Google+

Germania. Merkel sacrifica migranti e accoglienza per formare un nuovo governo

ottobre 9, 2017 Redazione

La cancelliera ha accettato di stabilire un tetto al numero di immigrati (massimo 200 mila) che ogni anno possono entrare nel paese. Oltre all’accoglienza, sarà sacrificata una Ue più unita

epa05420916 A smiling German Chancellor Angela Merkel stands next to a European Union (EU) and a German national flag as she waits for the arrival of the guests during a reception of the Diplomatic Corps at the German government's guesthouse in Meseberg, Germany, 11 July 2016.  EPA/MAURIZIO GAMBARINI

Angela Merkel ha accettato di scendere a patti sui migranti per formare un governo di coalizione in Germania e i peggiori timori veicolati dai giornali all’indomani del voto del 24 settembre cominciano ad assumere una fisionomia reale, riporta la Bbc. I vertici della Csu, sorella bavarese della Cdu della Merkel, ha infatti chiesto per entrare in un governo di coalizione di stabilire un tetto al numero di immigrati che ogni anno possono entrare nel paese.

TETTO AI MIGRANTI. Alle elezioni di settembre l’Unione Cdu-Csu ha vinto le elezioni con il 32,9% dei voti, ma ha perso quasi il 9% rispetto al 2013 a favore del partito nazionalista Afd. La Csu, in particolare, ha perso il 10% dei voti in Bavaria e vuole invertire la rotta prima delle elezioni regionali previste per il 2018. Dopo che la cancelliera ha approvato l’entrata nel paese nel 2015 di 1,3 milioni di immigrati, ora la Csu ha ottenuto che il prossimo governo limiti il numero di ingressi annuali a 200 mila. La Merkel è sempre stata contraria a misure di questo tipo ma ha dovuto cedere nel tentativo di formare una nuova coalizione anche con liberali e verdi.

GUAI PER L’UE. Si sta verificando, dunque, quello che molti temevano e cioè che la Merkel sarà costretta a scendere a patti per formare un nuovo governo. Questi patti, però, non riguardano solo l’accoglienza, prontamente sacrificata, ma anche l’Ue. Liberali e verdi, infatti, chiedono una linea monetaria europea meno accomodante verso i paesi indebitati come l’Italia. Si oppongono anche a qualsiasi riforma dell’Eurozona: niente bilancio comune, niente ministro delle Finanze europeo e soprattutto niente comunitarizzazione del debito. Sarà varata, invece, una linea di austerità ancora più rigida per tutti. La Merkel ha già detto che i negoziati con i possibili alleati saranno «difficili». Di sicuro, il tentativo di «recuperare voti a destra» sarà deleterio per tutta l’Europa.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Kia Stinger è un’auto che segna per l’azienda coreana un nuovo approccio: 380 cavalli, quattro posti, design e grinta da sportiva. per questo anche le attività di marketing e comunicazione seguono un percorso diverso. Stinger approda in tv con “Wishlist, il metodo Stinger”, una mini-serie di 3 episodi da 30 minuti, in onda sul NOVE la […]

L'articolo Kia Stinger, mini serie per la tv proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.