Google+

È vero, certi pubblici funzionari sanno rendersi odiosi (vedi i prefetti) ma Renzi legga qui prima di farne strame

maggio 10, 2014 Alfredo Mantovano

A dicembre il governo Letta è stato indotto a nominare 30 nuovi prefetti, adesso il governo Renzi vuole dimezzare gli uffici. Che però non sono solo sinonimo di spreco e burocrazia

Quanto c’è in comune fra le istituzioni e un elastico? La domanda viene spontanea quando in pochi mesi pezzi importanti di Stato vengono trattati in modo radicalmente diverso. Nel mirino del governo sono arrivati i prefetti; Renzi non è originale neanche in questo: nella storia della Repubblica più di una volta sono stati avanzati dubbi sull’utilità della figura, e una forza politica – la Lega – ne ha spesso reclamato l’abolizione.

L’esperienza ha però mostrato che, proprio all’apice del trasferimento di poteri e competenze alle Regioni, dei prefetti non si può fare a meno; i limiti e le scarse capacità mostrati dalle burocrazie regionali sono riusciti a farne reclamare l’intervento oltre ogni aspettativa, e più è avanzata l’attuazione della riforma del titolo V della Costituzione, più è emersa l’esigenza di una figura, tendenzialmente imparziale, di raccordo con lo Stato. In alcune aree del Sud il degrado istituzionale è tale che il prefetto, chiunque sia, è il solo punto di riferimento a livello provinciale.

Va detto che i prefetti ci hanno messo del proprio per farsi volere male: non sono rari le lentezze e i burocratismi nei quali si esercitano troppi uffici, sì che basta averci a che fare per provarne fastidio. Il top lo hanno raggiunto quando, prima di Natale, hanno indotto il governo Letta a nominare 30 nuovi prefetti, raggiungendo un numero complessivo pari al doppio delle prefetture; ora è difficile contrastare la reazione. L’italiano comune si chiede però se non vi sia un punto di equilibrio fra tale spreco e il prospettato taglio di quasi la metà delle prefetture, posto che il secondo arriva appena cinque mesi dopo il primo. E si chiede pure se una riqualificazione della figura non sia una valida alternativa per eliminare i pesi morti, senza privare i territori di quello che appare il solo aggancio allo Stato.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. francesco taddei scrive:

    ma la lega da sempre è per la secessione. e l’avete pure appoggiata per la regione e ora toglie i fondi ai cav

    • Giulio Dante Guerra scrive:

      Leggi bene nome e cognome dell’autore dell’articolo. Mantovano ha tagliato i ponti con partiti e similari fin da quando non s’è ripresentato alle ultime politiche. Quindi non ha niente a che vedere né con la lega né col cav.

  2. francesco taddei scrive:

    quello che volevo dire è che mi stupisco che mantovano si stupisca delle richieste della lega. ha abbastanza esperienza da conoscerli sti partiti. magari chi si lamenta dei mancati fondi ai cav si documenti meglio sulla storia (che prima o poi torna a farsi sentire) dei partiti che vota.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana