Aldo Trento: Caro amico che ti fai di cocaina, noi vogliamo la luna, non le latrine

Nessuno, se è sincero, può negare che il piacere che uno prova dà un senso momentaneo di felicità. Se qualcuno pensasse il contrario sarebbe solo per moralismo, come diceva Pavese parlando dei clericali che si scandalizzano di certi peccati solo perché loro non possono farli, nonostante li desiderino

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •