Google+

Esecuzioni di massa e fosse comuni. Il video che documenta il tipo di libertà offerto ai siriani dai ribelli islamisti

febbraio 18, 2014 Leone Grotti

Un filmato ottenuto in esclusiva dalla Cnn mostra uomini dell’Isil interrogare otto uomini ad Aleppo. Le ultime immagini documentano che fine fa chi non risponde in modo soddisfacente

siria-cnn-isil-islam«Quanti anni hai? Sei sposato? Hai figli? Vuoi rivedere i tuoi bambini?». Sono alcune delle domande che un terrorista dello Stato islamico dell’Iraq e del Levante (Isil) pone a un uomo che siede bendato in una stanza spoglia nella città di Al Bab, nel governatorato di Aleppo, Siria. Le immagini di questo interrogatorio, insieme ad altri sette, sono contenute in un video pubblicato dalla Cnn (riportato in basso) e fornito all’emittente da attivisti siriani.

PROTESTE CONTRO L’ISIL. I filmati pubblicati sono stati ritrovati nella casa di un comandante dell’Isil, chiamato “l’iracheno”, scappato nel gennaio scorso durante i violenti scontri tra i qaedisti e altre brigate combattenti in Siria. Come spiega la Cnn, i terroristi interrogano i semplici cittadini non su eventuali legami con il regime di Assad: tutte le domande mirano a sapere chi sono gli abitanti che protestano contro l’Isil per le strade e il loro durissimo dominio.

IMPOSTA LA SHARIA. Nelle zone di Aleppo che l’Isil ha strappato al governo siriano, infatti, è stata imposta la sharia, la legge islamica, insieme a un rigido codice di vita obbligatorio da seguire per tutti gli abitanti. Le donne devono indossare il velo integrale, gli uomini non possono fumare e nessuno può mancare alla preghiera del venerdì se non vuole essere punito a frustate in piazza.
«Chi c’era in strada a gridare slogan contro l’Isil?», chiede un uomo a un ragazzo bendato in un interrogatorio. «Non lo so, Dio mi è testimone». «Dì la verità, se vuoi avere salva la vita».

siria-cnn-isil-islam4ESECUZIONE DI MASSA. Non è certo cosa sia successo agli uomini interrogati ma le ultime immagini del filmato mostrano che fine fa chi non risponde in modo soddisfacente alle domande. Un terrorista dell’Isil cammina con una pistola in mano alle spalle di 14 uomini, inginocchiati sul terreno e bendati. Quando una voce fuori campo dice «Siete pronti?», l’estremista uccide tutti e 14 gli uomini, uno dopo l’altro, con un colpo di pistola alla nuca. Le vittime vengono poi buttate in una fossa comune, precedentemente scavata.
Le immagini della Cnn dimostrano, ancora una volta, che chi pretende di combattere contro il regime di Assad in nome del popolo siriano non fa che sostituire la vecchia dittatura con una nuova, islamica e forse peggiore.

«IL POPOLO SIRIANO È UNO». È improbabile che questa nuova dittatura sia ciò che i siriani vogliono. Ed è indicativo che nel sobborgo di Babbila, a sud di Damasco, dopo che ribelli e governo hanno trovato un accordo per il cessate il fuoco, la gente sia uscita ieri per le strade gridando: «Uno, uno, uno! Il popolo siriano è uno».
Secondo l’accordo, trovato dopo un anno di combattimenti inutili, il governo farà entrare nella zona aiuti umanitari, mentre i ribelli consegneranno tutte le armi pesanti e isseranno sui municipi la bandiera dello Stato siriano.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. CIM says:

    POVERA EUROPA CHE
    FINE FARA.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.

La terza generazione della Volkswagen Touareg si butta nella mischia dei SUV premium forte di numerosi accessori hi-tech. Disponibile per ora solo con motore 3.0 V6 TDI, ha prezzi che partono da 61.000 euro

L'articolo Prova Volkswagen Touareg 2018 proviene da RED Live.