Google+

«Bocciamo la scuola del “saper fare” e torniamo a quella del sapere»

settembre 2, 2017 Francesca Parodi

Intervista a Riccardo Prando, docente e autore di “Contro la scuola”: «C’è troppa burocrazia. Insegnare significa trasmettere un significato, “lasciare un segno”»

scuola-alunni-shutterstock-78859288

Contro la scuola (ed. La fontana di Siloe) è il provocatorio titolo dell’ultimo libro di Riccardo Prando, professore di scuola secondaria da trent’anni in cattedra. Il sottotitolo del libro è molto esplicito: Perché opporsi a un modello educativo che privilegia la burocrazia a scapito della cultura. E riduce lo studente a numero. Negli ultimi decenni, racconta Prando a tempi.it, la scuola è profondamente cambiata, «decisamente in peggio». La didattica dell’insegnamento è stata sacrificata a favore di pile di documenti da compilare. Risultato: si insegna poco e male e i ragazzi escono dagli studi sempre più ignoranti. Il livello generale di istruzione si è decisamente abbassato. «Oggi nei consigli di classe non si parla quasi più dei singoli studenti, delle loro fragilità o dei loro meriti, ma tutto il tempo viene assorbito dalla burocrazia».

buona-squola-tempiD’altra parte, non c’è più motivo di discutere sulle eventuali difficoltà degli studenti perché il ministero dell’Istruzione «ha scelto le politica dell’“avanti tutti”»: alle elementari e alle medie gli alunni non potranno più essere bocciati, se non in casi eccezionali (abbandono dell’anno scolastico, assenze prolungate) e comunque con il voto favorevole di tutti gli insegnanti del consiglio di classe. «Così ci ritroviamo a dover inserire all’Università corsi specifici per insegnare come scrivere una tesi di laurea per colmare le gravi lacune degli studenti» commenta Prando. Il terrore di provocare un trauma nella psiche del bambino facendogli ripetere l’anno danneggia la prerogativa della scuola: tenere conto delle debolezze e dei punti di forza di ciascuno studente. «È come se io fossi capace di correre i cento metri, ma mi obbligassero seduta stante a correre per un chilometro. Per riuscirci ho bisogno invece di più tempo e di più allenamento. Lo stesso è con il passaggio da una classe all’altra. E comunque una bocciatura non è certo una questione di vita o di morte».

Ad essere messo in discussione oggi è proprio il ruolo dell’insegnamento scolastico. Nel suo libro, Prando scrive di aver osservato un passaggio da un insegnamento ancorato al “sapere” ad una formazione improntata sul “saper fare”. «Faccio un esempio: qualche anno fa il preside di una scuola in cui insegnavo voleva promuovere a tutti i costi un alunno che aveva una pagella pessima. A sostegno della sua tesi, disse che non è importante conoscere un quadro, il suo autore e la sua corrente artistica, ma saper piantare un chiodo nel muro per poter appendere il suddetto quadro. Questa visione segna la fine della scuola, che oggi non fa più cultura».

Al di là dei cambiamenti socio-culturali, questa decadenza della scuola è legata per il professore ad uno spirito competitivo non sano dell’Italia nei confronti degli altri paesi europei. «I docenti perdono tempo dietro alla burocrazia per dimostrare ai presidi e, più in generale, alla nazione che la scuola va bene, così l’Europa non ci tira le orecchie se non rientriamo in certi parametri. In Europa il numero di bocciature è basso e quindi decidiamo di promuovere tutti indiscriminatamente». Anche l’obbligo scolastico a 18 anni «è una mossa stupida», dice Prando, perché «quello che conta è la qualità dell’insegnamento. Mia nonna, nata nel 1897, figlia di contadini, lavorava in una camiceria e aveva potuto frequentare solo la prima elementare. In un solo anno, imparò a scrivere, leggere e fare di conto. Posso assicurare che oggi, dopo cinque anni di elementari, almeno il 50 per cento dei bambini non raggiunge un buon livello di istruzione».

Il modello di scuola che Prando auspica è invece un sistema educativo privo di burocrazia ingombrante, dove venga recuperato il rapporto uno a uno con l’alunno. «È soltanto il rapporto empatico, umano, con il ragazzo che si ha di fronte a poter salvare la scuola, altrimenti le aule continueranno ad essere una prigione». Lo scopo della scuola, scrive l’autore nel suo libro, è quello di dare, o almeno cercare di dare, un senso alla vita: «Insegnare significa proprio trasmettere un significato, “lasciare un segno”».

Per approfondire il dibattito, leggi il nuovo numero di Tempi “La buona squola”.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.

La terza generazione della Volkswagen Touareg si butta nella mischia dei SUV premium forte di numerosi accessori hi-tech. Disponibile per ora solo con motore 3.0 V6 TDI, ha prezzi che partono da 61.000 euro

L'articolo Prova Volkswagen Touareg 2018 proviene da RED Live.

Si chiamano Sport Edition e Sport Edition2 le due nuove versioni della Renault Captur che la Casa francese ha presentato a Roma – presso la Fondazione Exclusiva del rione Testaccio – il 14 maggio. La data non è casuale, e coincide con l’apertura delle prenotazioni dell’edizione rivista in alcuni dettagli e arricchita di una delle […]

L'articolo Renault Captur: ora è Sport Edition, e anche “al quadrato” proviene da RED Live.

Momodesign continua a rinnovare la sua gamma di prodotti incentrata sui caschi, che sono diventati negli anni un acquisto irrinunciabile per scooteristi e motociclisti attenti alle tendenze e allo stile. Il nuovo jet open face fa intuire fin dal nome la sua vocazione: interpretare la contemporaneità del design con linee decise, che mantengono comunque assoluta […]

L'articolo Momodesign Blade Urban Wonder proviene da RED Live.