Google+

“Spezza la croce”. La rivista dell’Isis attacca papa Francesco e Benedetto XVI

agosto 30, 2016 Leone Grotti

Nell’ultimo numero intitolato di Dabiq, i jihadisti lanciano un durissimo attacco ai due pontefici. Uno perché vuole «soggiogare i musulmani», l’altro perché «ha detto la verità»

dabiq-isis-15-croce-home

«Noi vi odiamo, prima di tutto e soprattutto, perché siete degli infedeli; voi rifiutate l’unicità di Allah – che ve ne rendiate conto o meno – siete blasfemi nei Suoi confronti, affermando che Lui ha un figlio e inventate ogni sorta di menzogna contro i Suoi profeti e messaggeri». Così si legge in un articolo dell’ultimo numero di Dabiq, rivista pubblicata dallo Stato islamico in inglese e diffusa online.

LA COLPA DELL’OCCIDENTE. La colpa dell’Occidente, secondo l’Isis, è di essere cristiano e di non credere in Allah. Questo è il succo dell’articolo “Perché vi odiamo e perché vi combattiamo”. Tutto il numero è un grande attacco all’Occidente in quanto cristiano, fin dal titolo di copertina: “Spezza la croce”. La foto ritrae un jihadista che sostituisce in Siria sulla sommità di una chiesa la bandiera nera a una croce, che viene abbattuta. All’interno un articolo completa il concetto: “Spezza la croce, come disse il profeta Maometto”.

ATTACCHI A BENEDETTO XVI. In un altro articolo, intitolato “Nelle parole del nemico”, vengono attaccati sia Benedetto XVI che papa Francesco. Il primo, perché «pur essendo un bugiardo conosce la verità» sull’islam, soprattutto quando dice che «la democrazia contraddice l’essenza dell’islam». E perché stigmatizza il fatto che l’islam «viene diffuso attraverso la spada, cosa che continuerà nonostante Benedetto XVI». Il secondo, perché sotto una finta «buona volontà» vuole «soggiogare i musulmani», dicendo ad esempio che «l’autentico islam e una giusta lettura del Corano sono opposti a ogni forma di violenza».

dabiq-isis-15-croceINTERPRETAZIONI TEOLOGICHE. Papa Francesco viene anche criticato per aver pregato per le vittime di Orlando, in Florida, che lo Stato islamico ritiene colpevoli di «sodomia». La linea del Pontefice, per la rivista che azzarda interpretazioni teologiche, è «in completo disaccordo con la dottrina della sua Chiesa» e il suo dialogo con imam quali Al-Tayeb, a capo dell’università islamica di Al-Azhar, o il Gran Muftì turco, sono definiti incontri tra «il capo della Chiesa crociata» e «apostati».

«GUERRA DI RELIGIONE». È la prima volta che l’Isis attacca in modo così diretto il Vaticano, in particolare il papa emerito Benedetto XVI e papa Francesco. Le 82 pagine si chiudono come si sono aperte: con la foto di una croce spezzata e una frase emblematica: «Le immagini dei leoni dello Stato islamico che affrontano le loro prede sui campi di battaglia di Iraq, Levante e altri fronti – come Parigi, Bruxelles, Orlando – inviano un chiaro messaggio ai Crociati e ai loro alleati: questa è una guerra di religione tra la nazione musulmana e quelle degli infedeli».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

8 Commenti

  1. Filippo81 says:

    Il fanatismo islamista oltre ad aver raggiunto l’apice della ferocia, ha raggiunto anche l’apice dello squilibrio mentale, questi soggetti possono solo essere chiusi in manicomi criminali.

    • uber says:

      Quello che dicono è ciò che i musulmani hanno sempre detto dei cristiani, solo che una volta se lo raccontavano tra loro e noi non lo sapevamo perché stavano di là del mare.

      • Sebastiano says:

        Oppure facevamo finta di niente, confortati dalle letture di pseudo storici che favoleggiavano (e qualcuno ci crede ancora oggi) di bellissime e armoniose convivenze.

        • uber says:

          Mi ricordo, ahimè, uno di quei testi, distribuiti al liceo, in cui, pur di fare gli irenici, si diceva che i martiri di Cordova del IX secolo si fossero praticamente suicidati per fanatismo proprio.

  2. ediz. made in USARABIA says:

    La rivista dell’Isis? Casomai la rivista di chi tira i fili dietro le quinte.

  3. Andrea says:

    Ma nellan guerra dell’ ex-Jugoslavia in Bosnia ed Erzegovina 1992-1995: i cattivoni chi erano?

    Slobodan Milošević e Radovan Karadžić e dove sono morti 63.687 Bosniaci musulmani di cui solo 2000 nella valle della Lašva,ma questo non interessa nessuno vero? (PULIZIA ETNICA)

    • Filippo81 says:

      ah zi Andre’ non fare lo gnorri,sono molti di più i Cristiani Cattolici e Ortodossi massacrati dalle milizie islamiste che ti piacciono tanto.Sappi comunque che ultimamente Milosevic è stato scagionato anche se ormai defunto.Ragioni già da perfetto dhimmi ! Complimenti !

      • Filippo81 says:

        Tra l’altro,tanto per precisare, i 63.000 bosniaci morti comprendono anche bosniaci di etnia serba o croata che costituiscono quasi la metà della popolazione bosniaca e che sono Ortodossi o Cattolici. Tra i rimanenti deceduti ci sono anche miliziani islamisti e non solo innocenti civili !.Gentile Andrea non speculare su certi eventi tragici !

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

SCS, ovvero come ti rivoluziono il concetto di frizione. Anche MV Agusta debutta nel segmento delle trasmissioni “evolute” e lo fa con un sistema leggero e versatile. Sarà questo il futuro del cambio?

L'articolo Prova Mv Agusta Turismo Veloce Lusso SCS <br> addio frizione proviene da RED Live.

Il Biscione di Arese trova da sempre il suo habitat naturale tra i boschi del Nürburgring. È dal 1932 che le Alfa Romeo hanno un feeling particolare con i 20,832 chilometri di saliscendi dell’Inferno Verde tedesco, da quando cioè le Gran Premio Tipo B di Caracciola, Nuvolari e Borzacchini monopolizzarono un podio divenuto nel tempo […]

L'articolo Alfa Romeo Giulia e Stelvio Quadrifoglio NRING proviene da RED Live.

I circa 21 km della Nordschleife percorsi dalla super SUV ceca in poco più di 9 minuti. Con una veterana dell'Inferno Verde al volante: Sabine Schmitz

L'articolo Skoda Kodiaq RS, la SUV a 7 posti più veloce del Nürburgring proviene da RED Live.

ECCO I MIGLIORI CASCHI DA BAMBINO La legge parla chiaro: fino al raggiungimento dei 5 anni di età, i bambini non possono essere trasportati su un mezzo a due ruote. C’è di più: oltre all’età, la piccola creatura deve avere le caratteristiche fisiche necessarie (deve arrivare con i piedi alle pedane) e soprattutto indossare attrezzatura […]

L'articolo I migliori caschi da bambino proviene da RED Live.

C’è un dato curioso che riguarda la popolazione italiana a due e quattro zampe. Sembra che negli ultimi cinque anni, il numero di bipedi che si accompagna a un quadrupede sia cresciuta del 15%… Se da un punto di vista socio-psicologico, questo dato fotografa una voglia di affetto (spesso anche la scelta di darne e […]

L'articolo Prova Nissan X-Trail Trainer: “Hulk approved” proviene da RED Live.