“Islam. Prima che il problema diventi tragedia”. Cosa c’è nel nuovo numero di Tempi

Interviste a Maryan Ismail, musulmana sufi, storica rappresentante della comunità somala di Milano, e monsignor Massimo Camisasca; tutto sulle Olimpiadi e sulla ripresa che non esiste

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

2016_TEMPI_30-31-32_Copa“Islam. Prima che il problema diventi tragedia” è il titolo di copertina del nuovo numero del settimanale Tempi in edicola da oggi. Vi proponiamo un’intervista a Maryan Ismail, musulmana sufi, donna di sinistra e progressista, storica portavoce della comunità somala di Milano. Appena fuoriuscita dal Pd, critica aspramente la decisione del sindaco di Milano Beppe Sala di parteggiare per l’islam radicale e indica la strada per riformare l’islam, «che sta per morire ucciso dagli stessi musulmani».

UN’ATTRATTIVA VINCENTE. Monsignor Massimo Camisasca, fondatore della Fraternità sacerdotale San Carlo Borromeo e oggi vescovo di Reggio Emilia, in occasione dell’uscita del suo ultimo libro (Il nostro volto), ci racconta la Fraternità e il futuro che vede per la Chiesa: «Sarà segnato dall’espandersi di piccole o grandi comunità in cui l’esperienza originaria della vita cristiana risplende in modo più intenso e libero».

TUTTO SULLE OLIMPIADI. In vista dell’apertura dei Giochi di Rio, Roberto Perrone ci racconta le avventure vissute come inviato, da Seul ’88 a Londra 2012, sempre alla ricerca di quelle storie che almeno una volta nella vita ti fanno entusiasmare. In più il docente di Letteratura greca, Giuseppe Zanetto, spiega somiglianze e differenze tra l’Olimpiade antica e quella moderna. Non c’è più Zeus ma c’era già Usain Bolt.

LA CHIAMAVANO RIPRESA. La favola del governo si infrange sugli ultimi dati Istat che segnalano un aumento della povertà assoluto soprattutto tra le famiglie giovani del nord Italia. Il rischio è ancora maggiore per chi ha il coraggio di fare figli.

Poi, come sempre, le rubriche di Corradi, Corigliano, Farina, Fortunato, Mantovano, Perri, Tortorella, Trento, Valenti… Gli abbonati possono leggerlo e scaricarlo all’indirizzo http://settimanale.tempi.it/. Qui trovate l’elenco delle edicole in cui è acquistabile.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •