Google+

Bruxelles. Controversia nelle moschee: «Non possiamo pregare per le vittime non musulmane degli attentati»

marzo 30, 2016 Leone Grotti

Sheikh Abdelhadi Sewif, capo imam della Grande moschea di Bruxelles: «Non possiamo pregare per le anime dei non musulmani. Possiamo però esprimere solidarietà alle famiglie delle vittime»

islam-bruxelles-imam-ansa

«Non possiamo pregare per le anime dei non musulmani. Mostrare solidarietà sì, ma non pregare». Ecco una controversia interna alla comunità musulmana della quale non si sentiva il bisogno in Belgio all’indomani degli attentati jihadisti di Bruxelles.
Giovedì santo l’Esecutivo dei musulmani del Belgio, l’interlocutore ufficiale dell’islam locale riconosciuto dal governo, aveva annunciato dalle colonne de LaCapitale, uno dei giornali del gruppo Sudpresse, che il venerdì seguente si sarebbe tenuta in tutte le moschee una preghiera comune per le vittime degli attentati di Bruxelles.

CONSIGLIO DEI TEOLOGI. Il Consiglio dei teologi, organo dello stesso Esecutivo, si era però opposto rifiutandosi di far leggere una dichiarazione comune e non permettendo la recita della prima sura del Corano, la Al-Fatiha, per le vittime degli attentati. Questo, appunto, perché le vittime non sono tutte musulmane e non si può pregare per i non musulmani. Al suo posto, il Consiglio ha promosso di condannare «fermamente» gli attentati e di promuovere il «rifiuto di ogni forma di radicalismo, fanatismo e terrorismo».

«ACCUSE INFONDATE». Sul sito dell’Esecutivo dei musulmani del Belgio è stato pubblicato un comunicato che denuncia le «accuse gratuite e infondate» e nega che alcuni membri del Consiglio dei teologi si siano opposti alla preghiera comune o alla recita della Al-Fatiha. Prosegue invece affermando che «delle preghiere sono state formulate nelle moschee e un minuto di silenzio è stato dedicato alle vittime».

«NON POSSIAMO PREGARE». In un servizio dell’emittente televisiva degli Emirati Arabi Uniti, Al-Ghad Al-Arabi, andato in onda sabato 26 marzo e tradotto da Memri, l’intera storia viene confermata dalla voce dei diretti interessati. In particolare, Sheikh Abdelhadi Sewif, capo imam della Grande moschea di Bruxelles, spiega: «Non possiamo pregare per le anime dei non musulmani. Se lo facciamo, dobbiamo chiamarla in un altro modo, non preghiera. Possiamo esprimere solidarietà alle famiglie delle vittime. Possiamo stare vicini a loro e aiutarli ma non pregare».

DIVISIONE. Secondo un altro imam della Grande moschea di Bruxelles, Mohamed Galaye Ndiaye, «c’è disaccordo su questo punto tra gli studiosi. Molti dicono che è proibito pregare per le anime dei non musulmani. Ma poiché [gli attacchi] sono stati un evento generale, in cui sono stati colpiti sia musulmani che non musulmani, noi ci rivolgiamo a tutte le vittime e auguriamo loro pace, misericordia e salute». La controversia sembra più teologica che altro, anche se molti membri della comunità musulmana, citati sempre da LaCapitale, lamentano la «mancanza di fermezza» da parte delle autorità islamiche del paese.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Sebastiano says:

    Ma ve l’immaginate se, a parti invertite, non dico un vescovo ma anche uno sconosciuto parroco di qualche semisperduto villaggio di campagna avesse fatto una cosa del genere? I grandi tromboni dei mass media ne avrebbero chiesto immediatamente la riduzione allo stato laicale.
    Su questa faccenduola invece appena un refolino di sussurri, per non disturbare l’islamicamente corretto, non sia mai che “l’integrazione e il multiculturalismo” da mercatino delle pulci ne abbia un danno.

    • gigetto says:

      Ma se lo immagina se qualcuno indagasse su Erdogan per gli attentati? Oppure se andassimo in sinagoga a sentire le maledizioni scagliate contro Cristo?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download