Google+

Egitto, fatwa: «Uccidete i leader dell’opposizione». Autorità islamiche non smentiscono

febbraio 8, 2013 leone-grotti

La maggiore autorità sunnita al mondo non smentisce la fatwa lanciata da un suo professore contro l’opposizione in Egitto.

«I leader dell’opposizione, Mohamed ElBaradei e Hamdeen Sabbahi, dovrebbero essere puniti con la morte perché tentano di abbattere un leader eletto dal popolo». Queste parole sono state pronunciate in Egitto questa settimana all’interno di una fatwa religiosa lanciata da Mohamoud Shaaban, professore e religioso dell’università Al-Azhar del Cairo, la massima autorità mondiale dell’islam sunnita, che ha invitato tutti i musulmani a uccidere i leader del Fronte di salvezza nazionale che si oppone a Mohamed Morsi.

UCCIDERE CHI BRUCIA IL PAESE. Le sue parole sono state subito rilanciate da un altro professore islamico, Wagdi Ghoneim, che ha invitato tutti i musulmani a «uccidere i banditi, criminali e ladri che bruciano il paese». Queste dichiarazioni, che arrivano all’indomani delle proteste contro il governo dei Fratelli Musulmani di Mohamed Morsi in occasione del secondo anniversario della Primavera araba, hanno fatto scalpore. Specie, dopo l’assassinio di mercoledì del leader dell’opposizione tunisina Chokri Belaid, ucciso proprio il giorno dopo essersi lamentato che la Tunisia era sotto una dittatura islamica.

TERRORISMO RELIGIOSO. Ieri il presidente egiziano Morsi ha condannato le parole dei due professori islamici affermando che «chi incita alla violenza politica e chi permette “omicidi” di chi sostiene posizioni politiche differenti pretendendo di parlare in nome della religione compie un atto di terrorismo». Il governo guidato dai Fratelli Musulmani ha anche dispiegato agenti di sorveglianza a protezione delle case dei leader dell’opposizione.

AL-AZHAR TACE. Nonostante le parole di Morsi, molti esponenti dell’opposizione hanno fatto notare come l’università di Al-Azhar non abbia condannato le parole del suo professore e anche la giustizia non abbia preso provvedimenti contro Mohamoud Shaaban. Così, ad esempio, Osama Qassem, leader di Jihadi, gruppo che si ritiene essere collegato ad Al-Qaeda, ha insistito che i leader dell’opposizione dovrebbero essere condannati in base ad un articolo della sharia, che prevede tra le altre cose la morte e la crocifissione.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download