Usa attaccano la Siria. Abou Khazen: «Perché vogliono decidere loro per noi?»

Stanotte Donald Trump ha ordinato di attaccare la base siriana da cui sarebbero partiti gli aerei carichi di armi chimiche. La rabbia del vicario apostolico di Aleppo a tempi.it: «Avvantaggia solo i jihadisti»

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

«È sempre la stessa storia. Hanno fatto lo stesso in Iraq, in Libia e ora in Siria. Purtroppo l’ipocrisia degli Stati Uniti non cambia mai». È sgomento e arrabbiato monsignor Georges Abou Khazen, vicario apostolico di Aleppo, commentando a tempi.it l’attacco missilistico di questa notte con cui gli Stati Uniti hanno inflitto «pesanti danni» alla base siriana di Al Shayrat, da dove secondo l’intelligence americana sarebbero partiti i jet di Bashar al-Assad carichi di armi chimiche.

Alle 2.30 (ora italiana) il presidente degli Stati Uniti ha ordinato di attaccare con 59 missili Tomahawk la base siriana. Sarebbero morte almeno sei persone. Subito dopo l’attacco, Donald Trump ha brevemente dichiarato davanti alle telecamere che l’azione vuole essere una risposta «all’orribile attacco chimico contro civili innocenti; usando un letale gas nervino, Assad ha stroncato la vita di uomini, donne e bambini».

Come già scritto da tempi.it, l’attacco sarebbe avvenuto a Idlib ma le fonti che certificano la colpevolezza di Assad e le conseguenze dell’attacco sono molto dubbie, essendo un territorio interamente controllato da terroristi islamici. «L’attacco chimico è solo una scusa», continua il vicario apostolico, «se volevano sapere davvero che cosa è successo, perché non hanno inviato una commissione? Perché non hanno mandato una squadra per capire chi sono i responsabili?».

Dopo l’attacco chimico a Ghouta del 2013, che per poco non aveva innescato l’invasione della Siria da parte degli Stati Uniti, la commissione d’inchiesta aveva stabilito che i colpevoli potevano essere anche i ribelli e il rapporto finale dell’Opcw (Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche) presentato nel dicembre 2015 ha escluso qualsiasi compatibilità tra il gas Sarin utilizzato nell’agosto 2013 e quello trasferito dai depositi siriani e distrutto sotto il controllo dell’organizzazione.

«Noi dobbiamo domandarci: a chi giova questo attacco chimico?», non si dà pace monsignor Abou Khazen. «Chi avvantaggia? Non la Siria, non Assad ma solo i jihadisti. E loro fanno vedere solo quello che vogliono, hanno in mano tutta la propaganda e il mondo intero gli va dietro». La città di Aleppo è da poco stata liberata dall’assedio dei terroristi (dicembre 2016), ma per la Siria non c’è pace: «Io l’ho sempre detto: non si può cantare vittoria perché con gli americani bisogna aspettarsi di tutto. Perché vogliono decidere loro per noi? Perché non lasciano che sia il popolo siriano a scegliere da chi vuole essere governato?».

Dopo la grande paura di stanotte il popolo siriano è «indignato, triste. Che cosa le devo dire? Ringraziamo tutti gli americani e gli inglesi, anche perché l’Isis ha appena ricominciato ad attaccare qui vicino. Forse non è un caso. La verità è che gli americani vogliono arrivare a conquistare i giacimenti di petrolio e gas. E non è certo la prima volta che ci attaccano: quando hanno attaccato la centrale elettrica qui vicino, che forse non riusciremo più a sistemare, qualcuno ha protestato? No, nessuno ha aperto bocca. E non è forse un crimine? Che cos’è, anche quello un atto umanitario?».

Foto Ansa/Ap

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •