Spaventosa libertà. Che cosa c’è nel nuovo numero di Tempi

C’è in giro un nuovo virus non meno micidiale del Covid: il sospetto verso ogni iniziativa umana. Guida (cliccabile) ai contenuti del numero del mensile Tempi di maggio 2020

Ora che l’emergenza sanitaria provocata dall’esplosione di Covid-19 sembra assumere dimensioni – a Dio piacendo – sempre più controllabili, occorre preoccuparsi per la diffusione di un altro virus non meno micidiale del Sars-Cov-2: quello del sospetto verso qualunque libera iniziativa umana. A questa pandemica e forse inarrestabile “malattia del controllo” Tempi dedica la copertina del numero di maggio 2020 del mensile. “Spaventosa libertà”, recita il titolo. Perché il nuovo contagio colpisce proprio la libertà personale e sociale, con conseguenze potenzialmente devastanti. 

La pretesa di mettere in sicurezza ogni aspetto della vita è infatti un’illusione, poiché in tutto ciò che ci riguarda è destinata a riemergere sempre la lotta corpo a corpo «tra la nuda vita e l’umano», spiega il filosofo Silvano Petrosino attualizzando il monito di Arancia meccanica. Eppure, ostinati a inseguire questa illusione – garantire la salute e il benessere di tutti sterilizzandoli da ogni possibile umana infezione – abbiamo già cominciato a rovinarci l’esistenza e a demolire la società. Non solo nella “lontana” Cina del regime comunista, come racconta in esclusiva a Tempi Fang Fang, autrice del diario da Wuhan che ha scosso il mondo. Non solo attraverso le fatidiche app di tracciamento dei contagi, perfetta sintesi della smania di sorveglianza scatenata dal coronavirus nelle autorità di tutto il pianeta. In Italia anche la stessa ripartenza dopo il lockdown rischia di essere compromessa da incomprensibili resistenze della burocrazia (vecchia storia), e ora pure da nuove spericolate campagne politiche intese a distruggere tutto ciò che mette in discussione il monopolio statale del “bene comune”. È il senso dell’assalto alla Lombardia simbolo di sussidiarietà che funziona. È anche il motivo del disinteresse dello Stato verso l’educazione in generale e in particolare verso la scuola paritaria (o scuola libera, appunto). Su questo interviene nel nuovo numero di Tempi anche il capo dei vescovi italiani, cardinale Gualtiero Bassetti.

In attesa che il numero di maggio 2020 arrivi nelle loro case, gli abbonati a Tempi possono già scegliere se sfogliare la rivista in formato digitale nell’area riservata del sito, oppure accedere online ai singoli contenuti del mensile cliccando qui o consultando il sommario qui sotto.

I lettori non ancora abbonati, invece, farebbero bene ad abbonarsi subito (vai alla pagina degli abbonamenti).

Di seguito, la guida cliccabile ai contenuti del nuovo numero del mensile.

SPAVENTOSA LIBERTÀ

Editoriale

Italia come Genova. O si rifà il ponte o moriremo sepolti da leggine e sospetti
Dal pantano non si esce con “più sospetto” ma con “più fiducia”: nelle imprese, nei cittadini, persino nei magistrati cui è chiesto di intervenire se necessario, non se si finisce su Repubblica o sul Fatto
Emanuele Boffi

Primalinea

Fuori dal recinto della scuola di Stato
«Le crisi dell’insegnamento sono crisi di vita», scrive Péguy. Perché la dura lezione del virus non venga diluita ai giovani come «pappa e bambagia», l’educazione deve essere opera comune di tutti. Già oggi, non quando riapriranno le aule
Mauro Grimoldi

«Popolo delle paritarie, adesso fatti sentire»
Intervista al presidente della Cei Gualtiero Bassetti: «La chiusura degli istituti liberi sarebbe un’ingiustizia per migliaia di genitori (non solo cattolici), privati di un diritto costituzionale»
Emanuele Boffi

Restituire l’istruzione ai suoi unici titolari
La nostra Costituzione riconosce che il diritto-dovere di crescere i figli appartiene solo e soltanto alla famiglia. Il governo non lo dimentichi
Giuseppe Richiedei – Peppino Zola

Foglietto

Dalla persecuzione del cardinale Pell un monito per il civile Occidente
Per colpire il collaboratore del Papa, una giurisdizione di impronta anglosassone ha dovuto distorcere i fondamenti della propria tradizione. È lei la prima vittima di questo scandalo
Alfredo Mantovano

Il santino ambulante

Pensieri degni dell’ira di Conte intorno alla sua delega ai servizi segreti
Attenzione a dove può finire una democrazia quando un Parlamento è completamente afono. Ed è di fatto esautorato dai decreti legge del presidente del Consiglio
Luigi Amicone

Interni

Assalto alla locomotiva
Lombardia sotto attacco per la gestione dell’emergenza Covid. In realtà l’obiettivo è il modello sussidiario formigoniano. Cosa c’è di vero (e cosa no) nelle critiche. Cosa c’era scritto nel Piano Pandemia 2006
Emanuele Boffi

Non è più il tempo di corride giudiziarie
«Non ho visto sui giornali francesi o spagnoli aperture dedicate a 400 inchieste avviate da altrettante procure sui morti per Covid nelle Rsa». Parla Mattia Feltri
Caterina Giojelli

Meno sospetto, più società
Alla radice degli scontri sulla risposta alla crisi sanitaria ci sono due visioni inconciliabili. Le “cose buone” le fa solo lo Stato o ci si può fidare delle persone e della loro iniziativa?
Giuseppe Monteduro

Si costruisce sempre a partire dal basso
Dopo l’epidemia e i danni provocati dalle misure di contenimento, s’intravede un altro pericolo non meno grave: il rigurgito centralista
Carlo Costalli

Il molokano

La rivolta divino-umana alla legge che ha provato a uccidere anche la morte
Il funerale, seppellire i defunti, è un atto di pietà che ha resistito persino nei popoli annichiliti dal comunismo. Un’offesa vietarlo. E proprio nella Toscana mangiapreti un paese si è ribellato
Renato Farina

Esteri

Distanti ma sorvegliati. Effetti collaterali delle app anti contagio
Benedetti come la soluzione perfetta al diffondersi del coronavirus, i sistemi di tracciamento stanno diventando veicoli di psicosi tra la gente, se non invasivi guardiani high-tech nelle mani dei dittatori
Leone Grotti

Tutta la verità su Wuhan. Intervista esclusiva a Fang Fang
Parla l’autrice cinese divenuta nemica pubblica numero uno dei comunisti solo per aver raccontato l’esplosione dell’epidemia e la quarantena. Soprusi delle autorità inclusi. «Attacchi e minacce non sono finiti. E io vado avanti con il mio diario»
Leone Grotti

Anche l’Onu s’è presa l’influenza cinese
Come è stato possibile che Pechino sia arrivata a comandare ben 5 agenzie delle Nazioni Unite su 30, mentre gli altri paesi ne guidano al massimo una. E perché solo gli Stati Uniti provano a contrastare lo strapotere di Xi Jinping al Palazzo di Vetro
Rodolfo Casadei

Italia, ricordati: «Nessun uomo si salva da solo»
Trentacinquemila euro. È la cifra raccolta dai poveri tra i più poveri per l’ospedale Sacco di Milano. «Ciascuno in Kenya, come poteva, ha restituito una goccia del bene ricevuto». Il racconto di Andrea Bianchessi di Avsi
Caterina Giojelli

Ogni giorno è un Family day

Non si costruisce un’unità nazionale su una festa divisiva come il 25 aprile
Quanto odio nei cortei anni Settanta. E pure nel 2020 non sono mancati squilibri: via libera ai partigiani nelle celebrazioni della Liberazione, Messe vietate a Pasqua per i cattolici
Marco Invernizzi

Le nuove lettere di Berlicche

Non rivelare loro che si può essere vincitori anche se #vatuttomale
Ho letto la storia di un vietnamita la cui vita ha tutti i tratti della sconfitta: imprigionato per 13 anni, maltrattato, ridotto a pelle e ossa, portato sull’orlo della pazzia, eppure mai domo
Berlicche

Il nocciolo della questione

Che inferno la sicurezza assoluta
La logica della sopravvivenza alla pandemia distruggerà le relazioni? «Impensabile eliminare la lotta tra la nuda vita e l’umano». Intervista al filosofo Silvano Petrosino
Piero Vietti

Si sta stretti nel Dpcm fiction della fase 2 (o meglio 1 e mezzo)
Sguarniti e disarmati, col prof ridotto a pixel e il mondo a un device, che ne sarà di noi? E dei nostri figli? Chiacchierata con Antonio Polito
Caterina Giojelli

Lettere dalla fine del mondo

Cos’è il cristianesimo? È una bellezza che suscita il desiderio di Lui
Aldo Trento

Cartolina dal paradiso

“Felice come una Pasqua”. Per chi ha fede è molto più di un bel modo di dire
Pippo Corigliano

Cinema

Servono film a misura di figli chiusi in casa? Eccovi serviti
Guida al cinema in streaming per famiglie recluse con piccoli Gremlins in quarantena. Parte prima: film per bambini delle scuole medie
Simone Fortunato

Lettere al direttore

Se imprese e persone non pagano Iva e Irpef, oh mio bel Giuseppi, chi paga poi medici e infermieri?
Emanuele Boffi

Bar grandi speranze

Il bar delle grandi speranze è vuoto. E se fossero vuote le speranze che conteneva?
Pensare che lì, dove ho lavorato, bevuto, mangiato non c’è nessuno, non mi rende triste, mi impaurisce. Mi sono chiesto perché
Marco Cobianchi

Sport über alles

Sondaggi pro Conte? O il sondaggio è sbagliato o è sbagliato il Conte
Leggo che il premier ha un indice di gradimento pazzesco. Ancora una volta mi trovo in esilio solo più di un cane
Fred Perri

Terra di nessuno

La mia reclusione con Bob Dylan
Marina Corradi