La domanda posta da Covid che smaschera l’eutanasia

«Come vorrei che fosse amata la mia vita fragile e minacciata?»: così il reale ha fatto irruzione nelle esistenze in balia della retorica sulla “dolce morte”. Parla il vescovo Nazzareno Marconi