Google+

Sperimentazione, «ora tocca agli animalisti dimostrare un po’ di etica e responsabilità»

febbraio 9, 2016 Redazione

Elena Cattaneo: i progressi della medicina si ottengono solo grazie alle cavie e anche a loro beneficio. Davvero i nemici della “vivisezione” sono pronti a rinunciarvi?

manifestazione-anti-vivsezione-ansa

L’inserto RSalute di Repubblica si apre oggi con due intere pagine molto interessanti sulla sperimentazione animale. La tesi, esposta dalla professoressa Elena Cattaneo, docente all’Università Statale di Milano e senatrice a vita, sempre molto attiva nelle discussioni che riguardano la ricerca scientifica, è che tuttora i test sulle cavie «ci salvano la vita», sono indispensabili per far progredire la medicina. E se davvero gli animalisti intendono battersi fino in fondo per metterla definitivamente al bando, dovrebbero almeno spiegare quale prezzo saremmo tutti costretti a pagare per questa rinuncia.

DECINE DI TERAPIE. «Senza la sperimentazione animale – scrive la Cattaneo – non avremmo quasi nessuna delle conoscenze sul funzionamento di tessuti e organi, né sarebbe stato possibile sviluppare terapie di prevenzione o trattamenti per i malati». I test sulle cavie sono strumenti di studio ancora assolutamente indispensabili «per decine di migliaia di ricerche». L’inserto di Repubblica propone in proposito una infografica molto eloquente, dove sono elencate, a partire dagli inizi del XX secolo, diverse decine di terapie che non sarebbero mai state messe a punto senza il “contributo” delle cavie: dal vaccino anti-vaiolo a quello contro l’Alzheimer (studio attualmente in corso), passando per la scoperta e l’uso dell’insulina, il trapianto di cuore e di altri organi e tantissimi farmaci fondamentali.

L’ESEMPIO DI EBOLA. La stessa senatrice fa nel suo articolo alcuni esempi efficaci. Uno fra tutti, quello di Ebola: «Durante l’epidemia di Ebola del 2014 – ricorda la Cattaneo – il nostro Paese scoprì, con orgoglio, che a produrre uno dei due vaccini approvati era stata una piccola biotech italiana, la Okairos fondata da Riccardo Cortese con sede all’Irbm di Pomezia e al Ceinge di Napoli. Furono utilizzati roditori nella fase iniziale e primati. Che vennero vaccinati e poi inoculati con l’Ebola: sopravvissero tutti. Un successo per la ricerca biomedica, per gli animali e soprattutto per i malati».

L’EVOLUZIONE. Secondo la ricercatrice, infatti, del progresso della medicina sono primari beneficiari anche gli stessi animali. «Nel parlare di sperimentazione animale in Italia, si è ancora legati a un immaginario novecentesco, quando conoscenze imprecise rendevano necessari più animali» e metodi a volte cruenti. Ma «oggi è diverso», spiega la Cattaneo. «Il rapporto tra ricercatori e animali di laboratorio è cambiato profondamente grazie ai progressi della ricerca biomedica, sempre più precisa, personalizzata e affidabile. La genomica permette di conoscere le predisposizioni del singolo ad una malattia; di usare una quantità di farmaco calibrata sul paziente o anticorpi monoclonali per colpire una forma specifica di tumore. E con calcoli statistici permette di predire il numero esatto di animali necessari nei test».

QUALI ALTERNATIVE? Gli scienziati, insiste la senatrice, sono i primi a vigilare – perfino, a volte, per motivi “affettivi” – affinché le loro cavie non subiscano inutili sofferenze (e «grazie alla scienza abbiamo imparato a calibrare numeri, dosi e funzioni, evitando ogni sofferenza all’animale»). Ma sanno benissimo di non poterne fare a meno. Spiega la Cattaneo: «I pochi metodi “alternativi”, più correttamente ”complementari”, sono usati se razionalmente utili e scientificamente validi, e non c’è bisogno di raccomandane l’uso. È implicito. Ma per il 99,9% degli esperimenti non esistono alternative (abbiamo presente la complessità del corpo umano?)».

COERENZA, PREGO. E qui sta il punto. Osserva la professoressa: «Se oggi curiamo malattie infettive mortali, attenuiamo dolori lancinanti, stabilizziamo l’umore, salviamo i nostri figli e portiamo a remissione alcune forme di cancro, lo dobbiamo al lavoro svolto anche sugli animali». Nei confronti dei quali, aggiunge, «la scienza procede in questa direzione di continua tensione etica e responsabilità». Ebbene, incalza la Cattaneo, adesso «tocca agli animalisti» (e ai politici che sposano la loro battaglia) dimostrare etica, responsabilità e coerenza. Rinuncino pure alle terapie e ai farmaci ottenuti grazie alla sperimentazione animale. E soprattutto «siano “precisi” nello spiegare praticamente ai malati a quale destino li si consegna e lo siano anche nelle parole, evitando di manipolare la realtà» parlando appunto di fantomatici metodi “alternativi” o «inventandosi la pratica (inesistente) della “vivisezione”».

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ridisegnata nei dettagli e capace di offrire un allestimento più ricco, la Ford Ecosport sta riuscendo a ritagliarsi una fetta importante del mercato SUV. Il motore TDCi da 100 cv è il cuore giusto per lei? Scopriamolo in questa prova

L'articolo Prova Ford Ecosport 2018 <br> il bello della concretezza proviene da RED Live.

Nasce sulla base del Crafter e promette praticità e abitabilità da camper. A fine agosto ne sapremo di più

L'articolo Volkswagen Grand California, perché la vita è un viaggio proviene da RED Live.

Piegano come una moto (a volte pure di più) ma offrono più sicurezza e abitabilità. Con un buon "allestimento" possono essere una valida alternativa all'auto offrendo velocità e agilità da scooter e protezione (anche dei vestiti) da auto. Sono i mezzi a tre ruote, sia scooter sia moto, con sistema di basculamento. Quasi tutti scooter hanno però una guest star. Ecco quali sono e come vanno.

L'articolo Moto e scooter, quando due ruote non bastano. Ecco i migliori tre ruote proviene da RED Live.

I prezzi partono da 24.650 euro, quattro gli allestimenti disponibili

L'articolo Peugeot 2008, arriva il 1.5 BlueHDi con cambio automatico proviene da RED Live.

Per chi vuole qualcosa in più della solita Sport Utility, con l'accento sulla sportività. Farà il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi, in ottobre

L'articolo Skoda Karoq Sportline, la SUV che va di fretta proviene da RED Live.