Google+

I No Tav preparano la manifestazione. Ma ora si organizzano anche i Sì Tav

novembre 14, 2013 Marco Margrita

Ratificato alla Camera il trattato Italia-Francia. Avvio dei lavori della “talpa”. Prime iniziative per far nascere un comitato a sostegno dell’opera

I No Tav si preparano alla manifestazione nazionale di Susa, prevista per sabato, cercando in ogni modo di ridimensionare la portata delle notizie, non precisamente incoraggianti per la loro causa, che provengono da Roma e da Chiomonte. Dalla capitale: l’approvazione (317 voti a favore, 115 contrari e un astenuto), ieri l’altro, alla Camera della ratifica del trattato 2012 Italia-Francia sulla linea Tav Torino-Lione. Dal cantiere: l’avvio, quasi in contemporanea con il voto parlamentare, dei lavori della “talpa” nel tunnel geognostico alla Maddalena.

OSTRUZIONISMO GRILLINO. Nonostante l’ostruzionismo grillino, con tanto di bandiera No Tav sventolata in aula da Laura Castelli ed Ivan Della Valle, il sì al trattato è arrivato. Prontamente ridotto, sul blog di Grillo e sulla galassia web anti-treno, a «mezzo trattato, visto che non c’è il sì del Senato». Il tentativo, secondo gli oppositori, in vista del vertice italo-francese del 20 prossimo, «di forzare la mano alla Francia a realizzare un’opera sulla quale hanno espresso concrete perplessità». Poco importa se queste perplessità, spesso annunciate, sono state regolarmente smentite. Il 20, intanto, è annunciata una discesa a Roma per una contestazione al vertice.

RAGIONI POLITICHE. Della “talpa”, inseguita per un’intera estate nel vano tentativo di bloccarne l’arrivo a Chiomonte, i No Tav mettono in dubbio «che abbia davvero iniziato a lavorare. Forse accadrà tra qualche mese e non si sa con quali esiti. Al momento non esiste nemmeno l’impianto elettrico necessario per farla funzionare».
Sandro Plano, presidente della Comunità Montana, alle prese, dicono i bene informati, con la costruzione di una sua candidatura a sindaco di Susa all’insegna dell’inciucio tra la fronda Pd antitreno ed i Movimento 5 Stelle, parla di «tono propagandistico».
Più che “talpa”, i richiami zoologici vanno per la maggiore anche nella politica valligiana, «si dovrebbe parlare di uno specchietto per le allodole, per far passare sotto traccia problemi come quelli riguardanti l’assetto idrogeologico, la situazione delle scuole, della sanità, il problema della casa che sono assolutamente prioritari. Questi – conclude Plano – sono i nostri temi e non sono solo nostri ma sono i temi di tutta Italia».

COMITATO SI’ TAV. In Valle, però, mentre il movimento trenocrociato cerca di riconquistare ribalta ed entusiasmo con l’imminente manifestazione, si inizia ad organizzare anche il fronte opposto. Sabato scorso, all’hotel “Ninfa” di Avigliana, uno dei bersagli dei No Tav, si sono incontrati alcune decine di valsusini che si propongono di dar voce e spazio ad un “Comitato Sì Tav”. Spiegano di «essere stufi dei danni all’immagine ed all’economia della Valle (e non solo) data da chi, per altro con sempre più inclinazione alla violenza, si oppone ad un’opera strategica come la Torino-Lione. Abbiamo deciso di portare le nostre ragioni fuori dai social-network (esistono alcune pagine e gruppi pro-Tav su Facebook, ndr) e mobilitarci per lo sviluppo. È importante che si sappia che questa non è solo la Valle dei No».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. In realtà, son già tutti SI-TAV: politici, sindacati, media, e ovviamente gli industriali. Tutti esponenti della “monoclasse” oligarchica – diceva Pier Luigi Zampetti – che dirige la musica, in regime di democrazia rappresentativa. Vedere i dettagli qui: http://www.ilcovile.it/scritti/Quaderni%20del%20Covile%20n.8%20-%20LA%20SOCIETA%20PARTECIPATIVA%20secondo%20Pierluigi%20Zampetti.pdf.

    La TAV è una di quelle applicazioni oligarchiche, per la quale i suddetti attori hanno interesse a promuovere “opere grandi” anche inutili, per farci la cresta a spese dello Stato, che in questo modo va in bancarotta – è quello che sta succedendo.

    Ora, però, siccome siamo alla frutta, questo modello sta collassando… interessante notare come ciò stia accadendo anche nei casi più favoriti, nel modo più eclatante, come NTV. Anche se tutti fanno finta di niente. Ne parlo qui: http://lafilosofiadellatav.wordpress.com/2013/11/13/nuova-autostrada-orte-mestre-continua-lassalto-alla-diligenza-del-pubblico-erario/

  2. klement says:

    La tav è oligarchica, mentre è democratica la demenziale idrovia Locarno-Venezia, in cui si butterà all’aria Milano per riaprire i navigli proprio grazie a un referendum popolare. Riprendere l’identità di città d’acqua è la stessa follia con cui Pol Pot voleva ricostruire l’antico impero Khmer. Invece di scimmiottare Amsterdam, dovrebbero ricordare che a Vienna la Ringstrasse è stata costruita demolendo i bastioni

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi