L’enormità di quel “sia fatta la tua volontà”

A., ora spaventata, era uno straccio. Tra le coperte, sudata, stordita dagli antibiotici, smise di trattare. Forse perché era così stanca, finalmente si arrese: va bene, facciamo quel che vuoi tu