L’errore di Mattarella sull’evasione fiscale

Il Capo dello Stato e «l’indecenza» dei 119 miliardi sottratti al fisco. Ma c’è qualcosa nel ragionamento che non torna

mattarella

Va bene che al presidente della Repubblica si deve rispetto e va bene pure che i “poveracci” della Scala gli riservino 4 minuti d’applausi che manco la corazzata Potemkin, ma si può sommessamente far notare che quel che ha detto a proposito di evasione fiscale sia un pochino figlio di un pregiudizio socialista?

Parlando a degli studenti, il capo dello Stato ha osservato che l’evasione fiscale in Italia è «indecente, ammonta a 119 miliardi. È una cifra enorme: se sparisse, la possibilità di aumentare pensioni, stipendi, di abbassare le tasse per chi le paga, sarebbero di molto aumentate».

“Evasori, io vi accuso”

È ovvio che pagare le tasse sia giusto e che sia giusto perseguire chi non le paga, ma forse conviene iniziare a porsi qualche domanda in più su questa cifra mostruosa che, a scadenza fissa – lo stesso Mattarella lo ha fatto più volte – i nostri politici ci ripropongono. E ce la ripropongono con più o meno lo stesso mantra, con più o meno gli stessi toni aggressivi (ieri il titolo cubitale in prima pagina di Repubblica era “Evasori, io vi accuso”), con più o meno lo stesso ragionamento sottinteso: se tutti pagassero di più, lo Stato potrebbe occuparsi meglio di tutti.

Il problema è, appunto, lo Stato. Quello stesso Stato che, negli ultimi anni, ha intensificato gli strumenti per il controllo fiscale (dal redditometro agli studi di settore, dalla limitazione del contante alle indagini finanziarie al limite dell’occhiuto) e, al momento, già perfettamente in grado di fare uno screening perfetto di ognuno di noi, senza bisogno di ulteriori misure. Quello stesso Stato che, anziché pensare di ridurre le proprie spese, si preoccupa solo di metterci le mani nelle tasche con livelli lunari di ipertassazione.

Che fine hanno fatto questi soldi?

Mattarella dice che se nessuno evadesse, tutti pagheremmo meno tasse. Se andate a vedere le somme recuperate dall’evasione vi accorgereste che, solo per stare agli ultimi anni, la cosiddetta “lotta all’evasione” ha dato risultati importanti (fonte Agenzia delle Entrate).

Nel 2007 sono stati recuperati 6,4 miliardi di euro.

Nel 2008: 6,9.

Nel 2009: 10,1.

Nel 2010: 10,5.

Nel 2011: 12,7.

Nel 2012: 12,5.

Nel 2013: 13,1.

Nel 2014: 14,2.

Nel 2015: 14,9.

Nel 2016: 19,0.

Nel 2017: 23,0.

La domanda è: che fine hanno fatto tutti questi soldi? Qualcuno di voi ha in mente che siano stati utilizzati, come dice Mattarella, per «aumentare pensioni, stipendi, abbassare le tasse»?

Pressione fiscale

Ieri in un editoriale sul Giornale, Nicola Porro ha giustamente notato che l’anno scorso la cifra recuperata è stata di quasi venti miliardi.

«Allora, se dovessimo prendere alla lettera ciò che dice Mattarella si dovrebbe ritenere che negli ultimi due anni la pressione fiscale sia diminuita almeno di una trentina di miliardi di euro. Quest’anno, se andrà bene, ci sarà una mini riduzione del cuneo fiscale da tre miliardi. E imposte aggiuntive doppie. Dunque la pressione fiscale di fatto aumenterà».

Abbassarle e basta

In un commento pubblicato tre anni fa sempre sul Giornale, Carlo Lottieri, commentando, tra l’altro, l’allora consueto monito quirinalizio sull’evasione, scrisse un articolo perfetto per inquadrare la questione odierna:

«L’Italia non è in crisi perché gli italiani versano poche tasse, ma semmai perché lo Stato sottrae troppa ricchezza a quanti la producono. Alcuni decenni fa, quando il peso del fisco era ben inferiore, Milton Friedman rilevò che le condizioni dell’economia italiana sarebbero assai peggiori se tutti avessero pagato il dovuto e, di conseguenza, se il ceto politico-burocratico avesse sottratto ancora più risorse a famiglie e imprese. È insomma falso sostenere che l’evasione danneggi la comunità nazionale, anche se certamente danneggia taluni privilegi di casta. Ma quanti sono nei palazzi romani al governo o in altre posizioni non intendono le ragioni di chi si ribella e ignorano le sofferenze all’origine di questa rivolta silenziosa e sotto traccia. Perché chi veramente ci sta negando la possibilità di avere un futuro è il ceto politico, che ha creato un terribile intreccio di ingiusti meccanismi redistributivi i quali sono l’esatta negazione di ogni ordinamento liberale».

Insomma, per abbassare le tasse, non sarebbe, semplicemente, più facile ed efficace non fare altro che “abbassarle” e basta, anziché continuare a spremere i cittadini? Scommettiamo che, se lo Stato lo fa, poi abbatte anche l’evasione fiscale?

Foto Ansa