Google+

Le anti Femen sbarcano su Facebook, vestite e decisamente più carine delle attiviste ucraine

maggio 13, 2013 Paola D'Antuono

Il gruppo Christian Women Against Femen riceve messaggi da tutto il mondo: «Non ho bisogno di essere una Femen per essere una donna»

“Il Cattolicesimo è la mia scelta, Dio vi benedica”. Così scrive Kimberly, dall’Australia, che posta la sua foto sulla pagina del gruppo Facebook Christian Women Against Femen. Il nome della pagina parla da sé: su questa piazza digitale si riuniscono le donne cristiane che protestano contro le attiviste Femen. Nata per iniziativa del gruppo politico polacco Kobiety Dla Narodu e dell’organizzazione ungherese Jobbik, entrambi di area conservatrice, la pagina ha già fatto registrare più di cinquemila like a pochi giorni dalla sua comparsa.

DA TUTTO IL MONDO. I messaggi lasciati dalle donne provengono da tutto il mondo, dall’Australia, come Kimberly, alla Polonia, che ospita un messaggio inviato da una giovane attivista pro-life: “Sono una donna, sono cristiana, sono per la vita. E sono orgogliosa di esserlo!”. Molto attive anche le ragazze francesi. Una di loro si definisce “cattolica, libera e orgogliosa” e aggiunge: “Non ho bisogno di essere una Femen per essere una donna”. Ci sono anche messaggi dai toni più provocatori o semplici invocazioni di preghiera per le Femen, il celebre gruppo che ha fatto della protesta a seno nudo la sua caratteristica principale (sposando, va detto, il più delle volte, cause facili facili da sostenere).
In fondo, se hai qualcosa da dire puoi farlo benissimo anche con la maglietta addosso.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Mrack scrive:

    To Femen: how about girls that were killed in IRAQ under USA attack (nuclear weapon story)

    Did you give any shit for them ?

  2. Marck scrive:

    To Femen: how about girls that were killed in IRAQ under USA attack (nuclear weapon story)

    Did you give any shit for them ?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La show car a batteria al debutto al Salone di Parigi può contare su di un motore da 170 cv e un’autonomia di 600 km. È una hatchback compatta disponibile a guida autonoma e anticipa 30 futuri modelli elettrici Volkswagen. Una rivoluzione.

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana