha rifiutato di convertirsi all’islam, è l’unica che non è stata liberata. Il governo fa solo promesse»
Leone Grotti

I ventimila della roccaforte Idlib
A Idlib sono concentrati i jihadisti che controllano militarmente la regione. Mappa delle divisioni e affiliazioni sul campo
Rodolfo Casadei

Libri

Sbirri e banditi a caccia del destino
Il secondo romanzo di Maurizio Zottarelli è un impasto di violenza e domande, sangue, proiettili e poesia dal gusto davvero “tempista”
Caterina Giojelli

Indagine tocquevilliana sulla nostra solitudine
Mattia Ferraresi scava nel «male oscuro delle società occidentali» per trovarne le radici. E scoprire che in fondo è ciò che ci siamo scelti
Pietro Piccinini

Solo un figlio sa rendere davvero adulto chi lo mette al mondo
La riflessione del cardinale Camillo Ruini sulla crisi demografica e sul ruolo della Chiesa cattolica. Tratto dal libro intervista con Gaetano Quagliariello
Camillo Ruini

Sport über alles

Voi odiatori ve le meritate le porte chiuse, la sospensione e pure la quarantena
Mentre l’Italia veniva chiusa per coronavirus e il campionato di serie A veniva dimezzato, in rete i mediocri che la abitano continuavano ad augurare la morte di questo e di quello
Fred Perri

Ti ho incontrato, mio fantasma ipertecnologico
Nel video documentario “Meeting You” una madre riabbraccia la figlia morta. Così reale e virtuale diventano l’uno la finzione dell’altro. Ma se ci concepiamo immortali, che bisogno abbiamo di credere nella risurrezione?
Giancarlo Ricci

Lettere dalla fine del mondo

Sfidare al massimo la libertà dei giovani. Questo è educare
Aldo Trento

Bar grandi speranze

Laura è entrata nel mio ufficio e ha chiuso la porta. Poi è successo un miracolo
Marco Cobianchi

Cinema

“L’esercito delle 12 scimmie”, il capolavoro di Terry Gilliam sull’Io in balìa del Potere
Venticinque anni fa usciva “12 Monkeys”, la pellicola che racconta l’apocalisse di un mondo confuso
Simone Fortunato

Bello “Parasite”. Ma così cinico che è perfetto per gli Oscar
Alla faccia del premio alla miglior sceneggiatura originale, Bong Joon-ho aveva fatto meglio anni fa con “Snowpiercer”
Simone Fortunato

Lettere al direttore

Che siano sardine, balene o squali, qui si è un po’ come Queequeg, il cannibale del Peqod

Terra di nessuno

Morte di una madre (davvero te ne sei andata?)
Marina Corradi