Google+

Siria. Cosa c’è peggio del regime di Assad? «La dittatura islamica dei ribelli». Storia di Jarra e Mohammed

novembre 28, 2013 Leone Grotti

I due siriani di Raqqa, che hanno combattuto contro Assad, ora ammettono: i suoi nemici terroristi sono più spietati di lui. «Chiunque sia liberale o non abbastanza islamico lo arrestano»

Incappucciato, legato, portato in una base di Al Qaeda e torturato per 33 giorni: «Mi davano anche 70 frustate al giorno». Eppure Mohammed è un ingegnere di 50 anni che nel 2011 si era unito alle proteste contro il regime di Bashar Al Assad per una Siria democratica. E proprio per questo lo Stato islamico dell’Iraq e del Levante (Isil) l’ha imprigionato: «Per loro la Siria deve diventare un califfato islamico».

AL QAEDA PEGGIO DI ASSAD. Quando la città di Raqqa, che oggi è a tutti gli effetti un emirato islamico, è caduta nelle mani dei ribelli, Mohammed ha creato insieme ad altre persone un consiglio che gestisse l’ordine nella provincia, non più governata dagli uomini di Assad. Allora non pensava che la dittatura dei terroristi islamici fosse peggiore di quella che combatteva, ma insieme ad altre sei persone se ne accorse quando il 9 luglio 2013, primo giorno di Ramadan, fu catturato dai guerriglieri dell’Isil e portato nel loro covo a Raqqa.

«ARRESTATO PERCHÉ NON ISLAMICO». «Qui mi hanno torturato ogni giorno per 33 giorni», racconta alla Bbc. Una volta liberato, dopo essere stato minacciato di morte, è scappato in Turchia, dove vive ora. «Ci hanno rubato la rivoluzione – continua – questi gruppi estremisti non sono siriani, vengono da fuori, e vogliono imporci la loro ideologia. L’Isil mi ha arrestato solo perché non ero musulmano e volevo che la Siria continuasse ad essere uno Stato laico come lo è oggi». Ma i terroristi islamici vogliono trasformare il paese in un califfato islamico e Mohammed, «considerato un infedele», ne ha pagato le conseguenze.

LA LIBERTÀ DEGLI ISLAMISTI. «Mi hanno torturato come avrebbero fatto gli uomini di Assad. L’interpretazione rigida dell’islam che vogliono imporci qui non è accettata neanche dai musulmani». Mohammed racconta di come due suoi amici sono stati uccisi solo perché alawiti, la setta a cui appartiene Assad, altri solo perché si sono rifiutati di vendere alimenti ai guerriglieri a prezzi scontati. «Uno di questi mercanti veniva torturato così duramente, che abbiamo chiesto ai terroristi di punire noi in cambio e loro ci hanno dato 70 frustate al giorno per non toccare lui». La cosa triste, aggiunge Mohammed, «è che a farmi tutto questo non erano i soldati di Assad ma gli uomini che dicono di combattere per la nostra libertà».

«SE SEI LIBERALE TI ARRESTANO». Rami Jarrah, intervistato da Reuters, ha subìto la stessa sorte di Mohammed. Anche lui vive in Turchia oggi, dopo essere stato perseguitato da Al Qaeda a Raqqa perché teneva una trasmissione radio troppo poco islamica e favorevole alla democrazia. «Vogliono imporci la loro ideologia, il regime di Assad ci ha privato della libertà di espressione e loro fanno lo stesso. Chiunque sia liberale o non abbastanza islamico lo arrestano. Ora scappiamo dagli islamisti perché puoi venire ucciso anche solo per aver detto una parola. Io sono stato accusato con questa motivazione: “Agenti occidentali a Raqqa o attivisti democratici? In termini religiosi, c’è così tanta differenza?”».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Pierpaolo says:

    Hanno voluto la bicicletta …. ed ora piangono perché costretti a pedalare.

  2. marzio says:

    Teniamoci Assad, è meglio per tutti !

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Kia Stinger è un’auto che segna per l’azienda coreana un nuovo approccio: 380 cavalli, quattro posti, design e grinta da sportiva. per questo anche le attività di marketing e comunicazione seguono un percorso diverso. Stinger approda in tv con “Wishlist, il metodo Stinger”, una mini-serie di 3 episodi da 30 minuti, in onda sul NOVE la […]

L'articolo Kia Stinger, mini serie per la tv proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.