Mario, bambino di 9 anni, sposato (a sua insaputa) con una trentenne

Accade a Tortoreto in provincia di Teramo. Un errore dell’ufficio anagrafe ha “riscritto” con fantasia la vita di un bimbo, che secondo il suo stato civile, sarebbe sposato dal 2011 con una donna abruzzese. Non solo, secondo i documenti i due vivrebbero assieme. Come è potuto succedere? Nessuno sa dare una risposta.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mario (nome di fantasia) risulta regolarmente coniugato da un anno e domiciliato insieme alla moglie: tutto normale, se non fosse che il maritino in questione di anni ne ha 9, e la moglie 30. Anzi, se non fosse, soprattutto, che nella realtà ovviamente non è mai accaduto nulla e i due nemmeno si conoscono. La storia tragicomica accade a Tortoreto, in provincia di Teramo, ed è frutto di un errore burocratico.

Uno sbaglio del computer dell’ufficio anagrafe, che si somma però anche ad un clamoroso errore umano: e così è saltato fuori quel foglio di stato civile del piccolo cittadino abruzzese. È proprio scritto nero su bianco: a 9 anni risulta coniugato, e per di più con una persona realmente esistente, un’altra abruzzese di 30 anni. E risulta pure l’indirizzo preciso della casa dove i due vivrebbero (sempre a Tortoreto), così come che i due si sono sposati a Bellante un preciso giorno di un anno fa.

Come è potuto accadere? Nessuno sa rispondere con certezza. probabile che l’equivoco sia nato da uno scambio di persone, causato da un’omonimia che ha mandato in tilt il sistema informatico. Ma è certo che pure al comune di Tortoreto ci hanno messo del loro, perché sarebbe bastato un controllo per apportare una correzione, magari guardando l’anno di nascita dei due sposi, 1981 e 2002. I

Invece no, e così a nove anni Mario si trova essere lo sposo più giovane d’Italia: ora urge che gli venga annullato quanto prima il presunto matrimonio, e che tutti i documenti vengano riscritti in regola. Oppure il bimbo, se tra qualche anno decidesse di sposarsi davvero in un’età più consona, rischia di trasformarsi nel primo bigamo involontario d’Italia.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •