Google+

Armi ai jihadisti. Lettera dal carcere del giornalista turco che ha messo nei guai Erdogan

dicembre 3, 2015 Redazione

Ha mostrato in prima pagina prove delle armi turche consegnate ai jihadisti in Siria: «Sono una spia ma sono un novellino. I giudici hanno una sola prova, che è stata stampata in 100 mila copie»

«Sono una spia. Anche se non so per quale paese sto spiando». Riesce a trovare la forza per essere ironico Can Dündar, direttore del giornale turco Cumhuriyet, autore di uno scoop internazionale sulle armi inviate dalla Turchia ai jihadisti in Siria, per questo sotto processo per spionaggio e terrorismo, e incarcerato in attesa del verdetto.

«COME SPIA SONO UN NOVELLINO». In una lettera pubblicata da Hurriyet, il giornalista incarcerato su richiesta diretta del presidente Recep Tayyip Erdogan per aver pubblicato in prima pagina le foto delle casse di armi, scrive: «Non hanno nessuna prova che dimostri che sono una spia. Secondo il verdetto del giudice (che ha autorizzato la sua incarcerazione durante il processo, ndr), ho immediatamente stampato sulla prima pagina del giornale i documenti di cui mi sono impossessato (in fondo, sono ancora un novellino nell’arte dello spionaggio). Il giudice, ovviamente, mi ha beccato… Questa è la loro unica prova…».
Continua il direttore: «Poiché qui la giustizia è un po’ lenta, il giudice si è raccapezzato solo sei mesi dopo… Come un padre violento che dice al figlio, “sto aspettando che vadano via gli ospiti e poi te la faccio vedere”, lui ha aspettato che finisse il G20. Appena se ne sono andati gli ospiti, ha deciso di arrestarmi per impedirmi di inquinare le prove».

AEROPLANINO DI CARTA. Ma come potrebbe inquinare le prove? «Il giorno in questione, 100 mila copie del giornale sono state stampate; questo significa che ci sono 100 mila esemplari della prova. Ho bisogno urgentemente di manomettere tutto. Ho studiato un piano la prima notte. Ho scritto al mio giro di spionaggio: “Trovate tutte queste copie immediatamente e cancellate con un pennarello nero tutti i titoli”. Ho fatto con il foglio di carta un aeroplanino e l’ho lanciato ma si è schiantato contro il muro della prigione Silivri. Ora sono certo che mi condanneranno per aver cercato di “inquinare le prove”».

LETTERE E STURACESSI. Nel prosieguo della lettera, il giornalista spiega di essere «in cella di isolamento» e di aver usato per scrivere al quotidiano e a «28 leader europei» la carta preposta ad indicare al carcere «le proprie necessità». Tra queste indica: «Carta igienica, nastro isolante per la porta in vista dell’inverno, uno straccio per pulire il pavimento (…) e uno sturacessi». In conclusione, chiede a tutti di non dimenticarlo: «È dura essere una spia, ma è sempre meglio che essere un ladro. Con affetto da Silivri… Sono sicuro che è da tempo che non scrivete una lettera. Se volete scriverne una, questo è il mio indirizzo: A-1 / 5 Silivri Cezaevi 34570, Istanbul, Turchia».

Foto Ansa/Ap


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. SUSANNA ROLLI scrive:

    Il bello è che non ha p, ora…).

    “Beati i perseguitati per causa della giustizia, perchè di essi è il Regno dei Cieli”.
    E beato lui! Che Dio lo sostenga!!

    • SUSANNA ROLLI scrive:

      Questa è bella, chi m iha moncato la frase?
      Era :” …che non ha nemmeno perso il senso dell’umorismo!”, ora mi viene in mente anche Asia Bibi incarcerata per futili motivi -meglio, senza validi motivi!!).
      Boh!?!

  2. Saverio scrive:

    La cosa più curiosa è constatare che ai massimi livelli del mondo contemporaneo ci sono leader con il cervello di un passerotto, come Erdogan, che con operazioni che definire stupide è dire poco (abbattimento dell’aereo russo), stanno propiziando la luce di un’alba nucleare per il mondo e per il proprio Paese.
    Se queste tensioni sfoceranno in una guerra (globale), Erdogan, con la sua genialata, avrà ottenuto a favore della Turchia un supplemento di attenzioni nucleari che ridurrà quel Paese in polvere.
    “Chi odia me, ama la morte”.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana