Francia. Hollande presenterà una legge per legalizzare «l’eutanasia ipocrita»

Se il presidente seguirà i consigli del Comitato etico consultivo nazionale, non approverà né l’eutanasia né il suicidio assistito, ma la «sedazione terminale»

«Il presidente della Repubblica François Hollande ci ha detto che intende depositare un progetto di legge sul fine vita a marzo». È stato il presidente onorario del partito radicale di sinistra (Prg), Roger-Gérard Schwartzenberg, a confermare una voce che in Francia circola da settimane: Hollande baratterà una legge sull’eutanasia in cambio della fedeltà dei radicali, che hanno minacciato di non appoggiare più la maggioranza di governo.

LA PROMESSA DI HOLLANDE. Il leader del partito socialista pensa a una legge sul fine vita dall’inizio del suo mandato e a gennaio 2014, in pieno scandalo Gayet, ha dichiarato in conferenza stampa che avrebbe legalizzato l’eutanasia. Il terreno viene preparato da anni: nel dicembre del 2013 la conferenza dei cittadini ha dato parere positivo sia al suicidio assistito «per persone in grado di intendere e di volere» sia all’eutanasia «da autorizzarsi dopo un confronto tra i parenti dei pazienti e una commissione medica per malati terminali non in grado di esprimere la propria volontà».

«NO AL SUICIDIO ASSISTITO». In precedenza, nel luglio 2013, il Comitato etico consultivo nazionale (Ccne), seguendo l’esito del rapporto Sicard, si era espresso contro l’introduzione «di suicidio assistito ed eutanasia» ma aveva aperto a un cambiamento della legge Leonetti del 2005 perché venissero contemplate anche «le disposizioni anticipate di trattamento e la sedazione terminale».

eutanasia-olanda-malati-mente«SCANDALO CURE PALLIATIVE». Giovedì il Ccne ha fatto uscire un nuovo rapporto, che rappresenta la sintesi del percorso partito nel 2012 con il rapporto Sicard. La sintesi evidenzia prima di tutto lo «scandalo» del mancato accesso in Francia alle cure palliative. «L’80 per cento delle persone che dovrebbero avervi accesso, non ce l’hanno», si legge. Il testo propone dunque che le cure palliative, vera alternativa all’eutanasia, siano davvero rese disponibili a tutti. Dopo aver constatato che eutanasia e suicidio assistito «dividono profondamente» i francesi, la sintesi rilancia sulla sedazione terminale, «sostenuta a larga maggioranza dalla popolazione.

«EUTANASIA IPOCRITA». Al contrario del rapporto del 2013, però, la sintesi riconosce che la sedazione terminale presenta un problema di «applicazione» che «merita di essere approfondito». Perché, come ammesso da un membro del Ccne, Régis Aubry, parlare di sedazione terminale significa dirigersi verso una forma di «eutanasia ipocrita». Ora Hollande potrà usare questo rapporto come meglio crede ma l’accordo rivelato dai radicali fa già capire verso quale direzione andrà l’azione legislativa del governo francese.