Google+

L’Italia è finalmente dietro la Grecia. Si ringraziano sindacati, magistrati e la sinistra tutta diritti e niente realtà

marzo 30, 2014 Luigi Amicone

Il Fmi conferma: Roma è più lenta di Atene. Ma basta farsi un giro in città per constatare che nel paese non c’è praticamente più nulla che funzioni regolarmente

«Quest’anno il Pil dell’Italia e quello della Grecia risultano appaiati nelle crescita dello 0,6 per cento. Ma nel 2015 l’Italia crescerà meno della Grecia». Il dato del Fondo monetario internazionale corrisponde all’esperienza che fa chiunque non viva sulla luna.

Come facevano gli italiani a sapere che il loro Belpaese è al capolinea, buon ultimo dopo gli ultimi in Europa, se non glielo raccontava il Fmi? Semplice, all’italiano basta passeggiare per le strade della sua città invasa da zingari, vagabondi, accattoni. Gli basta riflettere sul fatto che mentre Roma sprofonda nei debiti, i poveri grandi giornali hanno tempo, denaro e lusso per dedicarsi alle memorie veltroniane del partito comunista. Gli basta vivere in una capitale dove i mezzi pubblici non viaggiano se il governo non fa un decreto per pagare la benzina e dove la spazzatura monta la guardia al Campidoglio. Povera Italia!

Non tarderemo a vedere la crisi dello smagliante Renzi. Lo Stato italiano, purtroppo, sembra irriformabile. I suoi corpi separati, burocratici e giudiziari, sono barricati nei loro uffici. E di lì annientano le ultime isole di società e commerci che davano un po’ di ossigeno al Paese. Pensate al caso Lombardia. Non paghi di aver massacrato Formigoni e benché la gente resista, nel lavoro e nell’operosità, anche se deve subire chiusure quotidiane di piccole e grandi aziende, i magistrati entrano di nuovo in azione con l’ascia mettendo a repentaglio addirittura l’Expo, manifestazione internazionale che attrae capitali e lustro in un Paese in ginocchio.

Non c’è praticamente più nulla che funzioni regolarmente. Ma i sindacati si permettono proteste che rendono ancora più grama la vita ai senza lavoro. Droga e immigrazione clandestina dilagano. Ma grazie a una sinistra alleata di giornali benpensanti si deve concedere che ci sono droghe cosiddette leggere e ci sono tratte degli schiavi che non si devono discriminare. Gran parte degli incidenti mortali sulle strade sono causati da ubriachi, clandestini senza patente, balordi che trascorrono le notti nelle discoteche a riempirsi di ecstasy. Ma noi pensiamo a come allargare i famosi “diritti”.

E cos’è la violenza su donne e bambini se non l’espressione più eclatante di una violenza diffusa ad ogni livello, alimentata da una perseguita decadenza che va all’attacco di ogni dato di fatto, senso di realtà, autorità, gerarchia, ordine, disciplina? Nelle scuole sopravvivono gruppi di studenti che vengono usati da sessantottini con un piede nella tomba per fare casino su qualsiasi cosa abbia valenza ideologica. Malattie psichiatriche che avanzano in progressione geometrica e cani nei parchi che rimpiazzano giochi e vociare di ragazzini. Vie e piazze che puzzano di urine e feci, non un muro di casa e vagone di treno che non sia imbrattato dai writer. Nessun luogo dove star tranquilli e “pubblico” come sinonimo di “accampamento”. Dove da un momento all’altro può saltar fuori un vagabondo, una bestia randagia, uno che riscrive il sequestro Moro, l’altro la letteratura scientifica sui vaccini.

Quanto pensate che possa durare l’ebollizione in questa pentola a pressione che è l’Italia? Qui ci vuole un Fronte di Salvezza Nazionale. Altro che.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

48 Commenti

  1. Alex says:

    In mezzo a considerazioni sensate sulla sinistra e i sindacati, come al solito Amicone scade alla fine con discorsi degni di un incrocio tra Funari e Borghezio. Dove si apparentano vagabondi e bestie randage. Che la pianti di essere subalterno a Ferrara.

    • Danilo says:

      Dopo “L’Isola che non c’e’ “qualcuno vede “La parentela che non c’e’ “.Mai mettere freni all’accopiamento improprio e’ un principio del 68.

    • Danilo says:

      Dopo “L’Isola che non c’e’ “qualcuno vede “La parentela che non c’e’ “.Mai mettere freni all’accoppiamento improprio e’ un principio del 68,e poi se”Tutto e’ il contrario di tutto”,come fanno a essere parenti?

    • Danilo says:

      Dopo “L’Isola che non c’e’ “qualcuno vede “La parentela che non c’e’ “.Mai mettere freni all’accoppiata impropria e’ un principio del 68,e poi se”Tutto e’ il contrario di tutto”,come fanno a essere parenti?

  2. Filomena says:

    Non ho mai visto un articolo così fazioso. E poi si parla di dittatura dei mass media, in questo testo c’è un’accozzaglia di cose che non c’entrano nulla con la crisi, il PIL ecc.
    E’ il manifesto di un gruppo di frustrati che trasmettono il loro odio per qualsiasi cosa e per qualsiasi persona diversa da loro.
    Più ideologico di così e dopo si lamentano dei giornali più noti….

    • diabolika says:

      Filomena ,amica mia , ma se gli articoli di tempi ti stanno cosi sulle pa..e, cambia rivista! O sei masochista ? ah ah ah, senza rancore, tanto per dirlo!

      • beppe says:

        diabolika, filomena non può perdonare che si tocchino i sessantottini, che per lei sono la meglio gioventù. ma vai a cagare.

  3. augusto says:

    Si ringraziano anche tutte le forze politiche e non che sostengono le tesi della troika

  4. Massimo says:

    Questo ragionamento non fa una piega. Infatti, paesi come l’Inghilterra, dove ieri i matrimoni gay sono diventati realta’ e dove i diritti umani sono ben piu’ tutelati che in Italia (tantoche’ un condannato per mafia non e’ stato estradato per le condizioni incivili delle carceri italiane) se la passano molto peggio, e gli italiani che vedo continuamente venire a cercare lavori manuali in Inghilterra (quando erano architetetti e lauerati in Italia) sono qui’ solo a fare le vacanze. In Brianza si dice, balle d’Egitto!

    • augusto says:

      l’Inghilterra è quella Patria ideale per tanti europei ,dove le periferie sono in mano agli islamisti e alla delinquenza organizzata delle numerose gangs, dove esistono le Corti che applicano la sharia,dove però portare una minuscola croce al collo può significare licenziamento, tanto per fare qualche esmpio

      • Massimo says:

        Augusto, con tutto il rispetto. Io ci vivo da venticinque anni. Le bande criminali ci sono dappertutto – basta guardare l’Italia – l’applicazione della sharia non l’ho mai vista e non conosco nessuno che e’ stato licenziato per aver portato una croce, a parte l’assurdo caso di una che non voleva conformarsi alla divisa di una particolare compagnia aerea. Invece centinaia di migliaia di persone potranno fruire dell’istituzione del matrimonio che li rende uguali a tutti di fronte alla legge. In Italia non c’e’ neanche una legge contro l’omofobia e certi alti prelati dicono che i vescovi non hanno obbligo di denunciare alle autorita’ competenti i preti pedofili apparentemente per tutelare la privacy delle vittime. Sara’ quella la civilta’.

        • augusto says:

          Caro Massimo, per farla breve, nessun pregiudizio nei confronti del popolo inglese, tra cui ho amici e conoscenti,ma se è quello il futuro della civiltà Europea, preferisco cambiare continente.

  5. vito says:

    sante parole Direttore…

  6. augusto says:

    Marxisti e liberali, fedeli seguaci delle direttive della troika, hanno distrutto il nostro Paese negli ultimii 25 anni

    • Hectro Hammond says:

      A differenza della Chiesa , la troika è intoccabile 🙁 .

      • Hector Hammond says:

        Su quanto siano galantuomini i grandi organismi internazionali economici c’è un libro assai interessante in giro: memorie di un sicario dell’economia.

  7. Cisco says:

    Troppo comodi i capri espiatori enunciati, la realtà e’ che quando c’era una politica degna che guidava il paese invece di essere succube del consenso le cose andavano meglio. Poi sono arrivate televendite, nani e ballerine che piacciono tanto alla “gente”, e la politica si è ridotta a cazzeggiare nel nulla. Un nulla pari all’accidia degli educatori, tra preti in letargo e famiglie allo sbando, scuole fatiscenti e intellettuali servi del potere (o della gleba, che poi è lo stesso).

  8. gionni says:

    Sig. Amicone, è bello leggere qualcuno che ha le idee così chiare, tutto il male di la, tutto il bene di qua.
    Il male? Certamente la “triplice” che non si sbaglia mai, le sinistre e i Giudici comunisti, che vai sul sicuro, drogati e gay, che sono li apposta per sfasciare le famiglie.
    E’ bello anche leggere del simbolo del male: Roma.
    In fin dei conti gli indizi ci sono tutti: Un Sindaco di sinistra, i Ministeri, i Politici.
    Che facciamo, qualche perplessità la si può esternare?
    Si può dire che il Sindaco di Roma è da 9 mesi Marino di CentroSinistra e che prima per 5 anni c’ era stato Alemanno di Destra? E, se si vuole un pò allargare il discorso, alla Regione Lazio da un anno c’ è Zingaretti CSX e prima per 3 anni c’ è stata la Polverini?
    Che dice, i danni li hanno fatti tutti i sinistrorsi?

    Risaliamo verso l’ amata Lombardia.
    Se non ci fosse Crozza che l’ ha preso di mira, Formigoni sarebbe ancora la, all’ ultimo piano del nuovo, costosissimo e inutilissimo grattacielo della Regione?
    Credo che Maroni, che mi pare abbia più buon senso, non l’ avrebbe mai fatto costruire.
    Quanti soldi pubblici per la vanagloria di uno solo , che potevano essere impiegati meglio?
    In effetti, Maroni, continua a gestire la Regione con buoni standard, però vogliamo scommettere che quando la Lombardia avrà una giunta di CentroSinistra, continuerà ad essere ben governata?
    Anzi, magari meglio, se la sanità pubblica ricomincerà ad occuparsi anche di cose tipo l’ Odontoiatria, graziosamente regalata ai privati dalle ultime giunte.
    La differenza, io penso, la fa la gente; in Lombardia c’ è probabilmente più voglia di fare bene che in qualche altra Regione, e allora le cose vanno meglio. A prescindere dal colore di chi governa.

    Per concludere, ci spiega che il problema di un’ Italia ormai a livello Grecia, sono zingari, vagabondi, accattoni.
    Mai sentito parlare di malapolitica, di una classe dirigente arraffona, corrotta, capace solo di farsi i propri interessi, salvo poi, a fallimento conclamato, cercare di convincere i più sprovveduti che la colpa è sempre degli altri? E dell’ ipocrisia di chi è sempre pronto a perseguire il povero diavolo che arraffa qualcosa per sopravvivere, mentre trova tutte le giustificazioni per chi truffa, evade, corrompe “alla grande”?
    Di chi vuole farci credere che i problemi li provocano sempre gli altri, non quelli che comandano, quelli che sono costretti a subire.

    Ha nominato Veltroni e Berlinguer, due persone per bene.
    Provi a pensare a quanti ne trova a quel livello dalla sua parte.
    Quanti, con quel livello di correttezza e onestà, potrebbero mai confluire nel suo ipotetico Fronte di Salvezza Nazionale?

