Genocidio armeno. Più Erdogan strepita, più si rivela debole

Erdogan attacca Biden per il riconoscimento del genocidio armeno. Alle parole, però, non seguono i fatti perché l’economia della Turchia è troppo fragile

Il presidente Recep Tayyip Erdogan parla ai media in Turchia

Il riconoscimento ufficiale del genocidio armeno da parte di Joe Biden ha mandato su tutte le furie Recep Tayyip Erdogan. Il “sultano” ha intimato agli Stati Uniti di «rivedere immediatamente questo passo falso». Ha spiegato che il riconoscimento «avrà effetti devastanti sulle nostre relazioni bilaterali». Ha aggiunto che i rapporti con gli Usa «sono danneggiati come mai prima d’ora». E poi non ha fatto nulla di concreto, svelando l’estrema debolezza della Turchia.

La Turchia è debole

Il presidente turco sa di non potersi permettere sanzioni contro gli Stati Uniti per non indebolire ulteriormente un’economia già fragile e inimicarsi l’alleato Nato. Al contrario di quanto fatto in precedenza, non ha nemmeno ritirato l’ambasciatore, dimostrando ancora una volta l’inconsistenza delle minacce di Ankara. Al di là delle dichiarazioni di fuoco, infatti, più Erdogan urla più dimostra di essere debole.

Quando nell’aprile 2019 la Camera dei deputati italiana riconobbe il genocidio armeno, Ankara si infuriò e ritirò il proprio ambasciatore. La stessa cosa fece nel 2015, quando fu papa Francesco a esprimersi sul genocidio. In entrambi i casi, gli ambasciatori tornarono al loro posto dopo pochi mesi.

Il genocidio armeno è un fatto

Erdogan sa che l’economia della Turchia è fragile. L’inflazione a marzo è cresciuta per il sesto mese consecutivo, aumentando il costo delle importazioni, a causa del continuo deprezzamento della lira. Nell’ultimo anno la lira turca ha perso più di un quinto del suo valore rispetto al dollaro americano. Ecco perché Ankara non può permettersi di protestare seriamente per il riconoscimento del genocidio armeno da parte di Biden.

Parlare di genocidio armeno in Turchia è un reato punito dall’articolo 301 del codice penale. Ma lo sterminio di 1,5 milioni di armeni tra il 1915 e il 1917 è un fatto storico confermato da decine di migliaia di documenti ufficiali. Persino Hasan Cemal, nipote di quel Djemal Pasha che fu uno degli architetti del genocidio, ha scritto un  libro intitolato 1915. Genocidio armeno, tradotto in Italia da Guerini. Nel libro si legge: «Finché noi turchi non prendiamo coscienza di ciò che è avvenuto, non potremo fare pace col nostro passato e considerarci una nazione con una storia».

@LeoneGrotti

Foto Ansa