«Se il governo non interviene tra 25 anni non ci saranno più cristiani in Nigeria»

L’appello drammatico del National Christian Elders Forum: «Centinaia di cristiani vengono uccisi ogni giorno, mentre la sharia ha sempre più forza. Realisticamente parlando, rischiamo l’estinzione entro il 2048»

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Un gruppo di leader cristiani in Nigeria ha lanciato un appello drammatico: «Realisticamente parlando, il cristianesimo in Nigeria è vicino all’estinzione. L’ascendente dell’ideologia della sharia suona la campana a morto per la chiesa nigeriana». Così Bosun Emmanuel, segretario del National Christian Elders Forum, ha parlato domenica al quotidiano locale Punch.

AGENDA ANTI-CRISTIANA. Per quanto l’affermazione appaia esagerata, visto che nel paese più popoloso dell’Africa circa metà della popolazione di 186 milioni è cristiana, Emmanuel punta il dito contro l’amministrazione del presidente Muhammadu Buhari, accusato di «perseguire apertamente un’agenda anti-cristiana che ha portato al massacro di moltissimi cristiani in tutto il paese e alla distruzione di comunità vulnerabili».

LA MINACCIA DEI FULANI. Il riferimento non è soltanto all’inefficace risposta del governo nei confronti dei crimini perpetrati da Boko Haram, i terroristi islamici che dal 2009 a oggi hanno ucciso soprattutto nel Nord del paese più di 20 mila persone, ma anche all’indifferenza di Abuja verso le violenze contro i cristiani compiute ogni giorno dai pastori musulmani Fulani nella parte centrale della Nigeria. Secondo Human Rights Watch, solo tra il 2010 e il 2013 e in un solo stato (quello di Plateau), i Fulani hanno ucciso oltre 500 cristiani; tra il settembre 2016 e il gennaio 2017, nello stato di Kaduna, hanno incendiato 53 villaggi e massacrato 808 persone. Negli attacchi di sabato vicino a Jos sono morte invece almeno 86 persone, anche se fonti locali parlano di oltre 200.

«ISLAMIZZARE LA NIGERIA». Molti vescovi hanno già parlato negli ultimi mesi di un tentativo di «islamizzare la Middle Belt nigeriana». Ora secondo il gruppo National Christian Elders Forum, intervenuto con il suo segretario a una conferenza dei laici cattolici nigeriani, «possiamo dire che i cristiani rischiano l’estinzione in Nigeria nei prossimi 25 anni, da qui al 2048. Potremmo essere noi l’ultima generazione di cristiani del paese se non cambieranno le cose. Centinaia di persone vengono uccise ogni giorno, mentre la sharia cresce sempre di più».

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •