Google+

Non è mai troppo tardi

ottobre 7, 2017 Alan Patarga

Il racconto di Beppe Ghisolfi, vicepresidente di Acri, il primo “prof” a girare le scuole (e perfino le carceri) per spiegare agli italiani mutui, obbligazioni e altri oggetti misteriosi

educazione-finanziaria

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – «Sono partito dalle scuole. Le elementari e le medie di Fossano, all’inizio. E devo dire che quindici anni fa, quando cominciai a parlare ai ragazzini di educazione finanziaria, tutti mi guardavano come un marziano». Beppe Ghisolfi, 68 anni di cui 41 trascorsi alla Cassa di risparmio di Fossano (21 da presidente), ci tiene a dire che lui è stato il primo. «Adesso della necessità di fare educazione finanziaria, nelle scuole e non soltanto, sono tutti convinti. Allora un po’ meno», dice a Tempi questo signore piemontese che siede ormai da parecchi anni nel Consiglio dell’Abi, l’Associazione bancaria italiana e che è anche vicepresidente di Acri, l’associazione che raggruppa le casse di risparmio del nostro paese. E forse bisognerà riconoscere che da quelle parti, nel Cuneese e nelle contrade vicine, il terreno è buono per la vite e il tartufo, ma l’aria deve contenere un qualche ingrediente particolare, che rende tutti un po’ economisti. A meno di 40 chilometri da Fossano c’è Dogliani, il paese-rifugio di Luigi Einaudi. E non è un caso che per celebrarne la memoria in un convegno, di recente, la Cassa di Fossano abbia addirittura organizzato dei pullman, che nemmeno la Cgil dei tempi d’oro per gli scioperi più importanti.

Qualcosa, negli ultimi anni, si è mosso: «Grazie al presidente dell’Abi Antonio Patuelli – dice ancora Ghisolfi – è stato modificato lo statuto dell’associazione per inserire tra gli obiettivi proprio l’educazione finanziaria. È nata una fondazione con questo scopo. Stanno partendo corsi sperimentali in 150 scuole. In Senato è stata appena approvata una mozione per chiedere al governo di farsi promotore dell’insegnamento delle basi dell’economia a tutti gli italiani. Ma la strada è lunga: quando ricevo qualche cliente della banca, e magari mi chiede di stipulare un mutuo, io domando cosa preferisca, se il tasso fisso o il variabile, e la risposta di solito è un imbarazzato “faccia lei”».

ARAGNO cop GHISOLFITremila persone ogni anno
Un “faccia lei” che è segno di fiducia, però. Una fiducia forse ancora possibile in un contesto locale dove tutti si conoscono, l’economia gira bene e la banca è solida. Altrove, o quando in campo si trovano i grandi e medi gruppi bancari, l’atteggiamento delle persone è radicalmente diverso: «Gli scandali degli ultimi anni – sottolinea Ghisolfi – hanno danneggiato enormemente la reputazione dell’intero sistema bancario. Ai dibattiti non mancano mai domande su quegli scandali e io spesso rispondo che si tratta delle sette piaghe d’Egitto: le cosiddette “quattro banche” (Etruria, Marche, Carichieti e Cariferrara, ndr), le due venete (Popolare di Vicenza e Veneto Banca, ndr) e il Montepaschi. L’effetto positivo degli scandali, invece, è che è aumentata la voglia di conoscere, per potersi tutelare meglio». Così, gli incontri si moltiplicano. E alle scuole in lista di attesa si aggiungono le serate con i Rotary e i Lions, e perfino le lezioni di educazione finanziaria nelle carceri. «Le domande – conclude Ghisolfi – cambiano a seconda dell’uditorio. I ragazzi si concentrano sugli aspetti pratici. Chiedono come funzionano le carte di credito, o i conti correnti, o come si stipula un mutuo. Gli adulti fanno domande sugli strumenti finanziari, sulle obbligazioni subordinate e tanti altri oggetti misteriosi che hanno ascoltato nelle cronache senza capire più di tanto. A conti fatti, penso di incontrare ogni anno circa tremila persone. Da un lato penso siano tante, ma spesso mi rendo conto che si tratta di una goccia nel mare: il lavoro da fare è immenso».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

“Voglio una sedia a sdraio sotto un ombrellone. Con quattro ruote, capace di portare due contadini e le loro mercanzie nel massimo della sicurezza e del comfort. Deve costare poco ed essere riparabile coi ferri con cui si aggiusta il trattore. Deve consumare non più di quattro litri per cento chilometri, essere facile da guidare […]

L'articolo Citroën 2CV Soleil, viaggio nel tempo proviene da RED Live.

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.