Google+

Iraq. Sako e i cristiani in piazza contro la legge sull’islamizzazione forzata dei bambini

novembre 12, 2015 Redazione

Il patriarca dei caldei: «A rischio l’unità del paese. Se la norma entrerà in vigore porteremo il parlamento davanti a un tribunale internazionale». Centinaia di appartenenti alle minoranze religiose hanno manifestato ieri davanti all’Onu a Erbil

iraq-sako-islamizzazione-protesta-erbil-acs

Tratto da Acs-Italia – «Questa norma è una delle più discriminatorie, perché totalmente irrispettosa della civilizzazione dell’Iraq. La legge rappresenta una minaccia all’unità della nostra nazione, al pluralismo religioso e al principio di accettazione della diversità dell’altro». Così il patriarca caldeo Louis Raphael I Sako in un comunicato inviato ad Aiuto alla Chiesa che Soffre. La norma cui fa riferimento il prelato iracheno è la legge sulla Carta di identità nazionale approvata dal parlamento iracheno il 27 ottobre scorso.

Nelle prossime ore il presidente iracheno, Fouad Masoum, dovrà decidere se approvare il testo, rigettarlo oppure richiedere alcuni emendamenti. Ed una modifica è stata richiesta a gran voce dai leader delle minoranze religiose del paese, Chiese cristiane in primis.

La modifica – negata dal Parlamento con 51 voti a favore e 137 contrari – riguardava il punto n. 26 della norma, nel quale è scritto che «i minori devono seguire la religione del genitore convertito all’Islam». Ciò significa che se uno dei genitori si converte all’Islam, oppure se la madre si sposa in seconde nozze con un musulmano, i figli minorenni – cristiani o appartenenti ad altra minoranza religiosa – diverranno automaticamente musulmani.

Ieri centinaia di appartenenti alle minoranze religiose hanno manifestato davanti alla sede della missione Onu ad Erbil chiedendo al Presidente di non approvare la legge. «Se la norma entrerà in vigore – continua il patriarca Sako – faremo sentire la nostra voce in tutto il mondo, così che l’Assemblea dei deputati irachena ne risponda davanti al tribunale internazionale».

La protesta ha visto l’adesione di numerosi parlamentari, uno dei quali ha dichiarato ad ACS: «Questa legge non rappresenta una novità, norme simili erano in vigore già in passato. Ma è grave che nel XXI secolo si compiano tali violazioni dei valori democratici».

Come ha spiegato ad Aiuto alla Chiesa che Soffre Pascale Warda, già ministro iracheno per le politiche migratorie e fondatrice della Società Irachena per i Diritti Umani, un provvedimento simile è infatti presente nel Codice civile iracheno (art. 21, comma 3), nel quale è stabilito che «i figli di un genitore convertito all’Islam, devono essere automaticamente registrati come musulmani, anche nel caso in cui il genitore in questione li ha abbandonati».

«Leggi come questa rappresentano un attacco legalizzato alla libertà religiosa delle minoranze», afferma la Warda che riferisce del caso di un uomo cristiano, obbligato a convertirsi all’Islam dalla famiglia di una ragazza musulmana che aveva riaccompagnato a casa. Nonostante l’uomo fosse sposato, il matrimonio cristiano è stato dichiarato nullo e i suoi figli immediatamente registrati come musulmani. «Episodi come questo in Iraq, non sono teoria, sono la realtà».

Foto Acs


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. SUSANNA ROLLI scrive:

    Mi piace il patriarca Sako, non si arrende, sempre in lotta per difendere la Fede!! , incredibile!! Ce ne fossero!!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana