Google+

Papà Josef ha perso il campione Schwazer, ma forse ha rivisto Alex, suo figlio

agosto 10, 2012 Laura D'Incalci

“Mi sento colpevole” ha reagito Josef Schwazer, rivelando di aver improvvisamente percepito tutta la propria inadeguatezza nel modo di stare accanto a quel figlio ossessionato dal successo agonistico

«Mi prendo tutte le responsabilità… ho fatto tutto da solo»: ha continuato a ripetere così Alex Schwazer mentre si è visto cadere il modo addosso dopo aver tradito se stesso e gli altri, l’allenatore, lo sport e il mondo intero. Caduto nell’illusione di un sogno costruito con l’inganno e pagato a caro prezzo, l’atleta altoatesino espulso dalle Olimpiadi per doping, oggi suo malgrado trasmette un messaggio singolare. Specialmente mentre alle sue dichiarazioni, giudicate semplicemente come la puerile reazione di chi non avrebbe forse potuto dire niente di diverso data la prova certa del misfatto, fanno eco le parole del padre immediatamente in gara con lui nel prendesi sulle spalle tutto il peso di quel tragico errore. «Mi sento colpevole» ha reagito Josef Schwazer, rivelando di aver improvvisamente percepito tutta la propria inadeguatezza nel modo di stare accanto a quel figlio ossessionato dal successo agonistico da raggiungere a qualsiasi costo.

Alex non è una macchina, è un essere umano: questa la dolorosa scoperta di un padre coraggioso e controcorrente nella sua analisi lucida che non usa per accampare scuse o attenuanti per sé o per il figlio, ma per aprire interrogativi,  per scrutare gli abissi mai sondati di un’esperienza soffocante, alienante e disumana che aveva irretito persino le relazioni familiari. «L’ultima volta che è partito da qui era distrutto. Forse l’ha fatto per non deludere gli altri… Era schiacciato da un peso che non riusciva più a sopportare», ha dichiarato il papà di Alex denunciando l’ottusa latitanza dal proprio compito.

E mentre i commenti di queste ore mettono giustamente a fuoco soprattutto sconcerto e delusione per la notizia che ha sconvolto il mondo dello sport, rilanciando le prerogative autentiche della competizione sportiva e il dovere della lotta al doping, la cronaca delle Olimpiadi esce dai suoi margini imponendo lo sgomento di un padre.

L’accorato e istintivo “mea culpa” di Josef Schwazer, sembra introdurci nel contesto delineato da Henrik Stangerup che ne L’uomo che voleva essere colpevole profetizza l’avvento di una società dove i contorni della responsabilità personale sono talmente labili da rendere insignificante il peso degli errori, ma anche la possibilità di redenzione dell’esperienza. Noi in quel genere di palude prefigurata dallo scrittore danese siamo spesso immersi: solitamente, la “caccia al colpevole” ci viene facilissima di fronte a problemi e malefatte, ma si connette ad un’infinita serie di imputati – dalla maestra dell’asilo ai prof delle superiori, dalle compagnie devianti ai media sempre diseducativi, alle depressioni del nostro mondo povero di ideali, eccetera – ma si traduce in una sorta di scaricabarile che difficilmente  suscita una profonda implicazione personale, il desiderio di una svolta e di un respiro diverso. In questo senso, colpisce la lezione di un padre che “semplicemente” guarda il figlio che l’ha combinata grossa, si accorge innanzitutto del proprio limite e cambia prospettiva. Si pente di aver sempre guardato il suo ragazzo come si guarda ad un campione che deve farcela, che avrà successo, che avrà e darà tante soddisfazioni… e di non averlo mai guardato per quello che è, nella sua umanità grande e fragile al contempo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Moreno scrive:

    Caro Josef,non te la devi prendere con te stesso. Il genitore è un mestiere molto difficile, stai molto vicino ad Alex, perchè ne avrà tanto bisogno…Non rammaricarti di quello che potevi o non potevi fare,non sapremo mai se noi genitori abbiamo fatto le cose giuste per i nostri figli,l’importante è farle con amore.
    Mi dispiace tanto per Alex,potevano evitargli la gogna mediatica è stato uno strazio. Adesso si che ha bisogno di te.Cordiali saluti.
    Moreno.

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

La concept tedesca è un omaggio alla storica 2002 Turbo del 1973, di cui reinterpreta le linee in chiave moderna. Abbina un interasse generoso a sbalzi contenuti e carreggiate extra large. È destinata a rimanere un esercizio di stile.

Un anno di attesa per guidare l'auto che segna il rientro di Alfa Romeo nell'olimpo delle Supercar. La Giulia Quadrifoglio è una scarica di adrenalina capace di far bollire il sangue nelle vene. Anche le versioni "normali", però, dimostrano di avere lo stesso DNA.

La versione high performance della compatta sportiva francese potrebbe adottare il 2.0 turbo da 275 cv della sorella maggiore Mégane RS. In alternativa, il consueto 1.6 turbo benzina verrebbe portato a 250 cv. Carreggiate allargate e assetto racing.

La monovolume francese a sette posti cambia radicalmente, crescendo in dimensioni e abitabilità sulle orme della “sorella minore” Scénic. Debutta un inedito powertrain ibrido a gasolio. Dotazione di sicurezza molto completa.

La seconda generazione di 3008 cresce nelle dimensioni, nella capacità di carico e nella ricchezza delle dotazioni sia di sicurezza sia multimediali. Confermato il controllo della trazione evoluto Grip Control. Motori turbo benzina o diesel con potenze da 130 a 180 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana