Google+

Ecco le 16 regole imposte dai terroristi islamici alla città di Mosul (Iraq): crocifissioni, amputazioni e donne segregate

giugno 24, 2014 Leone Grotti

Lo Stato islamico dell’Iraq e del Levante (Isil) ha pubblicato un editto per informare i cittadini delle nuove regole vigenti in città secondo la sharia

isil-mosul-editto-islam-califfato-iraqDue giorni dopo la presa di Mosul, la seconda città più grande dell’Iraq, lo Stato islamico dell’Iraq e del Levante (Isil) ha pubblicato un editto per informare i cittadini delle nuove regole vigenti in città secondo la sharia. Il documento è diviso in 16 punto e impone gli stessi obblighi già applicati nella città siriana di Raqqa.

TRIBUTO AI CRISTIANI. Vi abbiamo già parlato della gizya, il tributo umiliante imposto ai cristiani di «minimo 250 dollari», da pagare necessariamente per mantenere la propria fede nel califfato islamico. L’Isil proibisce anche il politeismo, l’apostasia e prevede come unica via di salvezza per la polizia e i soldati dell’esercito di Al Maliki una forma di pentimento pubblica.

isil-mosul-editto-islam-califfato-iraq1PREGHIERA OBBLIGATORIA. I musulmani saranno obbligati a seguire in moschea la preghiera cinque volte al giorno, come previsto da uno dei pilastri dell’islam. Consumare droghe, alcol e tabacco è vietato, chi ruba verrà punito con l’amputazione di un arto, mentre chi uccide subirà la crocifissione in piazza.

«DONNE IN CASA». Le donne «devono restare in casa, uscire solo se necessario, il loro ruolo è provvedere alla stabilità del focolare». Qualora dovessero uscire di casa, è necessario che siano accompagnate da un familiare maschio e che vestano l’hijab. I soldi rubati dalle banche e negozi sono a disposizione esclusiva dei terroristi e saranno amministrati da un imam. I leader tribali sunniti, così come gli altri, non devono collaborare con il governo e i traditori.

mosul-isil-iraq-madonna-jihad-cristianiSANTUARI SARANNO DISTRUTTI. Protestare in pubblico è vietato, così come esporre bandiere diverse da quella nera dell’Isil. Anche possedere armi non è più possibile, visto che «Dio ci ha chiesto di restare uniti». Tutti i santuari, le tombe e le statue idolatre devono essere distrutte.
La statua della Madonna che sormontava la torre-orologio della chiesa dell’Immacolata di Mosul è già stata tirata giù e distrutta. «All’inizio abbiamo preso queste informazioni con le pinze», dichiara al Corriere della Sera padre Tahir Essa. «Eppure l’islamizzazione forzata in nome del Califfato è ormai una realtà. E proprio per questo stiamo cercando di fare uscire da Mosul gli ultimi circa 500 cristiani».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

11 Commenti

  1. beppe says:

    il ministro dell’interno ( più bravo d’europa) si attivi immediatamente per dare assistenza e rifugio ai cristiani irakeni minacciati.

    • domenico b. says:

      Mah, penso che qui da noi siano troppo occupati a dimostrare quanto siamo cattivi noi cristiani e a dimostrare la loro apertura mentale nel costruire moschee per i poveri musulmani.

  2. Aldo Cannavò says:

    Le autorità religiose cristiane dell’ Iraq debbono far pressione su quelle mussulmane affinchè spieghino ai fanatici della loro religione che l’occidente cristiano accoglie milioni di mussulmani dando loro la libertà di culto e di costruire moschee.Debbono quindi fare altrettanto con in cristiani delle loro terre,specialmente perchè debbono rispettare il Corano,che presenta Gesù come Profeta,il quale insegna l’amore del prossimo.

    • vreth says:

      Ma tanto anche se glielo dicono, non gliene frega niente! Gli islamici vogliono uccidere tutti gli infedeli e una volta fatto nei loro paesi, proveranno a farlo anche in occidente e vanno fermati sì, ma non con le parole!! L’occidente accogliendo i musulmani ha fatto la più grande cavolata che poteva fare e spero che non sia troppo tardi per fermarli!

  3. Carlo scarambone says:

    Non esistono autorita’ religiose nell’Islam. Comunque ricevuto in Vaticano con autorità di varie confessioni l’Imam Palestinese ha recitato come preghiera la Sura della Giovenca che espressamente incita a trucidare Cristiani ed Ebrei. Il Vaticano non ha tradotto e ha censurato la notizia, La chiesa fa schifo meglio pregare con fede a casa.

  4. Rodolfo Santero says:

    dal momento che sono “regole IMPOSTE” dimostrano -da soli- quanto esse siano sbagliate !.

    il memo ::
    ..”..chi di spada ferisce, di spada perisce” .. è in uso anhe da loro.

    l’mportante,… è ..-baipassare- l’OMINO con la bacinella dell’acqua…
    …………….. e dire NO !

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Una Chevrolet così potente non la si era mai vista. Del resto, mai una Corvette di serie si era spinta tanto in là. La nuova ZR1 promette di scrivere un inedito capitolo della storia della Casa americana. Attesa sul mercato dalla primavera del 2018, la sportiva a stelle e strisce vede il V8 6.2 sovralimentato […]

L'articolo Chevrolet Corvette ZR1 2018: lo show dei record proviene da RED Live.

Il Ciclocross moderno ha poco a che vedere con ciò a cui eravamo abituati: percorsi più tecnici e veloci hanno portato a un cambiamento nelle attitudini dei biker, che devono essere assecondate da biciclette altrettanto evolute. Canyon ha progettato la nuova Inflite CF SLX con in mente proprio queste rinnovate esigenze e l’ha dotata di […]

L'articolo Canyon Inflite CF SLX proviene da RED Live.

Anche se ottima ventilazione, aerazione, visiera amovibile e comfort sono aspetti molto importanti in un casco da bici, la differenza reale la fa la capacità di proteggere… Bontrager ha scelto di affidare la nostra sicurezza alle mani, o meglio, alla tecnologia di MIPS, dotando il nuovo Quantum del MIPS Brain Protection System, che a oggi rappresenta […]

L'articolo Bontrager Quantum MIPS, nuova sicurezza proviene da RED Live.

In questo momento storico, l’immagine che identifica maggiormente la californiana Tesla è quella della dea Shiva che, facendo roteare le otto braccia di cui è dotata, elargisce schiaffi a destra e a manca a tutti i brand concorrenti. Il costruttore americano, parallelamente all’unveiling della straordinaria supercar elettrica Roadster, accreditata di 10.000 Nm di coppia e […]

L'articolo Tesla Semi Truck: il camion elettrico è una belva proviene da RED Live.

L’alternativa alle note Lotus 3-Eleven, KTM X-Bow e Radical SR8 è italiana. E costa (almeno) 200.000 euro. Forte di una lunghissima esperienza nelle competizioni, la parmense Dallara Automobili, specializzata in telai e vetture da pista, ha presentato il primo modello targato della propria storia. Una vettura, non a caso denominata “Stradale”, nata quale barchetta estrema, […]

L'articolo Dallara Stradale: la prima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download