Google+

Iraq, padre Tooma: «Qui sono arrivati 10 mila profughi. Li abbiamo accolti, senza guardare se erano cristiani o musulmani»

giugno 12, 2014 Leone Grotti

Il superiore generale caldeo del monastero di Ormisda spiega come hanno accolto in Kurdistan i profughi scappati dai terroristi islamici: «Abbiamo aperto loro case e scuole ma non sappiamo se domani arriveranno qui»

Circa 500 mila iracheni sono scappati dalla città di Mosul, ormai in mano ai terroristi dello Stato islamico dell’Iraq e del Levante, come testimoniato a tempi.it anche dall’arcivescovo Amel Nona. Molti di questi si sono rifugiati nelle città vicine e nel Kurdistan, come afferma a tempi.it padre Waheed Tooma (foto in basso a sinistra): «Da noi ad Alqosh, che si trova a mezz’ora di auto da Mosul (45 chilometri circa, ndr), e nelle città vicine sono arrivate più di 10 mila persone». Il superiore generale cattolico caldeo del monastero di Ormisda spiega che «siamo molto preoccupati».

Padre Tooma, che cosa vi spaventa?
Per il momento qui non sono arrivati terroristi ma non sappiamo cosa succederà domani. Per fortuna l’esercito del Kurdistan ci protegge, qui nella zona ci sono centinaia di villaggi cristiani e musulmani, ma siamo preoccupati.

Come si spiega la caduta di Mosul?
In 24 ore più di 40 mila soldati sono scappati via lasciando la città in mano ai terroristi. Ormai nessuno ha più fiducia nel governo di Baghdad: ogni giorno succede qualcosa, c’è una guerra tra sunniti e sciiti, tutti vogliono mettere le mani sull’Iraq, i partiti sono sempre in guerra tra loro per avere più potere e le ricchezze dell’Iraq. Ma chi paga il prezzo sono sempre le famiglie innocenti. Dalla caduta di Saddam ad oggi non abbiamo vissuto neanche un giorno di pace.

Qual è la situazione in Kurdistan?
Solo in Kurdistan c’è pace e libertà, c’è rispetto per i cristiani e le altre etnie, si vive sicuri. Polizia ed esercito non consentono l’anarchia e il governo vuole la pace per il suo popolo. Il presidente e il primo ministro sono preoccupati ma lavorano per il popolo curdo, che ha vissuto prima nella miseria e nella persecuzione, poi ha lottato per la sua libertà.

tooma-iraq-alqosh-ormisdaCome avete accolto i profughi?
Da martedì alle quattro di mattina sono arrivate molte famiglie nel nostro monastero e nella città di Alqosh. Abbiamo aperto le scuole per loro, li abbiamo sistemati nelle classi. Nel monastero abbiamo una nostra scuola, l’abbiamo aperta per loro. Nel villaggio del monastero c’erano più di 25 case vuote, gliele abbiamo date senza guardare chi fossero, se musulmani o cristiani o curdi o arabi. Abbiamo accolto tutti con carità e amore. Solo nel nostro villaggio, che appartiene al monastero, abbiamo più di 200 persone. Abbiamo dato loro rifugio, cibo e tanto altro ancora. Anche ad Alqosh sono arrivate più di mille persone, circa 144 famiglie: abbiamo aperto scuole e case. Insieme alla Chiesa di Alqosh ci siamo messi insieme per aiutare questi poveracci scappati da Mosul. Ma i profughi sono arrivati in tantissime altre città qui vicino.

Dalle loro testimonianze sapete se ci sono state violenze da parte dei terroristi contro i civili a Mosul?
Crediamo di no. Ci hanno detto che i terroristi non li hanno attaccati, avevano lo scopo di colpire le sedi del governo e dell’esercito. Però nei bombardamenti restano sempre in mezzo anche dei civili e non sappiamo quante vittime ci siano sotto le macerie delle case distrutte. Le famiglie però non sono scappate perché attaccate ma per paura di rimanere in mezzo alla guerriglia. Molti infatti sono rimasti.

Cosa potrebbe succedere ora?
Nessuno lo sa. Forse l’esercito di Baghdad cercherà di liberare la città, ci sarà una guerra, non si sa. Per fortuna il governo del Kurdistan ha accolto questi profughi e ha preparato un campo profughi dove dare loro riparo, cibo e acqua. Grazie a Dio c’è almeno una buona notizia per queste famiglie.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. augusto says:

    Dalla caduta di Saddam ad oggi non abbiamo visto neanche un giorno di pace,……….più chiaro di così ! Anche in Iraq ,come in tutto il Medio Oriente e il Nordafrica, la Nato e le Monarchie del Golfo con i loro “interventi umanitari”hanno sempre portato pace e benessere ! ( Kossovo e “Primavera ucraina” a parte)

  2. Piero says:

    Kossovo? Appena i militari della Nato se ne andranno scoppierà una carneficina di nuovo.
    senza contare gli incendi alle chiese cristiane da parte di musulmani

    • augusto says:

      Il kossovo è una giungla già adesso, con l’ eroiche truppe della Nato presenti.. E’ un’enclave islamista in Europa.La gloriosa Nato ha fatto il solito”intervento umanitario ” (con il supporto del nostro leggendario governo d’alema) a suo tempo contro la Serbia, che affermava ,giustamente ,che il Kossovo è territorio SERBO ! La Nato ha creato in 24 ore i “volontari” patriottici del’UCK,Prima in Kossovo si viveva discretamente,adesso è quello che è !

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.