Google+

Armi ai jihadisti. Lettera dal carcere del giornalista turco che ha messo nei guai Erdogan

dicembre 3, 2015 Redazione

Ha mostrato in prima pagina prove delle armi turche consegnate ai jihadisti in Siria: «Sono una spia ma sono un novellino. I giudici hanno una sola prova, che è stata stampata in 100 mila copie»

«Sono una spia. Anche se non so per quale paese sto spiando». Riesce a trovare la forza per essere ironico Can Dündar, direttore del giornale turco Cumhuriyet, autore di uno scoop internazionale sulle armi inviate dalla Turchia ai jihadisti in Siria, per questo sotto processo per spionaggio e terrorismo, e incarcerato in attesa del verdetto.

«COME SPIA SONO UN NOVELLINO». In una lettera pubblicata da Hurriyet, il giornalista incarcerato su richiesta diretta del presidente Recep Tayyip Erdogan per aver pubblicato in prima pagina le foto delle casse di armi, scrive: «Non hanno nessuna prova che dimostri che sono una spia. Secondo il verdetto del giudice (che ha autorizzato la sua incarcerazione durante il processo, ndr), ho immediatamente stampato sulla prima pagina del giornale i documenti di cui mi sono impossessato (in fondo, sono ancora un novellino nell’arte dello spionaggio). Il giudice, ovviamente, mi ha beccato… Questa è la loro unica prova…».
Continua il direttore: «Poiché qui la giustizia è un po’ lenta, il giudice si è raccapezzato solo sei mesi dopo… Come un padre violento che dice al figlio, “sto aspettando che vadano via gli ospiti e poi te la faccio vedere”, lui ha aspettato che finisse il G20. Appena se ne sono andati gli ospiti, ha deciso di arrestarmi per impedirmi di inquinare le prove».

AEROPLANINO DI CARTA. Ma come potrebbe inquinare le prove? «Il giorno in questione, 100 mila copie del giornale sono state stampate; questo significa che ci sono 100 mila esemplari della prova. Ho bisogno urgentemente di manomettere tutto. Ho studiato un piano la prima notte. Ho scritto al mio giro di spionaggio: “Trovate tutte queste copie immediatamente e cancellate con un pennarello nero tutti i titoli”. Ho fatto con il foglio di carta un aeroplanino e l’ho lanciato ma si è schiantato contro il muro della prigione Silivri. Ora sono certo che mi condanneranno per aver cercato di “inquinare le prove”».

LETTERE E STURACESSI. Nel prosieguo della lettera, il giornalista spiega di essere «in cella di isolamento» e di aver usato per scrivere al quotidiano e a «28 leader europei» la carta preposta ad indicare al carcere «le proprie necessità». Tra queste indica: «Carta igienica, nastro isolante per la porta in vista dell’inverno, uno straccio per pulire il pavimento (…) e uno sturacessi». In conclusione, chiede a tutti di non dimenticarlo: «È dura essere una spia, ma è sempre meglio che essere un ladro. Con affetto da Silivri… Sono sicuro che è da tempo che non scrivete una lettera. Se volete scriverne una, questo è il mio indirizzo: A-1 / 5 Silivri Cezaevi 34570, Istanbul, Turchia».

Foto Ansa/Ap


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. SUSANNA ROLLI says:

    Il bello è che non ha p, ora…).

    “Beati i perseguitati per causa della giustizia, perchè di essi è il Regno dei Cieli”.
    E beato lui! Che Dio lo sostenga!!

    • SUSANNA ROLLI says:

      Questa è bella, chi m iha moncato la frase?
      Era :” …che non ha nemmeno perso il senso dell’umorismo!”, ora mi viene in mente anche Asia Bibi incarcerata per futili motivi -meglio, senza validi motivi!!).
      Boh!?!

  2. Saverio says:

    La cosa più curiosa è constatare che ai massimi livelli del mondo contemporaneo ci sono leader con il cervello di un passerotto, come Erdogan, che con operazioni che definire stupide è dire poco (abbattimento dell’aereo russo), stanno propiziando la luce di un’alba nucleare per il mondo e per il proprio Paese.
    Se queste tensioni sfoceranno in una guerra (globale), Erdogan, con la sua genialata, avrà ottenuto a favore della Turchia un supplemento di attenzioni nucleari che ridurrà quel Paese in polvere.
    “Chi odia me, ama la morte”.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.

La terza generazione della Volkswagen Touareg si butta nella mischia dei SUV premium forte di numerosi accessori hi-tech. Disponibile per ora solo con motore 3.0 V6 TDI, ha prezzi che partono da 61.000 euro

L'articolo Prova Volkswagen Touareg 2018 proviene da RED Live.

Si chiamano Sport Edition e Sport Edition2 le due nuove versioni della Renault Captur che la Casa francese ha presentato a Roma – presso la Fondazione Exclusiva del rione Testaccio – il 14 maggio. La data non è casuale, e coincide con l’apertura delle prenotazioni dell’edizione rivista in alcuni dettagli e arricchita di una delle […]

L'articolo Renault Captur: ora è Sport Edition, e anche “al quadrato” proviene da RED Live.

Momodesign continua a rinnovare la sua gamma di prodotti incentrata sui caschi, che sono diventati negli anni un acquisto irrinunciabile per scooteristi e motociclisti attenti alle tendenze e allo stile. Il nuovo jet open face fa intuire fin dal nome la sua vocazione: interpretare la contemporaneità del design con linee decise, che mantengono comunque assoluta […]

L'articolo Momodesign Blade Urban Wonder proviene da RED Live.