Google+

Primavera araba. Gli articoli su Tempi

luglio 24, 2012 Redazione

La Primavera araba ha inizio il 17 dicembre 2010, in Tunisia, e da allora si è estesa in Egitto, Libia, Bahrein, Yemen, Marocco, Algeria, Giordania e Siria. «Nata dall’anelito al cambiamento dei giovani, i fondamentalisti islamici hanno poi preso il sopravvento».

L’insieme di proteste e rivolte che hanno portato uno sconvolgimento nel mondo arabo, la cosiddetta “Primavera araba”, ha inizio in Tunisia il 17 dicembre 2010. Quel giorno a Tunisi l’ambulante Mohamed Bouazizi si dà fuoco per protestare contro il sequestro da parte della polizia della sua merce. Quel gesto innesca una serie di rivolte popolari e giovanili, che partendo dalla richiesta dei tunisini delle dimissioni del rais Ben Ali, si estendono a Egitto, Libia, Bahrein, Yemen, Marocco, Algeria, Giordania e Siria.

Le rivolte, come afferma il gesuita e docente di storia araba e islamologia all’università di Beirut Samir Khalil Samir, sono scaturite dalla delusione dei giovani, cristiani e musulmani insieme che «delusi per la mancanza di lavoro, per la libertà limitata o inesistente [chiedevano] cambiamento, giustizia e libertà: in Egitto come in Marocco e altrove il 40% della popolazione è analfabeta, c’è gente che vive per anni con un dollaro al giorno, che non riesce a mangiare. In Siria un terzo della popolazione ha il compito di spiare gli altri, i telefoni sono controllati e ovunque prevale un clima di insicurezza. Quando una persona è sospettata viene presa dalla polizia e torturata… questi sono i metodi. La gente è stufa, esasperata. Oggi i giovani sono stati spinti alla ribellione dall’urgenza di libertà e di giustizia: nelle manifestazioni erano insieme, non hanno utilizzato nessuno slogan anti-americano e anti-israeliano». «L’anelito dei giovani – continua – era autentico, ma non organizzato, privo di un programma politico, e di fatto non ha trovato strade percorribili. I fondamentalisti islamici con il sostegno anche finanziario dell’Arabia Saudita e dei salafiti (la componente più estremista) hanno preso il sopravvento».

A un anno e mezzo dall’inizio delle proteste, in Tunisia è stato cacciato Ben Ali e comandano gli islamisti di Ennahda assieme ai fondamentalisti salafiti. In Egitto, dopo la cacciata di Hosni Mubarak, il Parlamento dominato da Fratelli Musulmani e salafiti è stato sciolto dalla Corte suprema costituzionale, molti pensano con l’appoggio del Consiglio supremo delle forze armate, ma è stato eletto presidente Mohamed Morsi, dei Fratelli Musulmani. In Libia, in seguito all’uccisione da parte dei ribelli con l’aiuto della Nato di Muammar Gheddafi, ha preso il potere il Consiglio nazionale transitorio libico, che non è stato in grado di fermare le scorribande delle bande armate e i desideri di indipendenza della Cirenaica. Nel paese non esiste ancora un sistema giudiziario e gli ex uomini di Gheddafi sono vittime di una vera e propria «caccia all’uomo». Le recenti elezioni hanno visto trionfare come primo partito quello dell’islamista moderato Jibril, ma l’orientamento del Parlamento sarà deciso dai candidati indipendenti. In Yemen, da quando il dittatore Saleh ha ceduto il potere nel novembre del 2011, è in atto una pesante battaglia tra il governo provvisorio e i miliziani di Al Qaeda, che hanno preso il controllo di alcune città nel sud del paese instaurando la sharia. In Siria la situazione è in continua evoluzione, l’esercito dei ribelli dà battaglia al regime di Assad ad Aleppo e nella capitale Damasco, dopo quasi due anni di conflitto. Mentre scricchiola l’esercito di Assad, i cristiani temono che si apra la stagione delle vendette e che i civili di Damasco siano trattati come “traditori” perché non hanno preso parte attiva alla rivoluzione. L’arcivescovo di Damasco mons. Samir Nassar ha dichiarato: «Si vive un’apocalisse a Damasco, e si spera con tutto il cuore, la mente e le forze, che venga presto la resurrezione».

Articoli Tempi

In Egitto le bambine potranno sposarsi «in accordo con i precetti islamici»

Egitto, brucia la Bibbia e si difende: «Il cristianesimo è blasfemo». Nessuno protesta

«Il Papa non si è tirato indietro davanti ai cannoni. Così conforta noi cristiani del Libano»

Libia. Micalessin: giustizia internazionale impotente e frontiere fuori controllo

In Bahrein costruiscono la chiesa cattolica più grande della Penisola arabica. Islam infuriato

I prestiti sono usura? Dall’interpretazione del Corano dipende il futuro dell’Egitto

Libia, islamici demoliscono santuari nel centro di Tripoli. Ministro: «Sono più forti dello Stato»

Siria, cristiani: «I ribelli fondamentalisti ci vogliono cacciare dal paese»

«Vogliono introdurre nella Costituzione dell’Egitto il taglio delle mani e la lapidazione»

Siria, arcivescovo di Damasco: «Stiamo vivendo l’apocalisse»

Egitto, Parlamento dissolto. Cattolici: «Sentenza giusta, occasione per la Primavera araba»

Primavera araba, o della presa islamista del potere

«La Siria rischia di diventare come l’Iraq. Per colpa dell’Occidente»

Libia al voto dopo 48 anni, ma il paese è nel caos

Rivolte arabe, tutto come previsto. Ora si metta alla prova l’islam di governo

Libia islamica? «Ergastolo per chi offende la religione»

Time, Della Porta Raffo: «Manifestante persona dell’anno? Demagogia»

L’annus horribilis dei regimi non è l’età dell’oro della democrazia

Nessuna paura della Primavera araba

La Turchia si riposiziona con la “primavera araba” (e mette in crisi al Maliki)

«Siria come la Libia? Solo sotto un aspetto: i cristiani dicano già addio alla libertà religiosa»

Primavera araba o inverno dei popoli?


Tunisia, al via la nuova costituzione ma senza l’introduzione della sharia

Samir: «Libia, Egitto, Tunisia, Siria: dalla “primavera” siamo passati all’inverno»

Quanto conta la libertà religiosa nei paesi della primavera araba?

A novembre il Meeting torna al Cairo. «Non c’è libertà senza educazione»

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

“Voglio una sedia a sdraio sotto un ombrellone. Con quattro ruote, capace di portare due contadini e le loro mercanzie nel massimo della sicurezza e del comfort. Deve costare poco ed essere riparabile coi ferri con cui si aggiusta il trattore. Deve consumare non più di quattro litri per cento chilometri, essere facile da guidare […]

L'articolo Citroën 2CV Soleil, viaggio nel tempo proviene da RED Live.

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.