Libia. Esercito appoggia ex generale contro le milizie islamiste

L’Operazione dignità di Khalifa Haftar vuole fare piazza pulita di tutte le milizie irregolari con la forza. Ansar Al Sharia a Bengasi promette guerra: «Sono simpatizzanti dell’ex regime e laici manipolati dall’Occidente»

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

khalifa haftarOttiene sempre più consensi e appoggi l'”Operazione dignità” lanciata in Libia dall’ex generale Khalifa Haftar, che nell’ultima settimana ha sferrato un’offensiva a Bengasi, nell’est del paese, contro le milizie islamiste e a Tripoli contro il Parlamento, costringendolo a sospendere i lavori.

ELIMINARE LE MILIZIE ISLAMISTE. L’obiettivo dell’ex generale è riportare la stabilità, eliminando quelle milizie islamiche che hanno combattuto contro Gheddafi e ora stanno prendendo il potere in diverse parti del paese. Haftar, che ha condotto i suoi attacchi con aviazione e carri armati, ha ottenuto l’appoggio dell’ambasciatore libico alle Nazioni Unite, di due ministri, anche se la notizia non è confermata, dell’aviazione dell’esercito, del secondo battaglione di Sicurezza stanziato nel sud del paese, delle Forze speciali stanziate a Bengasi, della Marina e di parte dell’intelligence.

«COLPO DI STATO». Il governo ha chiamato il suo tentativo di prendere il potere «colpo di Stato», mentre l’ex premier Ali Zeidan, fuggito in Europa dopo essere stato deposto, ha dichiarato di «sostenere la lotta al terrorismo dell’esercito». In realtà da quando è finito il regime di Gheddafi, lo Stato libico praticamente non esiste e non riesce a controllare il paese, che vive un periodo di pericolosa instabilità, con le milizie ribelli islamiste e non che hanno preso il comando di città, aeroporti, porti e centri petroliferi.

get_img-2ANSAR AL SHARIA. Il principale nemico dell’ex generale Haftar è però Ansar Al Sharia, gruppo terroristico che domina la città di Bengasi, roccaforte dei ribelli, e che ha ucciso nel 2012 l’ambasciatore americano Chris Stevens. Proprio la milizia islamista ha pubblicato l’altro giorno un documento in cui condanna la guerra dell’ex generale «contro i giovani musulmani». Il gruppo, che vuole instaurare un califfato e che ha già perseguitato e ucciso decine di cristiani, afferma di non essere una banda terrorista, immagine distorta «offerta da canali televisivi malvagi che vogliono seminare la discordia» e da «simpatizzanti dell’ex regime e laici manipolati dall’Occidente».

«STABILITÀ ATTRAVERSO LA SHARIA». Il gruppo, dopo aver dichiarato che farà guerra al nemico, ha rivendicato l’obiettivo di portare «la stabilità» ma «attraverso la sharia islamica» e ha chiesto a tutte «le tribù decenti e onorabili della Libia» di combattere l’ex generale. Ma Haftar ha già ottenuto l’appoggio delle potenti milizie di Zintan e sembra che anche altre tribù siano pronte a porre fine al caso e all’instabilità che regnano sovrani in Libia. Anche con l’uso della forza.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •