Uno chef stellato in guerra in Venezuela

«Cucinare è un atto di resistenza culturale al regime». Parla il grande cuoco educatore che insegna un lavoro a centinaia di giovani poveri o disoccupati

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •