Google+

Giappone, le Olimpiadi tirano più del nucleare. Il candidato pro atomo vince le elezioni a Tokyo puntando sui Giochi

febbraio 10, 2014 Leone Grotti

Yoichi Masuzoe è stato eletto ieri governatore di Tokyo. Come il governo, anche lui è convinto che il paese non può fare a meno delle centrali nucleari e i numeri sono dalla sua parte

Più che il nucleare, poteron le Olimpiadi. Parafrasando Dante, è questo il motivo per cui i giapponesi hanno eletto ieri come nuovo governatore di Tokyo Yoichi Masuzoe, membro del partito al governo e aperto sostenitore della causa nucleare nonostante il terremoto e lo tsunami che nel 2011 hanno causato l’incidente alla centrale di Fukushima.

MEGLIO LE OLIMPIADI. Tre anni dopo, i pochissimi giapponesi che si sono recati alle urne per votare (appena il 34%) non hanno ascoltato i candidati che hanno fatto della retorica anti-nucleare, ancora molto forte nel paese, il messaggio chiave della campagna elettorale. Hanno invece preferito Masuzoe che, liquidando in poche battute il problema nucleare proponendo una «graduale diminuzione» della dipendenza nipponica dall’atomo, si è concentrato sulla preparazione delle Olimpiadi, che saranno ospitate nel 2020 dalla capitale giapponese. «Prometto che i Giochi olimpici e paralimpici del 2020 saranno un successo», ha ripetuto spesso, portando a casa la vittoria.

PIANO PRO NUCLEARE. La sua elezione non è stata certo un referendum sull’energia nucleare, ma non si può ignorare che il candidato di opposizione Morihiro Hosokawa aveva promesso, se eletto, di mandare all’aria il piano energetico del governo di Shinzo Abe. Ad oggi nessuno dei 52 reattori nucleari giapponesi è in funzione ma il governo ha promesso di presentare un piano per farli ripartire in modo graduale.

IL COSTO DELL’ATOMO. Prima dell’incidente di Fukushima, il 30 per cento dell’energia usata dal Giappone proveniva dalle sue centrali nucleari. Nonostante la maggioranza della popolazione si sia pronunciata in diversi sondaggi contro l’atomo, il governo non ha alcuna intenzione di spendere per l’energia 34 miliardi di dollari in più all’anno, secondo le stime più favorevoli, 68 secondo quelle più pessimiste, rinunciando al nucleare.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.