Google+

Papà Josef ha perso il campione Schwazer, ma forse ha rivisto Alex, suo figlio

agosto 10, 2012 Laura D'Incalci

“Mi sento colpevole” ha reagito Josef Schwazer, rivelando di aver improvvisamente percepito tutta la propria inadeguatezza nel modo di stare accanto a quel figlio ossessionato dal successo agonistico

«Mi prendo tutte le responsabilità… ho fatto tutto da solo»: ha continuato a ripetere così Alex Schwazer mentre si è visto cadere il modo addosso dopo aver tradito se stesso e gli altri, l’allenatore, lo sport e il mondo intero. Caduto nell’illusione di un sogno costruito con l’inganno e pagato a caro prezzo, l’atleta altoatesino espulso dalle Olimpiadi per doping, oggi suo malgrado trasmette un messaggio singolare. Specialmente mentre alle sue dichiarazioni, giudicate semplicemente come la puerile reazione di chi non avrebbe forse potuto dire niente di diverso data la prova certa del misfatto, fanno eco le parole del padre immediatamente in gara con lui nel prendesi sulle spalle tutto il peso di quel tragico errore. «Mi sento colpevole» ha reagito Josef Schwazer, rivelando di aver improvvisamente percepito tutta la propria inadeguatezza nel modo di stare accanto a quel figlio ossessionato dal successo agonistico da raggiungere a qualsiasi costo.

Alex non è una macchina, è un essere umano: questa la dolorosa scoperta di un padre coraggioso e controcorrente nella sua analisi lucida che non usa per accampare scuse o attenuanti per sé o per il figlio, ma per aprire interrogativi,  per scrutare gli abissi mai sondati di un’esperienza soffocante, alienante e disumana che aveva irretito persino le relazioni familiari. «L’ultima volta che è partito da qui era distrutto. Forse l’ha fatto per non deludere gli altri… Era schiacciato da un peso che non riusciva più a sopportare», ha dichiarato il papà di Alex denunciando l’ottusa latitanza dal proprio compito.

E mentre i commenti di queste ore mettono giustamente a fuoco soprattutto sconcerto e delusione per la notizia che ha sconvolto il mondo dello sport, rilanciando le prerogative autentiche della competizione sportiva e il dovere della lotta al doping, la cronaca delle Olimpiadi esce dai suoi margini imponendo lo sgomento di un padre.

L’accorato e istintivo “mea culpa” di Josef Schwazer, sembra introdurci nel contesto delineato da Henrik Stangerup che ne L’uomo che voleva essere colpevole profetizza l’avvento di una società dove i contorni della responsabilità personale sono talmente labili da rendere insignificante il peso degli errori, ma anche la possibilità di redenzione dell’esperienza. Noi in quel genere di palude prefigurata dallo scrittore danese siamo spesso immersi: solitamente, la “caccia al colpevole” ci viene facilissima di fronte a problemi e malefatte, ma si connette ad un’infinita serie di imputati – dalla maestra dell’asilo ai prof delle superiori, dalle compagnie devianti ai media sempre diseducativi, alle depressioni del nostro mondo povero di ideali, eccetera – ma si traduce in una sorta di scaricabarile che difficilmente  suscita una profonda implicazione personale, il desiderio di una svolta e di un respiro diverso. In questo senso, colpisce la lezione di un padre che “semplicemente” guarda il figlio che l’ha combinata grossa, si accorge innanzitutto del proprio limite e cambia prospettiva. Si pente di aver sempre guardato il suo ragazzo come si guarda ad un campione che deve farcela, che avrà successo, che avrà e darà tante soddisfazioni… e di non averlo mai guardato per quello che è, nella sua umanità grande e fragile al contempo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Moreno scrive:

    Caro Josef,non te la devi prendere con te stesso. Il genitore è un mestiere molto difficile, stai molto vicino ad Alex, perchè ne avrà tanto bisogno…Non rammaricarti di quello che potevi o non potevi fare,non sapremo mai se noi genitori abbiamo fatto le cose giuste per i nostri figli,l’importante è farle con amore.
    Mi dispiace tanto per Alex,potevano evitargli la gogna mediatica è stato uno strazio. Adesso si che ha bisogno di te.Cordiali saluti.
    Moreno.

La rassegna stampa di Tempi
Sulle tracce di Cristo - Viaggio in Terrasanta con don Luigi Giussani

Tempi Motori – a cura di Red Live

Quando un’azienda si permette di dire che la sua forza risiede nell’inventare quello che non esiste ancora e riconsiderare e ridefinire quello che esiste già, i casi sono due: o se la tira o fa molto sul serio e, oggi che la specializzazione nel mondo della MTB è massima, quando un brand mette in campo […]

L'articolo Le nuove gomme Michelin per XC e All Mountain proviene da RED Live.

“Quelle foto lì le facevo alla Bellucci”. Così, spuntando dal nulla, si è rivolto a noi uno strano personaggio sulla settantina, capello mosso bianco e lungo, stile Maurizio Vandelli, nell’incantevole borgo di San Leo, mentre lo staff di RED riprendeva le nostre imponenti americane nel bel mezzo della piazza principale. Non siamo nemmeno riusciti a […]

L'articolo Harley-Davidson, in viaggio lungo la Linea Gotica proviene da RED Live.

Come sarà l’auto del futuro? Davanti a questa domanda non tutti hanno le idee ugualmente chiare ma quelli di Mercedes sono pronti a rispondere senza la minima esitazione, neanche sapessero fare l’oroscopo al mondo automotive osservando proprio la Stella a tre punte. La loro visione ha quattro capisaldi, sintetizzati dalla sigla C.A.S.E.: secondo i vertici […]

L'articolo Mercedes CASE: il futuro parte dalla connettività proviene da RED Live.

Quello di Bridgestone nel mondo olimpico è un viaggio lungo un decennio. La sua partnership con il Comitato Olimpico Internazionale (CIO), annunciata a Tokyo 2014, si prolungherà infatti fino ai Giochi del 2014, passando per le Olimpiadi Invernali di PyeongChang 2018, i Giochi Olimpici di Tokyo 2020, le Olimpiadi invernali a Pechino 2022. Un percorso che il marchio nipponico, produttore […]

L'articolo Bridgestone sogna insieme agli atleti olimpici proviene da RED Live.

È una ribelle per tradizione. In un mondo dove tutto viene racchiuso e catalogato entro rigidi schemi, la nuova Suzuki Swift non tradisce lo spirito del precedente modello e scardina, ancora una volta, l’esistente. Non è infatti una city car, dato che con una lunghezza di 3,84 metri risulta più grande rispetto a una Fiat […]

L'articolo Prova Suzuki Swift 1.0 BoosterJet SHVS proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana