Google+

Fiat-Fiom, la Corte d’Appello di Salerno “sbugiarda” la Corte d’appello di Potenza

febbraio 27, 2012 Redazione

Non tutte le corti d’appello sono uguali. Certamente sono diverse quelle di Potenza e di Salerno. Quest’ultima ha dato ragione alla Fiat in merito alla vicenda di Di Gianni Michele Rosario, lavoratore all’epoca iscritto alla Fiom, licenziato nel 2003 per recidiva in considerazione di un comportamento reiteratamente inadempiente e negligente.

Non tutte le corti d’appello sono uguali. Certamente sono diverse quelle di Potenza e di Salerno. La prima ha accolto il ricorso avanzato dalla Fiom contro la Fiat, sulla sentenza di primo grado del luglio 2011 che ammetteva la giusta causa per il licenziamento dei sindacalisti Giovanni Barozzino, Antonio Lamorte e Marco Pignatelli. Ma quella di Salerno, invece, ha dato ragione alla Fiat in merito alla vicenda di Di Gianni Michele Rosario, lavoratore all’epoca iscritto alla Fiom, licenziato nel 2003 per recidiva in considerazione di un comportamento reiteratamente inadempiente e negligente (assenze a visita medica di controllo, mancato avviso dell’azienda dell’assenza, allontanamento senza autorizzazione dalla sala medica, abbandono del posto di lavoro, violazione delle norme antinfortunistiche).

Salerno ha così “sbugiardato” i giudizi di merito svoltisi dinanzi al Tribunale di Melfi e alla Corte di Appello di Potenza, che si erano conclusi a vantaggio del lavoratore (che quindi era stato reintegrato).
La Corte di Cassazione, con sentenza del 27.1.2011 (n. 1926/11), in accoglimento delle eccezioni portate avanti dall’avvocato Francesco Amendolito della Amendolito & Associati, legale di Fiat, ha cassato la sentenza con rinvio degli atti alla Corte d’appello di Salerno.

La Corte d’Appello di Salerno, quindi, accogliendo tutte le istanze del legale di Fiat ha dichiarato, a distanza di quasi un decennio dal licenziamento, la legittimità dell’azione di Fiat nei confronti del Di Gianni.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.