Inaugurata la Brebemi, Renzi: «Lombardia esempio di eccellenza»

Via all’autostrada che collegherà in modo più veloce Milano, Bergamo e Brescia. Il premier: «Gratitudine agli amministratori che hanno permesso il completamento dell’opera». Maroni: «Ora si sblocchi defiscalizzazione Pedemontana»

Anche il premier Matteo Renzi e il governatore della regione Lombardia Roberto Maroni stamattina hanno partecipato a Fara Oliva (Bergamo) al taglio del nastro della Brebemi, l’autostrada di 62,5 chilometri che collegherà Milano, Bergamo e Brescia e si allaccerà alla Tangenziale est Milano, un progetto che decongestionerà il traffico su gomma della Lombardia. All’inaugurazione stamattina hanno partecipato anche il ministro dei Trasporti Maurizio Lupi e quello dell’Agricoltura, Maurizio Martina.

«LOMBARDIA ESEMPIO DI ECCELLENZA». Renzi nel suo discorso ha voluto ringraziare anche l’ex governatore della Lombardia Roberto Formigoni: «Ci sono da dare risposte e noi lo faremo. C’è gratidudine verso le imprese che hanno concepito l’opera, le maestranze che hanno lavorato e gli amministratori che hanno l’orgoglio di aver permesso il completamento dell’opera. Ma per loro è l’asfalto a parlare. Non è la prima opera “tangent free”, ma siamo felici che nessuno scandalo abbia colpito questa infrastruttura». Poi Renzi ha aggiunto: «Dobbiamo smettere di fare di noi un racconto paradossale, del Paese solo del buon vino e del buon cibo. Voi Lombardia siete la nostra eccellenza».

FORMIGONI: «OPERA FINANZIATA DA PRIVATI». Anche Roberto Formigoni ha partecipato al varo dell’infrastruttura la cui progettazione è iniziata nel 1996, e ha voluto sottolineare che «Questa è una delle opere innovative che concepimmo noi assieme alle Camere di Commercio con un finanziamento esclusivamente privato anche se poi nel corso del tempo lo Stato ha riconosciuto qualcosa. È un’opera moderna come soltanto in Lombardia si riescono a fare».

MARONI: «PREMIER SBLOCCHI PEDEMONTANA». Dello stesso avviso anche l’attuale governatore Maroni, che ha colto l’occasione per lanciare un appello al premier e più direttamente al Cipe per un’altra infrastruttura attesa dalla Lombardia: «La Brebemi è un’altra opera di eccellenza realizzata nei tempi previsti, tiene conto dell’impatto ambientale, delle richieste territorio e fatta con soldi privati. Renzi deve però sbloccare la defiscalizzazione della Pedemontana. Gli basta una telefonata al Cipe».

INCREMENTO DEL PIL PER 382 MILIONI. Se il sindaco di Bergamo Giorgio Gori (renziano) ha voluto invece sottolineare che «Venti anni per ultimare 62 km sono tanti, tantissimi. Il ritardo dimostra come le cose in questo Paese siano andate a rilento. Per fortuna che c’era Expo perché quando abbiamo una scadenza magari all’ultimo ci diamo una mossa», oggi si sono anche discussi i benefici dell’opera. Brebemi infatti, ha spiegato il Consigliere incaricato di Assolombarda per la competitività territoriale, Rosario Bifulco, «È un’opera fortemente voluta dal territorio e che porterà grandi benefici a tutto il Nord Italia in termini di aumento del Pil e di riduzione dei tempi di percorrenza delle persone e delle merci. L’entrata in esercizio della Brebemi, infatti, consentirà a regime un risparmio sui tempi annui di percorrenza pari a circa 20 milioni di ore e un incremento annuo del Pil stimato in 382 milioni di euro». Lungo l’intero tratto autostradale, inoltre, sono state montate 174 telecamere, per consentire di monitorare il traffico ma anche di lanciare subito l’allarme per eventuali incidenti o problemi sulle carreggiate.