Google+

Mosul (Iraq), chiesa dell’Immacolata: i terroristi islamici abbattono e decapitano la statua della Madonna Foto

giugno 23, 2014 Leone Grotti

Lo Stato islamico dell’Iraq e del Levante (Isil) ha riservato a Mosul e ai suoi cristiani lo stesso trattamento toccato alla città siriana di Raqqa, diventata un califfato islamico già un anno fa

mosul-isil-iraq-madonna-jihad-cristiani3

I terroristi islamici dello Stato islamico dell’Iraq e del Levante (Isil) hanno riservato alla città irachena di Mosul e ai suoi cristiani lo stesso trattamento toccato alla città siriana di Raqqa, diventata un califfato islamico già un anno fa. Così, la statua della Madonna che sormontava la torre-orologio della chiesa dell’Immacolata di Mosul è stata tirata giù e distrutta.

Le foto pubblicate da ankawa.com non lasciano spazio all’immaginazione. Nella prima foto una freccia rossa indica la statua della Madonna della chiesa dell’Immacolata, ricostruita nel 1743 sul sito di una dei più antichi luoghi di culto di Mosul, la chiesa Al Tahira del VII secolo.

mosul-isil-iraq-madonna-jihad-cristiani2

Nella seconda immagina qui sopra si vede chiaramente la stessa torre senza la statua. Questa, come si vede nella foto successiva in basso, è stata gettata a terra e decapitata. La maggior parte dei cristiani è già fuggita da Mosul, la notte in cui l’esercito iracheno ha lasciato il campo ai terroristi islamici. Ora i pochi rimasti sono in pericolo e potrebbero subire la stessa sorte di quelli di Raqqa: l’impossibilità di portare addosso crocifissi, pregare in pubblico e l’obbligo di pagare il tributo umiliante.

mosul-isil-iraq-madonna-jihad-cristiani

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

7 Commenti

  1. Drew says:

    Tra un po’ torneranno a “Bussare” alle porte dell’Occidente il quale (inebriato dalle proprie idiozie sui diritti per tutti, nell’Orgia Arcobaleno dell’edonismo più sfrenato) si farà beccare con le braghe calate e impreparato senza alcun soldo speso per la difesa del territorio.
    Il problema poi ce lo risolverà Renzi che nel frattempo sarà scappato da Obama? “yes He can”!

  2. augusto says:

    Alziamo la guardia, ragazzi !

  3. Orazio Pecci says:

    Spero che si trovi in tutto l’Islam almeno un (1) imam che spieghi a questi pseudo mussulmani che non sta bene essere più maomettani di Maometto.

    «Muhammad, il Profeta dell’islàm, quando entrò in armi alla Mecca nel 630, e conquistò la città che lo aveva scacciato otto anni prima, fu molto clemente con i suoi avversari, e concesse loro un anno di tempo per ravvedersi ed aderire all’islàm, oppure andarsene. Invece fu assai intransigente nell’imposizione della religione monoteista. Fece della Mecca la città sacra della nuova religione e ‘purificò’ la Ka’ba, il santuario delle tribù meccane. Lì c’erano circa 300 idoli. Li fece distruggere tutti, salvando solo un’icona di Maria, di cui si parla nel Corano come di ‘profetessa’.»
    http://www.donbosco-torino.it/ita/Maria/forum/Maria_nell_Islam.html

    • Raider says:

      Clemente? Quanto avvenuto a Medina, con l’uccisione sangue freddo di 6-700 ebrei Banu Quraish – opportunisti, doppiogiochisti, tutto quello che si vuole: come sempre avviene in guerra – non testimonia molto sulla misericordia di Maometto. Il Corano sarà scritto un centinaio circa di anni dopo la morte di Maometto, quando, per l’occasione, gli Arabi si doteranno di un sistema di scrittura. Vietato ricordare troppo i rapporti (e i debiti?) del giovane Maometto con ebrei e monaci cristiani. La “parabola” dell’adultera, che Maometto fa lapidare, mentre Gesù la salvò, dice di un concetto della clemenza molto diversa pasando dal Corano al Vangelo. Ai musulmani si potrebbe citare questo episodio del Vangelo come modello di clemenza. Ma non si può dire se la prenderebbero bene: e come potrebbero reagire.

      • Orazio Pecci says:

        Resta il fatto, Raider, che qualunque sia la data in cui è stato compilato il Corano, i mussulmani sarebbero tenuti a seguire quel che c’è scritto. Per l’appunto parrebbe ci fosse scritto che la Madre di Gesù va rispettata. Se poi avesse voglia di leggere un bel libro, le suggerirei «Un medico in Africa» di Alberto Denti di Pirajno (http://www.jstor.org/discover/10.2307/40760987?uid=3738296&uid=2129&uid=2134&uid=372132161&uid=2&uid=70&uid=3&uid=60&uid=372132151&sid=21104366198363). In particolare la storia dell’amicizia tra il qadi mussulmano di una cittadina libica e il Provinciale dei Cappuccini …

        • Raider says:

          Resta il fatto che, appena si fa notare che le cose non sono come ce le raccontano sulle “religioni abramitiche”, scatta una reazione che non vedo così pronta e netta nel denunciare interpretazioni del Corano che islamici più esperti di lei e di me conoscon a perfezione. L’amiciiza fra un cadì e un superiore dei Cappuccini… Ma se li hanno ammazzati, i cappuccini, in Algeria, Marocco e non so dove altro! E che c’entra l’amicizia, dove li vede i musulmani in marcia, in Ue o nel mondo islamico, per difendere i cristiani fatti a pezzi, espulsi, cacciati a pietrate e costretti a fuggire di notte, per es., dai villaggi palestinesi, perché il figlio di un fornaio cristiano e una ragazza islamica si volevano bene, altro che amicizia?
          Comunque, per ricambiare il consiglio di lettura, legga il libro di un teologo protestante francese, Jacques Ellul, il cui titolo è “Cristianesimo e Islam. Una parentela impossibile”, edito da Lindau. Il titolo è eloquente quanto i riscontri testuali inoppugnabili. Poi, se vuole, ne riparliamo.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Kia Stinger è un’auto che segna per l’azienda coreana un nuovo approccio: 380 cavalli, quattro posti, design e grinta da sportiva. per questo anche le attività di marketing e comunicazione seguono un percorso diverso. Stinger approda in tv con “Wishlist, il metodo Stinger”, una mini-serie di 3 episodi da 30 minuti, in onda sul NOVE la […]

L'articolo Kia Stinger, mini serie per la tv proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.