«Io, prof universitario esperto di ogm, sconfitto sul web dalle bufale tipo la fragola-pesce»

Intervista a Dario Bressanini, docente e divulgatore scientifico, “costretto” a lasciare il blog sul Fatto quotidiano per sovraffollamento di teorici delle panzane biotech

«Bufale sugli ogm? Ne ho sentite di spaventose», spiega lo scrittore e scienziato Dario Bressanini. «Tra la fragola-pesce che produce liquido antigelo per i radiatori delle macchine, e il pomodoro “sempre duro”, ottenuto accoppiando il frutto con un merluzzo artico, è difficile scegliere la più assurda». Divulgatore scientifico e docente all’Università dell’Insubria, Bressanini fino a qualche mese fa teneva un blog nella sezione scienza del Fatto quotidiano online. Poi decise di abbandonarlo: «Ho dovuto farlo perché hanno lasciato spazio a blogger che sostengono le bufale ogm, a discapito di chi, come me, documenta scientificamente le proprie argomentazioni a favore delle biotecnologie». Contro la disinformazione sulle biotecnologie, Bressanini si batte da anni. «Non aveva senso spartire uno spazio con chi parla di teorie che hanno la stessa scientificità delle leggende sui gatti bonsai e sui coccodrilli nelle fogne».

La maggioranza degli italiani è contraria all’uso di organismi geneticamente modificati in agricoltura. È tutta colpa delle bufale?
Certamente a furia di raccontare fesserie, la gente finisce per crederci. In questo caso, conta molto anche il fatto che l’Italia non sia più un paese agricolo. Pochi italiani hanno la possibilità di verificare le informazioni sulle biotecnologie. La conoscenza agricola, veicolata dai media, si limita agli orti urbani e alle piante in balcone.

Perché i media italiani danno risalto a teorie poco scientifiche sui prodotti ogm?
I media sono armi di distrazione di massa, accontentano la nostra curiosità con cose utili ma anche con assurdità. Nel caso degli ogm ci sono altri fattori, di marketing e di ideologia.

A cosa si riferisce ?
Alla concorrenza fra prodotti biologici e convenzionali. La guerra agli ogm è un derivato dei metodi scorretti usati dai sostenitori degli alimenti biologici. L’unica qualità del cibo biologico è quella di danneggiare la natura relativamente meno del prodotto convenzionale. Una missione nobile, ma costosa, perché le rese dei produttori bio sono molto più basse di quelle convenzionali. E poiché sono pochi i consumatori disposti pagare il prezzo delle scelte ecologiche dei produttori, si è costruita una campagna di marketing sul tema della salute. Allo stesso modo di come oggi si denigrano i prodotti convenzionali come tossici, anche se non è vero, gli ogm vengono descritti come dannosi per la salute umana. Nei supermercati è un proliferare di etichette “no ogm”, “ogm free”, anche se non c’è nessuna argomentazione scientifica a sostegno della tesi che gli organismi biotech facciano male alla salute. È soltanto marketing a sostegno di un prodotto di nicchia.

Ne possiamo essere certi?
Basti dire che l’80 per cento dei mangimi animali in circolazione sono ogm. Se fossero realmente dannosi o poco salutari avremmo già subìto dei danni. L’ogm di cui si parla oggi in Italia e in Europa è solo un tipo di mais resistente ai parassiti.

È vero che gli ogm danneggiano la biodiversità?
Nell’agricoltura convenzionale si usano insetticidi che eliminano anche insetti non dannosi per la pianta e con essi animali che si nutrono di loro. Con gli ogm la biodiversità è meglio preservata perché la pianta ammazza soltanto i parassiti che si nutrono di essa.

La recente vittoria legale dell’agricoltore Giorgio Fidenato, che si è visto riconoscere dall’Europa il diritto di coltivare mais geneticamente modificato in Italia, non è stata bene accolta dal governo. Perché la politica italiana è trasversalmente contraria agli ogm?
A parte i politici tradizionalmente e ideologicamente avversari delle biotecnologie, come i verdi, la maggior parte di loro è male informata. Lo si deduce da quali argomenti usino per sostenere la loro avversione nei confronti degli ogm. Discorsi privi di senso, di cui sintesi perfetta possono essere quelli deliranti dei parlamentari 5 Stelle. Si dice, per esempio, che gli ogm sono sterili, perché le multinazionali vogliono costringere gli agricoltori a ricomprare i semi, e poi nello stesso discorso si mette in guardia dal pericolo che gli ogm si moltiplichino senza controllo sul territorio contaminando le altre colture. Come è possibile che piante sterili generino altre piante?

Cosa ne pensano gli agricoltori italiani degli ogm?
Sono possibilisti. È vero che le associazioni di categoria sono divise, però la “base” di queste è aperta. Il vero problema è che viene impedito di verificare come funzionino gli ogm. Altrimenti molti agricoltori sceglierebbero di usarli, come è successo in altri paesi. Negare la coltivazione è da sciocchi. Bisogna provare.