    • luigi lupo says:

      Prima che il direttore Amicone ti risponda, come a me, iniziando a insultarti, ti dico che sottoscrivo completamente quello che hai scritto.

      • Paolo says:

        Amicone …. Articoli faziosi come questi sono veramente rari … Delle perle complimenti !

      • giovanni says:

        E’ possibile replicare alle vostre bischerate senza offendere? Credo proprio di NO!!!!!

    • david says:

      Sottoscrivo anch’io al 100% quanto da te scritto.
      E, se non insulta, chiedo al direttore Amicone cosa ne pensa della riforma del Senato che il suo amico Alfano non vuole che sia eletto dai cittadini? un monocameralismo perfetto per garantire la prossima dittatura berlu-renzusconiana, 150 persone che siederanno lì senza che il popolo possa mettere becco.
      Amicone rassegnati!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Fai solo ululati alla luna! Hai finito insieme ai tuoi amici politici di far la bella vita mascherata dallo slogan “+società meno stato” o dallo slogan “w il no-profit”.

  9. Giava says:

    “Ma ci sono anche i peccati dei media! Mi permetto di parlare un po’ di questo. Per me, i peccati dei media, i più grossi, sono quelli che vanno sulla strada della bugia, della menzogna, e sono tre: la disinformazione, la calunnia e la diffamazione. Queste due ultime sono gravi!, ma non tanto pericolose come la prima.” …
    “Ma la disinformazione è dire la metà delle cose, quelle che sono per me più convenienti, e non dire l’altra metà. E così, quello che vede la tv o quello che sente la radio non può fare un giudizio perfetto, perché non ha gli elementi e non glieli danno. Da questi tre peccati, per favore, fuggite. Disinformazione, calunnia e diffamazione.”

  10. Roberto says:

    Nessun problema.
    Adesso, con le prossime elezioni, arriverà di redivivo B e metterà tutto in ordine.
    Niente disoccupazione, ritornerà il livello del potere d’acquisto, aumenterà il pil,
    l’Italia riconquisterà di nuovo il suo ruolo internazionale,
    diminuirà la pressione fiscale,
    aumenteranno le pensioni della fascia più indigente,
    ci sarà maggiore giustizia sociale,
    una maggiore redistribuzione del reddito.
    Non è così?
    O, forse, mi sto sbagliando?

    Quello che manca è un’analisi delle cause che hanno prodotto questi effetti.

  11. gionni says:

    Il Direttore ci ha già spiegato molto bene le cause del declino Italiano: zingari, vagabondi e accattoni.

    • beppe says:

      caro soldato JONNY ha sentito le ultime BOLDRATE della boldrina? si è lamentata del fatto che mentre si offrono trattamenti di lusso ai turisti ( paganti, ovviamente – per inciso, una delle ultime risorse rimaste all’italia e che nessuno può dislocare) ai migranti e richiedenti asilo viene offerto un trattamento scadente. ancora un colpetto all’economia e la grecia di fa mangiare la polvere.

      • augusto says:

        Bella Beppe., un personaggio squallido come boldrini rende bene l’idea di quale pasta sia fatta l’attuale classe politica europea

  12. gionni says:

    La Signora Boldrini, prima di essere eletta Presidente della Camera, aveva lavorato molti anni in organizzazioni umanitarie ONU e UNHCR, compiendo ciò che un buon Cristiano dovrebbe fare: aiutare i più poveri e i più in difficoltà.
    Quello che è squallido, è come vengano stravolte dalla stampa pseudocattolica, le parole di chi ha fatto notare, come tante volte ha fatto Papa Francesco, il disumano contrasto tra chi ostenta spesso volgarmente, il superfluo e chi non ha di che sopravvivere.

    • beppe says:

      caro gionni, tu personalmente puoi dare tutti i tuoi averi ai poveri ( e quello che faccio io non lo sai). i GOVERNANTI sono GOVERNANTI

      • gionni says:

        Oh Beppe, almeno tu hai capito cosa volevi dire?
        I GOVERNANTI sono GOVERNANTI chevvordì???
        La Signora Boldrini non ha mai governato.
        Per caso sei un Grillino, dato che sono soprattutto loro che ce l’ hanno tanto con lei?

    • beppe says:

      caro gionni, tu personalmente puoi dare tutti i tuoi averi ai poveri ( e quello che faccio io non lo sai). i GOVERNANTI sono GOVERNANTI DEI CITTADINI ITALIANI dai quali sono mantenuti con tasse esorbitanti. il loro dovere è procurare il bene dei cittadini . ora invece siamo all’inverso: abbiamo governanti che stanno distruggendo una nazione mentre loro continuano ad arricchirsi. la bordrini è un pessimo esempio di schizofrenia. non sta applicando la carità cristiana ma la sua ideologia che consiste nel far diventare tutti più poveri ( tranne lei e i suoi amici di sinistra).

    • beppe says:

      e in aggiunta quasi tutte le organizzazioni ONU promuovono ciò che un cristiano dovrebbe aborrire più di tutto , e cioè l’aborto.

      • Filomena says:

        Ancora… con sto aborto siete veramente monotematici…. riuscireste a riportare qualsiasi argomento sempre all’aborto anche a partire dalla…. mosca atomica

        • gionni says:

          Sono antiabortisti per gli altri, anzi per le altre che non possono permettersi i costi delle cliniche private.
          Così come sono antidivorzisti, sempre per gli altri. Poi, personalmente, sono quasi tutti divorziati e per combinazione, la seconda moglie ha sempre ventanni meno della prima.
          Però, quando vanno alle Manifestazioni per la Famiglia, quelle riprese dalla televisione, le lasciano a casa.

      • augusto says:

        L’attuale onu è un nemico dell’umanità , fa solo gli interessi dei poteri forti.

    • Augusto says:

      La boldrini forse ama i poveri,Gionni, ….tranne quelli Italiani,dipendesse da me verrebbe immediatamente rimossa dal suo incarico e mandata via dal Parlamento.

      • gionni says:

        E’ il terzo intervento che fai contro la Signora Boldrini, senza mai dire il perchè e magari spiegarci chi, secondo te, sarebbe più degno/a di occupare quella carica.

        • augusto says:

          Le ragioni per cui non condivido l’operato della boldrini non ti riguardano, spiega tu invece per quale motivo la sostieni.

      • giovanni says:

        Augusto, condivido in pieno!!!! Io la manderei a coccolare i suoi due gatti , uno è un povero trovatello che girava ramingo per le strade di Roma, lei lo ha visto e si è subito innamorata, la raccolto con le sue delicate manine, e come il buon samaritano, OPS e come la buona samaritana lo ha curato e rifocillato, ed ora, invidiato da tutti gli Italiani, VIVE CON LEI!!!

  13. Riccardo says:

    Tutto vero. Oltre al fatto che anche B. con le sue coalizioni e la demagogia propalata in tutti questi anni, hanno la stessa parte di colpa; nessuno può chiamarsi fuori dalla responsabilità di questo disastro.

    • gionni says:

      Ecco un ottimo ragionamento da 1 Aprile. Non è chi insulta che deve motivare ma chi chiede spiegazioni.
      Per fortuna siamo arrivati al 2 di Aprile.

      • Augusto says:

        Appunto, Gionni, invece di insultare, fornisci delle spiegazioni.

        • gionni says:

          Eilà augusto, ce la fai a capire che una frase come questa ti potrebbe costare una denuncia?

          … , un personaggio squallido come boldrini rende bene l’idea di quale pasta sia fatta l’attuale classe politica europea

          A meno che non venga considerata nemmeno degna di essere presa in considerazione.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi