Appello per Lourdes. Il santuario sconvolto dalle inondazioni: «Nella terribile prova, saremo più famiglia»

«Sosteniamo Lourdes per renderle tutto il bene inestimabile che riceviamo dal santuario». Il luogo mariano più famoso del mondo colpito dal maltempo. Danni gravissimi

Articolo tratto dall’Osservatore Romano – «Non dobbiamo permettere che lo scoraggiamento abbia l’ultima parola. Sosteniamo Lourdes per renderle tutto il bene inestimabile che riceviamo dal santuario»: è l’appello che il portavoce dell’episcopato transalpino, monsignor Bernard Podvin, ha lanciato in favore del luogo mariano più famoso al mondo sconvolto dalle conseguenze dell’ondata di maltempo che ha interessato la Francia meridionale.
Le scavatrici sono al lavoro ma, sempre se cesserà la pioggia, ci vorrà ancora del tempo per riaprire il santuario. Dopo le inondazioni dell’ottobre scorso, le acque del fiume Gave de Pau sono tornate a fare paura e hanno inondato la Grotta di Massabielle costringendo i responsabili del santuario a far evacuare i pellegrini fin da martedì scorso. I danni sono enormi. L’intera area è sotto uno strato di fango di quaranta centimetri di spessore, che in alcuni punti raggiunge addirittura il metro e mezzo.

MILIONI DI EURO. Ieri sul posto è giunto il presidente della Repubblica, François Hollande, che ha effettuato una visita accompagnato dal vescovo di Tarbes et Lourdes, Nicolas Brouwet. Il ministro dell’Interno, Manuel Valls, ha assicurato che entro la fine di giugno sarà riconosciuto lo stato di catastrofe. I lavori di risistemazione costeranno «parecchi milioni di euro», ha detto l’economo diocesano responsabile dei santuari, Thierry Castillo: «Siamo molto preoccupati. La situazione è gravissima e non ha nulla a che vedere con quanto abbiamo vissuto a ottobre, sebbene allora le riparazioni ebbero un costo di 2,5 milioni di euro».
Per il rettore, padre Horacio Brito, «la nostra principale preoccupazione è quella di mantenere la migliore accoglienza possibile». Attualmente è accessibile solo la basilica dell’Immacolata Concezione situata nella parte superiore. Per monsignor Podvin, «in questa terribile prova, saremo più famiglia. Preghiamo e agiamo perché Lourdes ritrovi il più rapidamente possibile le condizioni della sua missione universale mariana. Tante persone hanno bisogno di incontri e di preghiera».