Google+

Yemen, la guerra dimenticata. L’Arabia Saudita ha cacciato gli sciiti ma ora governano Al-Qaeda e Isis

novembre 4, 2015 Leone Grotti

I jihadisti si sono impossessati della capitale provvisoria Aden, senza che la coalizione sunnita abbia sparato un colpo per impedirlo

A tre mesi e mezzo dalla cacciata dei ribelli sciiti houthi dalla seconda città più importante dello Yemen, Aden, il potere è di fatto passato ai jihadisti di Al-Qaeda e non solo. Ma la coalizione sunnita guidata dall’Arabia Saudita, che da aprile bombarda ininterrottamente lo Stato più povero della Penisola arabica, anche con le proibitissime bombe a grappolo, non sembra così interessata a fermarne l’ascesa.

«NESSUNO FA NIENTE». «Avanzano a gran velocità», dichiara al Le Monde la direttrice di una Ong locale: «Minacciano, uccidono e nessuno fa niente. I militari sauditi e degli Emirati, che hanno contribuito a liberare la città dai ribelli houthi, se ne stanno chiusi nelle loro basi, nel porto e nell’aeroporto». Nel resto della città, però, Al-Qaeda spadroneggia alla luce del sole: sul commissariato del quartiere Tawahi sventola il loro minaccioso drappo nero, per le strade i terroristi sfilano in parata a volto scoperto.

UN ANNO DI GUERRA. Il caos si è impadronito del paese fin dall’inizio dell’anno: a gennaio gli Houthi avevano conquistato i principali centri di potere nella capitale Sana’a. I ribelli discesi dal nord del paese, un tempo diviso dal sud, chiedono da tempo di essere più rappresentati negli organi decisionali. L’assalto, che ha portato alla cacciata del premier e alla fuga del presidente Abdrabuh Mansur Hadi in Arabia Saudita, ha aperto uno scontro tra gli sciiti, le milizie fedeli al presidente e i secessionisti del sud. Ad aprile, l’Arabia Saudita temendo un nuovo dominio sciita al confine, ha cominciato a bombardare il paese a tappeto per stanare i ribelli, facendo più di 5.000 vittime (la metà civili).

NUOVI PADRONI. Aden è stata liberata a luglio e a metà settembre il governo yemenita ha fatto ritorno, dopo che Riyad ha temporaneamente spostato in città la capitale da Sana’a in attesa di tempi migliori. Ma appena tre settimane dopo, il 6 ottobre, l’hotel che ospitava il governo e il quartier generale della coalizione sunnita è stato devastato da due attentati kamikaze. Gli attacchi non sono stato rivendicati dai ribelli sciiti, ma dai miliziani dello Stato islamico. Mentre il governo tornava comodamente indietro in Arabia Saudita, jihadisti di diverse fazioni facevano il bello e il cattivo tempo nella capitale provvisoria yemenita.

SHARIA IN CITTÀ. Il 17 ottobre un ufficiale degli Emirati Arabi Uniti è stato assassinato, il 25 ottobre il più grande supermercato di Aden è stato invaso da terroristi che hanno reclamato la rigida separazione dei sessi e il velo obbligatorio per le donne. Lo stesso giorno la prigione centrale è stata assaltata, con conseguente liberazione di importanti criminali, mentre il 26 ottobre è toccato all’università. Uomini mascherati hanno interrotto i corsi e hanno imposto una netta divisione tra maschi e femmine, chiedendo all’ateneo di applicarla per tutti i corsi entro tre giorni. Il giorno prima della scadenza dell’ultimatum è esplosa una bomba nel campus come avvertimento: il 29 ottobre la segregazione dei sessi e il velo per le donne è stato approvato.

AL-QAEDA, ISIS, FRATELLI MUSULMANI. Approfittando della dissoluzione dello Stato yemenita, Al-Qaeda nello Yemen (Aqap) è riuscita ad espandere la sua già capillare presenza nel paese. I terroristi islamici, tra i successi più importanti, sono riusciti a conquistare Mukalla, nel sud del paese, quarta città più importante dello Yemen. Ad Aden non c’è solo Aqap, anche l’Isis è entrato in molti quartieri insieme a milizie riconducibili ai Fratelli Musulmani. La coalizione sunnita ha portato decine di migliaia di soldati in Yemen, eppure Maha Awadh, residente di Aden, ammette sconsolata: «I jihadisti mi fanno paura. Sono potenti, organizzati e per ora non c’è nessuno che li voglia fermare». Neanche i sauditi.

Foto Ansa/Ap


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Kia Stinger è un’auto che segna per l’azienda coreana un nuovo approccio: 380 cavalli, quattro posti, design e grinta da sportiva. per questo anche le attività di marketing e comunicazione seguono un percorso diverso. Stinger approda in tv con “Wishlist, il metodo Stinger”, una mini-serie di 3 episodi da 30 minuti, in onda sul NOVE la […]

L'articolo Kia Stinger, mini serie per la tv proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.