Google+

Migranti. «La linea dura del governo è necessaria davanti al fallimento dell’Ue»

giugno 26, 2018 Leone Grotti

Intervista all’ex sottosegretario agli Interni, Alfredo Mantovano: «L’obiettivo è raggiungere un accordo in Europa e alzare la voce, anche a costo di far arrabbiare i nostri partner, è un primo passo»

Tutti contro tutti. È la sintesi perfetta del pre-vertice europeo sul tema dell’immigrazione che si è tenuto domenica a Bruxelles tra 16 paesi e nel quale non è stato raggiunto alcun accordo. «Che non ci sia neanche un’ipotesi di strada comune da percorrere su un tema così cruciale, che decide le sorti dei governi e delle elezioni nei principali paesi europei, è un fallimento. Dimostra ancora una volta che l’Ue è sicuramente un’unione monetaria, ma non politica. Ognuno pensa esclusivamente ai propri problemi, non esistono intenti comuni». È sconsolato Alfredo Mantovano, magistrato, già sottosegretario di Stato del ministero degli Interni tra il 2001 e il 2006 e tra il 2008 e il 2011. Commentando a tempi.it il summit e la politica del governo giallo-verde sul tema dell’immigrazione dichiara: «Siamo comunque messi meglio di due anni fa. La fermezza di Matteo Salvini è solo un primo passo, ovviamente: crea dissidi e malumori in Europa, ma è necessario».

 L’Italia ha proposto di aprire hotspot nei paesi di transito, per verificare chi è un rifugiato politico e chi no, e di redistribuire tra tutti i paesi europei chi ha diritto d’asilo e i pochi che riusciranno ugualmente a sbarcare sulle coste europee con mezzi di fortuna. Cosa pensa di questa soluzione?
Questa era un’ipotesi di lavoro già nel governo di cui ho fatto parte: non è certo una proposta originale, ma è di buon senso. Chi è perseguitato o scappa dalla guerra o da crisi umanitarie deve ottenere protezione e l’ideale è fare una selezione a monte, per poi garantire il trasporto di queste persone nei paesi europei. In questo modo è più semplice fare una ripartizione proporzionale e garantire la sicurezza delle persone, strappandole al controllo degli schiavisti. Ma perché venga realizzata, e perché vengano convinti paesi come Libia o Tunisia, c’è bisogno del peso politico di una Unione Europea compatta, che dovrebbe affrontare in modo unito anche la copertura economica di una simile operazione, che avrebbe un costo importante.

Con la Turchia un accordo simile è stato raggiunto velocemente: perché non è possibile farlo con la Libia?
Chi si imbarca dalla Turchia alla volta della Grecia ha solitamente come obiettivo quello di raggiungere la Germania. È vero che i tedeschi hanno aperto le porte nel 2015, ma le hanno richiuse presto. L’accordo con la Turchia è funzionale soprattutto agli interessi della Germania, che ha un altro peso politico rispetto all’Italia e che è riuscita a far passare l’accordo nonostante i costi ingenti (sei miliardi) e nonostante i rifugiati in Turchia non siano trattenuti in condizioni ottimali.

E per quanto riguarda la Libia?
L’atteggiamento degli altri paesi europei verso l’Italia è sempre lo stesso: sono affari vostri perché Libia e Tunisia sono vostri dirimpettai. Il fallimento del pre-vertice di domenica è il fallimento della mediazione europea.

Intanto il ministro degli Interni, Matteo Salvini, continua a usare la linea dura con le navi delle Ong che caricano i migranti spingendosi troppo vicino alle acque territoriali libiche. È la strategia giusta?
Più che altro direi necessaria. Per quanto il ministro Minniti abbia condotto delle politiche efficaci, trovando un accordo con i capi clan e tribù libici perché contenessero le partenze, ha messo più che altro una toppa. Non si tratta di una soluzione viabile a medio e lungo termine. Negli anni precedenti, i governi hanno sempre lanciato questo messaggio ai paesi del Mediterraneo e al resto d’Europa: non vi preoccupate, tanto ci pensiamo noi. L’Europa si è abituata a considerare questo problema come esclusivamente italiano, perché gli ultimi governi non hanno mai posto seriamente il tema. È normale che ora i nostri partner europei siano irritati davanti al cambio di politica ed è inevitabile che l’Italia richiami al rispetto delle regole.

Quali?
Nessuna persona di buon senso può immaginare che Malta faccia da hotspot europeo, perché ha una superficie territoriale troppo piccola e una popolazione troppo esigua. Però Malta riceve ingenti fondi internazionali per svolgere operazioni Sar (Searche and Rescue) nel tratto di Mediterraneo di sua competenza. Non possono sempre rifiutarsi di accogliere i migranti, incassando con una mano i fondi e con l’altra respingendo i barconi e le navi delle Ong.

Il governo ha fatto bene a vietare all’Aquarius di attraccare nei porti italiani?
Penso di sì. Anche le Ong devono rispettare le regole: un conto è seguire le leggi del mare, che impongono il soccorso a chi è in difficoltà, un altro è caricare direttamente i migranti nelle acque territoriali libiche. Questo non è soccorso, ma concorso nel reato di immigrazione clandestina. È chiaro che il pugno duro può essere solo un punto di partenza, non si può gestire il problema dell’immigrazione solo con i bracci di ferro. Ma da qualche parte bisogna cominciare. Se oggi altri paesi europei, a partire dalla Spagna, si pongono il problema di aprire i porti è solo grazie alla nuova fermezza del governo italiano, sconosciuta in passato.

L’obiettivo è trovare un accordo politico nell’Ue. Ma se, come sembra, sarà impossibile, cosa potrebbe fare il governo?
L’Italia dovrà vedersela da sola e cercare di fare accordi bilaterali con le varie realtà libiche, con la Tunisia e l’Egitto. Potrebbe anche stringere un accordo con il blocco dei paesi che si affacciano sul Mediterraneo, anche se in questo momento le divergenze politiche con Francia e Spagna mi sembrano molto grandi. L’alternativa è cercare solidarietà dal gruppo Visegrad, anche se loro hanno obiettivi diversi dai nostri. Servirà molta pazienza e determinazione per trovare un accordo. Dal punto di vista degli interessi italiani, però, mi sembra che siamo messi meglio oggi rispetto a due anni fa, quando piegavamo la testa senza neanche alzare la voce. Il confronto aspro di questi giorni è la premessa necessaria al raggiungimento di un accordo.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.