Google+

Tutto il mondo parla del Congresso comunista. Ecco perché ai cinesi, invece, non gliene frega niente

novembre 6, 2012 Leone Grotti

Il Congresso cinese, la successione del Partito comunista, il principino Xi Jinping, l’epurazione di Bo Xilai, le lotte di potere intestine, il mancato riferimento a Mao Zedong nella Costituzione emendata, l’influenza di Jiang Zemin sulle nomine del Comitato permanente del Politburo. Da una settimana tutti i giornali occidentali sono pieni di articoli su questi temi. Quotidiani, mensili e settimanali cercano di entrare nelle maglie chiusissime del processo decisionale del Partito comunista cinese, di discutere delle nuove riforme che servono alla Cina e che forse i prossimi gerarchi che verranno scelti nel Congresso che si apre l’8 novembre a Pechino approveranno. Sono argomenti che interessano a tutto il mondo tranne che a un miliardo e 300 milioni di persone: gli abitanti della Cina.

«IL PARTITO? NON HA NIENTE A CHE FARE CON ME». I giornali stranieri ovviamente vanno a nozze con il gossip politico e i misteri del Partito comunista in Cina ma tutto questo ai cinesi non importa affatto. «Chi guiderà il Partito comunista cinese dopo Hu Jintao? Non lo so e non mi importa. Non ha niente a che vedere con me» dice così al South China Morning Post Cao Lifei, da poco laureatosi a Pechino. «So solo che ci sarà un nuovo imperatore e che tutto potrebbe cambiare sotto di lui».

«LE PERSONE NORMALI NON POSSONO SCEGLIERE». Tutti sanno che il nuovo segretario del Partito comunista sarà Xi Jinping, peccato solo che a sceglierlo non sarà il popolo cinese. «Non so quale agenda politica vorranno adottare: queste cose sono troppo lontane dalla vita delle persone normali come me» dichiara un muratore. «Questi sono problemi loro, non miei». Wu Hui, docente alla Central Party School di Pechino, spiega bene perché ai cinesi non importa niente della nomina della nuova leadership del paese: «Il Partito e i suoi membri sono distanti dalla gente. Le persone normali non possono eleggere ufficiali diversi dai capi dei villaggi, per questo non sono attaccati al regime». Bisogna aggiungere che, come se non bastasse, anche le elezioni locali vengono eterodirette, visto che per candidarsi bisogna essere approvati dal Partito.

MAO? CHI SE NE FREGA. Lungo le strade di Pechino, addobbate a festa per l’occasione, si leggono striscioni che recitano “Senza il Partito comunista, non ci sarebbe una nuova Cina” ma la gente non ci fa neanche più caso. Come dice un ingegnere: «Il Partito cerca di costruire un’atmosfera armoniosa ma è difficile. Alla gente non importa del Congresso perché il Partito non ha più l’appoggio della gente». Inutile quindi parlare ai cinesi di possibili riforme economiche o politiche, perché quando un popolo di un miliardo e 300 milioni di persone non ha voce in capitolo quando si tratta di scegliere le sette persone che guideranno il paese per i prossimi dieci anni, quando una persona viene condannata a 8 anni di prigione perché scrive un articolo sulla democrazia su internet, quando alla vigilia del Congresso i tassisti non possono abbassare i finestrini e i dissidenti vengono arrestati, sapere se nella nuova Costituzione si farà o no riferimento a Mao Zedong è davvero poco importante.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La show car a batteria al debutto al Salone di Parigi può contare su di un motore da 170 cv e un’autonomia di 600 km. È una hatchback compatta disponibile a guida autonoma e anticipa 30 futuri modelli elettrici Volkswagen. Una rivoluzione.

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana