Google+

Bruxelles. Controversia nelle moschee: «Non possiamo pregare per le vittime non musulmane degli attentati»

marzo 30, 2016 Leone Grotti

Sheikh Abdelhadi Sewif, capo imam della Grande moschea di Bruxelles: «Non possiamo pregare per le anime dei non musulmani. Possiamo però esprimere solidarietà alle famiglie delle vittime»

islam-bruxelles-imam-ansa

«Non possiamo pregare per le anime dei non musulmani. Mostrare solidarietà sì, ma non pregare». Ecco una controversia interna alla comunità musulmana della quale non si sentiva il bisogno in Belgio all’indomani degli attentati jihadisti di Bruxelles.
Giovedì santo l’Esecutivo dei musulmani del Belgio, l’interlocutore ufficiale dell’islam locale riconosciuto dal governo, aveva annunciato dalle colonne de LaCapitale, uno dei giornali del gruppo Sudpresse, che il venerdì seguente si sarebbe tenuta in tutte le moschee una preghiera comune per le vittime degli attentati di Bruxelles.

CONSIGLIO DEI TEOLOGI. Il Consiglio dei teologi, organo dello stesso Esecutivo, si era però opposto rifiutandosi di far leggere una dichiarazione comune e non permettendo la recita della prima sura del Corano, la Al-Fatiha, per le vittime degli attentati. Questo, appunto, perché le vittime non sono tutte musulmane e non si può pregare per i non musulmani. Al suo posto, il Consiglio ha promosso di condannare «fermamente» gli attentati e di promuovere il «rifiuto di ogni forma di radicalismo, fanatismo e terrorismo».

«ACCUSE INFONDATE». Sul sito dell’Esecutivo dei musulmani del Belgio è stato pubblicato un comunicato che denuncia le «accuse gratuite e infondate» e nega che alcuni membri del Consiglio dei teologi si siano opposti alla preghiera comune o alla recita della Al-Fatiha. Prosegue invece affermando che «delle preghiere sono state formulate nelle moschee e un minuto di silenzio è stato dedicato alle vittime».

«NON POSSIAMO PREGARE». In un servizio dell’emittente televisiva degli Emirati Arabi Uniti, Al-Ghad Al-Arabi, andato in onda sabato 26 marzo e tradotto da Memri, l’intera storia viene confermata dalla voce dei diretti interessati. In particolare, Sheikh Abdelhadi Sewif, capo imam della Grande moschea di Bruxelles, spiega: «Non possiamo pregare per le anime dei non musulmani. Se lo facciamo, dobbiamo chiamarla in un altro modo, non preghiera. Possiamo esprimere solidarietà alle famiglie delle vittime. Possiamo stare vicini a loro e aiutarli ma non pregare».

DIVISIONE. Secondo un altro imam della Grande moschea di Bruxelles, Mohamed Galaye Ndiaye, «c’è disaccordo su questo punto tra gli studiosi. Molti dicono che è proibito pregare per le anime dei non musulmani. Ma poiché [gli attacchi] sono stati un evento generale, in cui sono stati colpiti sia musulmani che non musulmani, noi ci rivolgiamo a tutte le vittime e auguriamo loro pace, misericordia e salute». La controversia sembra più teologica che altro, anche se molti membri della comunità musulmana, citati sempre da LaCapitale, lamentano la «mancanza di fermezza» da parte delle autorità islamiche del paese.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Sebastiano scrive:

    Ma ve l’immaginate se, a parti invertite, non dico un vescovo ma anche uno sconosciuto parroco di qualche semisperduto villaggio di campagna avesse fatto una cosa del genere? I grandi tromboni dei mass media ne avrebbero chiesto immediatamente la riduzione allo stato laicale.
    Su questa faccenduola invece appena un refolino di sussurri, per non disturbare l’islamicamente corretto, non sia mai che “l’integrazione e il multiculturalismo” da mercatino delle pulci ne abbia un danno.

    • gigetto scrive:

      Ma se lo immagina se qualcuno indagasse su Erdogan per gli attentati? Oppure se andassimo in sinagoga a sentire le maledizioni scagliate contro Cristo?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana