Scuole paritarie. Passi avanti dal governo ma «per avere giustizia ed equità serve una legge»

Dopo l’incontro tra il ministro e le associazioni, Giulio Massa (Aninsei) parla a tempi.it: «Aderiamo incondizionatamente alla proposta che Tempi ha lanciato. Ora ci sono due trattamenti per lo stesso servizio pubblico»

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

scuola-alunni-shutterstock-78859288

Pace fatta tra scuole paritarie e governo? Non proprio, ma qualche passettino in avanti c’è stato. A cominciare dalla mattina del 4 agosto, quando rappresentanti dell’esecutivo e delle associazioni si sono incontrati a Palazzo Chigi. Il tema dell’incontro era naturalmente “Imu – Scuole paritarie”, un confronto che si è ritenuto necessario dopo la sentenza della Cassazione sul contenzioso tra Comune di Livorno e due istituti paritari sul pagamento dell’Ici per il periodo 2004/2009.

«MOLTO SODDISFATTA». Al tavole erano presenti il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti e il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini. Per le associazioni, invece, c’erano Fidae, Aninsei, Agidae, Ucei, Usmi, Fism e Cdo-Opere educative. «Sono molto soddisfatta dalla disponibilità mostrata dal Governo e in particolare dal ministro Giannini», fa sapere suor Anna Monia Alfieri, responsabile del settore scuola per l’Usmi.

GIUSTIZIA, NON PRIVILEGI. In particolare, «è sulla prospettiva di esaminare i costi della scuola con l’intento di individuare un costo standard che vedo grande disponibilità da parte dell’esecutivo». Stesso apprezzamento arriva anche dal presidente nazionale di Fidae. Don Francesco Macrì non era presente all’incontro, ma da suoi delegati al tavolo del governo ne ricava anch’egli impressione positiva: «Sembra di percepire tutte le premesse per una conclusione equa della problematica fisco-scuola paritaria. Equa perché noi non cerchiamo privilegi ma giustizia. Salvo inghippi, ci muoviamo pur sempre su un terreno politico, a metà settembre ci sarà un secondo appuntamento del tavolo di lavoro dove speriamo di arrivare a stabilire finalmente regole certe in materia di fisco e paritarie».

«SERVE UNA LEGGE». Giulio Massa (Aninsei) smorza un po’ i toni: «La trattativa di ieri è solo un primo passo. Quello che chiediamo al governo è che venga riconosciuta la funzione pubblica della scuola paritaria», dice a tempi.it. «Per fare questo bisogna stabilire se queste scuole sono considerate enti commerciali oppure no. Fatto questo, per togliere ogni tipo di interpretazione serve una norma, una legge, qualcosa di scritto che equipari le scuole paritarie a quelle statali in materia fiscale. Adesso non c’è equità, le faccio un esempio: oggi le scuole statali pagano la tassa sui rifiuti in base al numero di studenti; quelle paritarie in base ai metri quadrati della scuola. Ne risultano tasse sproporzionate. Le sembra normale? Per questo aderiamo incondizionatamente alla proposta che Tempi ha lanciato, perché oggi, a conti fatti, ci sono due trattamenti diversi per uno stesso servizio pubblico».

CONFERMA DELL’ESENZIONE. Per settembre, dunque, si attende una conferma definitiva e certa dell’esenzione dall’Imu per le scuole paritarie e dell’applicazione della normativa Monti relativa alla vecchia Ici. E soprattutto la possibilità di affrontare in modo completo l’intero aspetto fiscale relativo alle scuole paritarie e le eventuali attività commerciali legate agli istituti scolastici.

Foto scuola da Shutterstock

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •