Google+

Recchi (Eni): «Mezzo mondo sta scommettendo tutto sullo shale gas, l’Europa non sa neanche cosa sia»

marzo 24, 2014 Matteo Rigamonti

Intervista al presidente di Eni: tagliare i sussidi alle rinnovabili e farla finita con il tabù del fracking. Solo una rivoluzione energetica ci salverà da un’inesorabile declino


United Rentals, la più grande compagnia al mondo per il noleggio di attrezzature edili e lavori cantieristici, ha deciso di comprare National Pump, la seconda azienda del Nord America specializzata nel noleggio di pompe idrauliche e leader indiscusso del mercato finale del settore Oil&Gas. Secondo l’agenzia Reuters il motivo è che a Stamford, in Connecticut, dove ha sede il quartier generale di United Rentals, i vertici del gruppo sarebbero intenzionati a non farsi scappare l’El Dorado delle nuove energie, ovvero lo shale gas e lo shale oil, il gas e il petrolio naturale intrappolati negli scisti argillosi a migliaia di metri sottoterra. Idrocarburi che fino a pochi anni fa erano totalmente inestraibili, ma che ora, grazie alle rivoluzionarie scoperte di George P. Mitchell, il pioniere del fracking, possono essere portati alla luce con procedimenti ingegneristici che prevedono il pompaggio di acqua ad alta pressione mista a reagenti chimici nei giacimenti del sottosuolo, la conseguente fratturazione delle rocce (fracking) e quindi l’emersione in superficie della preziosa fonte energetica.

Quella dello shale gas è una vera e propria rivoluzione, come sono soliti definirla in Eni, le cui conseguenze geostrategiche sono destinate a interessare molti paesi. Soprattutto in Asia e in Europa. L’agenzia internazionale per l’Energia dell’Ocse (Iea), infatti, calcola che i paesi del Medio Oriente saranno costretti a esportare in futuro il 90 per cento del proprio petrolio in Asia. Con la Cina e l’India a farla da padroni tra i compratori. E l’avvento del gas d’argilla potrebbe addirittura affrancare, almeno in parte, molti Stati del Vecchio continente dalla dipendenza dal gas russo. Gli Stati Uniti stanno già sperimentando i benefici dello shale e, secondo la Iea, a partire dal 2020 dovrebbero diventare autosufficienti per il gas naturale e ridurre ad appena il 30 per cento le importazioni di greggio.
E soprattutto, se gli Stati Uniti sono riusciti a superare la crisi del 2007, è anche merito del gas di scisto che nel 2000 rappresentava solo l’1 per cento del gas naturale consumato, mentre nel 2012 era circa il 25 per cento e si stima che possa superare il 50 per cento nel 2030. Intanto, in attesa che l’America conquisti la tanto agognata indipendenza energetica e possa diventare uno dei più solidi paesi esportatori di gas naturale, quello che è certo è che il notevole risparmio sul costo dell’energia generato grazie allo shale gas ha già permesso di risollevare le sorti dell’industria chimica a stelle e strisce, dell’acciaio, dell’alluminio, dell’automotive, delle costruzioni e delle infrastrutture.

E mentre anche la Cina ha cominciato a verificare la disponibilità di shale gas nel suo territorio, chi arranca è l’Europa, imprigionata tra i ritardi e i nazionalismi delle politiche energetiche dei singoli stati, l’assenza di una politica energetica comunitaria e gli oneri di una sconsiderata campagna a sostegno delle rinnovabili che finora è già costata 60 miliardi di euro in sussidi.

A raccontare a Tempi le prospettive che lo shale gas ha già aperto agli americani e potrebbe squadernare davanti agli occhi talvolta increduli di noi europei è Giuseppe Recchi, presidente di Eni, la prima azienda italiana, nonché uno dei global player in «quell’ingranaggio affascinante e complesso che è il mercato dell’energia».

Presidente, nel suo libro, Nuove Energie. Le sfide per lo sviluppo dell’Occidente, lei ha scritto che «non c’è crescita senza energia». Che ruolo possono giocare le «nuove energie» nella sfida per la ripresa e la fuoriuscita dalla crisi?
Un ruolo senza dubbio fondamentale, perché senza energia non solo non c’è crescita, ma si rischia persino il declino. Ed è questo un pericolo che tanto l’Europa quanto l’Italia devono a ogni costo scongiurare. Soltanto che, per allontanare questa indesiderata prospettiva dall’orizzonte, non c’è che una semplice soluzione da adottare: pianificare gli interventi. Proprio come stanno facendo da anni gli Stati Uniti e la Cina con lo shale gas e lo shale oil. Mentre l’Europa sul tema ha ancora molto da fare. E ciò, nonostante queste risorse siano presenti in larga parte anche nel sottosuolo del Vecchio continente, specie in Polonia, Francia e Regno Unito, oltre che in Russia ed Ucraina. Ma l’Europa, a differenza dell’America e di Pechino, non pare nemmeno essersi accorta che la domanda di energia nel resto del mondo sia in crescita continua, trainata proprio dal fabbisogno cinese. Se non vogliamo essere condannati all’inesorabile declino, sarebbe molto meglio non rinunciare a pianificare il futuro.

recchi-nuove-energie-marsilioA quanto ammonta, se è possibile stimarlo, il gap tra America ed Europa sullo sfruttamento dei giacimenti di shale gas?
È un ritardo fortissimo. Perché da noi i giacimenti di shale gas non mancano affatto, anche se, si stima, in misura inferiore: fatta 1 la quantità di risorse disponibili in Europa, si può dire che negli Stati Uniti è pari a 1,5 e in Cina a 2,5 volte quella del Vecchio continente. Ma ciò che manca è il consenso politico per sfruttare quelle risorse. Non è un caso, infatti, se gli Stati Uniti perforano ogni anno 20 mila pozzi, mentre da noi in Europa si sono fatti una cinquantina di pozzi in Polonia e i risultati dal punto di vista minerario sono stati deludenti. Ed è un peccato, perché in America lo shale gas ha già offerto una possibilità di impiego a 2 milioni di persone, compreso l’indotto, e il valore aggiunto prodotto rappresenta ormai circa 2 punti percentuali del Pil a stelle e strisce. Per fare un altro esempio, il trasporto ferroviario utilizzato per trasportare il greggio è passato nel 2008 da 10 mila vagoni cisterna che si sono moltiplicati fino a raggiungere i 400 mila nel 2013. E anche la manifattura ne ha beneficiato enormemente in termini di risparmio sui costi della bolletta energetica, guadagnandone sia in termini di produttività sia, come conseguenza, di competitività sul mercato globale. Tanto che le imprese americane hanno cominciato a riportare in patria la produzione che in precedenza avevano delocalizzato.

È un ritardo che l’Europa può ancora colmare?
È necessario che l’Unione Europea adotti una politica comunitaria in materia capace di disciplinare con intelligenza lo sfruttamento dei giacimenti esistenti o i cosiddetti non-convenzionali come lo shale gas. Per esempio, non c’è ancora in Europa un ente rappresentante degli interessi di tutti i paesi europei in materia energetica, ma le decisioni sono ancora appannaggio dei singoli Stati. Forse, è ora di cambiare passo. Bisognerebbe poi rivedere la formula dei sussidi concessi alle energie rinnovabili, che, stanti le tecnologie attuali, non sono ancora autosufficienti e i cui costi hanno avuto ripercussioni sulle bollette dei cittadini e delle imprese. In Italia, per esempio, le rinnovabili hanno ricevuto nel 2013 oltre 11 miliardi di euro che rappresentano il 18 per cento del costo della bolletta. I benefici in riduzione di anidride carbonica che derivano dall’uso di energie verdi sono stati assorbiti dall’ampio uso di carbone, oggi molto economico. Un’altra grave disparità che va superata è rappresentata dal fatto che, mentre in America il proprietario di un terreno lo è anche del sottosuolo, in Europa non è così e spesso l’unica soluzione per raggiungere i giacimenti rimane l’esproprio da parte dello Stato.

La tecnica estrattiva dello shale gas, la fratturazione idraulica, desta ancora qualche preoccupazione oltreoceano e i gruppi anti-fracking sono presenti anche in Europa. Lei cosa ne pensa?
Quanto al rispetto dell’ambiente, gli Stati Uniti non sono secondi a nessuno dei paesi dell’Unione Europea e hanno introdotto una normativa severa per regolare le modalità di estrazione. Anzi, spesso sono ben più attenti e premurosi di noi europei. Ad ogni modo la tecnologia è la migliore risposta ai problemi dello sviluppo e le soluzioni individuate consentono di limitare l’emissione di Co2 e di utilizzare l’acqua impiegata per la fratturazione in piena sicurezza, senza inquinare l’ambiente.

L’Italia, che è priva di giacimenti di shale gas, cosa può fare per superare la crisi?
L’Italia ha un costo dell’energia che non solo è superiore a quello dell’America ma che è tra i più elevati in Europa. E non può più permettersi di dipendere per l’85 per cento delle risorse energetiche dall’estero. A maggior ragione quando detiene ampi giacimenti petroliferi inutilizzati. Si calcola, infatti, che la mancata concessione dei diritti di estrazione sia costata al paese 40 miliardi di euro di mancati incassi in vent’anni per i diritti minerari e circa 100 miliardi di euro, nello stesso periodo, per acquisti fatti all’estero che si sarebbero potuti risparmiare. Dobbiamo poi fare tutto il possibile per incentivare il risparmio energetico sia in casa sia in azienda, per esempio differenziando i prezzi in base agli orari oltre che aumentare la diversificazione degli approvvigionamenti costruendo nuovi rigassificatori.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

6 Commenti

  1. Mariano Froldi scrive:

    Scusate Sig. Zucchini e Sarti, ma se non lvi piace la linea editoriale del giornale potete semplicemente fare una cosa. Non leggere ne commentare. Siamo in democrazia, nessuno vi obbliga a venire qui a dire che si scrivono cose oscene.
    In secondo luogo…si vede che leggete poco i quotidiani e le riviste estere, visto che di fracking si parla ormai da almeno 5 anni. Molto più probabilmente siete voi a non essere informati.

    • luigi lupo scrive:

      Sig. Mariano, appunto perchè siamo in democrazia la gente può leggere tutti i giornali e poi, nel caso, criticarli. Si vede che lei legge solo giornali che rispecchiano il suo pensiero e così si convince sempre più di essere nel giusto,
      Mi tolga una curiosità ma quando parla di giornali esteri si riferisce a quelli extracomunitari? Infatti sembra, seguendo il suo ragionamento e un paragrafo del titolo, che dice “’L’Europa non sa neanche cosa sia”, noi europei viviamo nella totale ignoranza dell’argomento.

      Per fortuna c’è Tempi che prende il presidente dell’Eni per spiegarcelo a noi poveri mortali, senza domandarsi se non sia il caso che il presidente dia le dimissioni visto che non riesce a porre in essere quanto da lui auspicato, o almeno chiederglii che cosa ha fatto per porre rimedio a questa lacuna.

  2. Sara scrive:

    Io lo so cos’è, una schifezza. Per chi non lo sapesse consiglio dorsogna. blog

  3. Sara scrive:

    Io lo so cos’è, una schifezza. Per chi non lo sapesse consiglio d o r s o g n a b l o g

  4. Enrico scrive:

    Questi shale gas sono solo un’altra bolla economia senza futuro, ti possono dare vantaggi i primi anni di sfruttamento ma poi il picco estrattivo passa e la bolla scoppia, i usa già dopo il 2017 avranno problemi di produzione ecco perché cercano di trovare sempre nuovi popoli che gli permettono di trivellare in casa loro, cosi possono seguitare a alimentare la bolla.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L'abbinata Q+ composta da ruote Qurano 46 e tubolari Corsa Speed ha fatto bella figura: scorrevolezza, efficacia, feeling e comfort si trasformano in piacere di guida. E il tutto orgogliosamente tricolore

Le calzature top della gamma Road e Mtb si apprestano ad affrontare la nuova stagione con una serie di migliorie che ne alzano ulteriormente il livello tecnico e le prestazioni

Al Motor Show di Bologna debutta la smart forfood, che gioca a fare il piccolo ristorante stellato su ruote. Padrino dell'operazione è lo chef Davide Oldani

L’annuncio-shock di Nico Rosberg fa quasi storia a sé: come lui solo Mike Hawthorn, Jackie Stewart e Alain Prost

500 km in otto giorni, fra la vigilia di Natale e Capodanno. È la sfida che, dal 2010, Rapha organizza per invitare ogni ciclista a celebrare il proprio impegno per la causa.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana