Omofobia, protestare contro la legge inutile è doveroso. Ma a noi cristiani è chiesto anche di più

Le dittature non hanno il senso del ridicolo. Mussolini affermò che, se in Italia ci fosse stato un calo delle nascite come in Francia, avrebbe preso delle “decisioni immediate, draconiane”. Non si riesce a immaginare quali decisioni poteva prendere. Hitler, che sosteneva la superiorità della razza ariana – pelle bianca, capelli biondi – dovette assistere al trionfo del nero Jesse Owens, vincitore di 4 medaglie d’oro alle Olimpiadi del ’36. Il muro di Berlino, innalzato dai comunisti, è crollato nel tripudio generale.

Oggi è la volta di nostri parlamentari che definiscono “urgente” la legge contro l’omofobia. Come se non bastassero le leggi vigenti a protezione della persona e soprattutto come se non ci fossero questioni davvero urgenti: la ripresa che non arriva, la disoccupazione giovanile, la disperazione dei licenziati, la burocrazia soffocante, un fisco aggressivo e inconcludente, e non mancano le file di poveri attorno ai cassonetti per cercare il cibo invenduto dai ristoranti.

In pieno agosto soffocante i rappresentanti del popolo devono legiferare sull’omofobia. Il diktat della lobby internazionale dominante ci costringe a quest’assurdità. È giusto e doveroso protestare pubblicamente ma, come ha detto il Papa nell’Angelus dopo la Gmg, il futuro sta nella santificazione della vita quotidiana. Gesù ha detto che i suoi discepoli sono il sale della terra. A me tocca essere sale utilizzando il clima disteso dell’estate per pregare, dedicarmi agli altri, approfondire il Vangelo.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •