Google+

Che senso ha azzuffarsi con l’Europa per una briciola di deficit quando la nostra crescita è zero?

febbraio 1, 2017 Redazione

La modifica sui conti che vuole imporci Bruxelles ha conseguenze trascurabili per l’economia. È uno scontro politico, non tecnico. Il vero problema è il nostro declino

gentiloni-merkel-ansa

È vero, «la disfida tra governo italiano e Commissione europea sul deficit di bilancio programmato per il 2017» sarà anche «foriera di emozioni», al punto di meritarsi da mesi pagine e pagine sui giornali (se si esclude la pausa concessa da Bruxelles «in attesa del referendum costituzionale del 4 dicembre»). Tuttavia «è evidente che il dibattito sulla richiesta da parte dell’Europa di ridurre di 3,4 miliardi di euro il nostro disavanzo è del tutto irrilevante per le sorti del Paese». Di più: è una «distrazione». Perché il vero problema è la nostra crescita asfittica, sulla quale quei denari incidono poco o nulla. Così si può sintetizzare la tesi esposta oggi in un articolo di Ferdinando Giugliano, commentatore economico di Repubblica.

MOLTO RUMORE PER NULLA. Lo scontro tra governo e Commissione europea, ricorda Giugliano, è iniziato in autunno e ha raggiunto toni anche aspri. Con gli euroburocrati a fare i maestrini inflessibili e i ministri italiani – Renzi in testa, finché è rimasto in carica – a fare i ribelli. Ma nella realtà, visto «con gli occhi freddi e noiosi dell’economia», quello scontro epocale era poco più di una sceneggiata, da entrambe le parti, visto che «le cifre in ballo sono troppo piccole per influenzare in maniera significativa la ripresa italiana, che resta tiepida e fragile nonostante l’accelerazione del resto d’Europa per profonde ragioni strutturali».

DIBATTITO SURREALE. Domani a Bruxelles avrà luogo l’ennesimo atto della pièce. Il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan manderà una lettera per spiegare come il governo italiano intenda correre ai ripari rispetto ai richiami ricevuti dall’Europa, dopo di che «la Commissione prenderà nota di queste proposte e tra due settimane circa deciderà se aprire nei confronti dell’Italia una procedura di infrazione per non aver preso misure sufficienti per ridurre il debito pubblico», continua Giugliano. Ma stiamo parlando di una correzione del disavanzo che lo porterebbe «dal 2,4 per cento al 2,2 per cento del prodotto interno lordo». E cioè bricioline. «L’aspetto surreale della faccenda è che lo sforamento in discussione era evidente sin dalla stesura della legge di bilancio».

PROBLEMA POLITICO, NON TECNICO. Se le cose stanno così, la disputa tra Roma e Bruxelles non fa altro che rendere chiara a chiunque la natura squisitamente politica delle regole e dei parametri dell’euro. Per dirla con Giugliano: «Nonostante gli strali che provengono da Roma, i “tecnocrati” di Bruxelles appaiono ben più politici che tecnici». A riprova di questo, l’editorialista di Repubblica aggiunge anche il fatto che «le decisioni sui livelli di deficit e debito pubblico permessi agli Stati membri sono infatti tutto tranne che rigide». Recentemente uno studio del Fmi ha evidenziato che «il limite di disavanzo è stato sforato in più del 75 per cento dei casi nei sedici anni di esistenza dell’eurozona».

CONSEGUENZE TRASCURABILI. Insomma, se anche all’Italia toccasse ingoiare l’obbligo di fare una manovra, come sembra volerle imporre l’Europa, «le conseguenze per la crescita sarebbero trascurabili». Così come trascurabile, d’altro canto, è l’effetto positivo dello sforamento in questione sulla crescita. «Una correzione di bilancio di 0,2 punti percentuali di Pil abbia un effetto negativo sulla crescita di breve periodo pari a circa la metà», scrive Giugliano. «Il vero problema è che la ripresa italiana continua a stentare nonostante il crescente traino dell’Europa». È dunque sullo squilibrio strutturale nel rapporto tra l’Italia e l’eurozona che occorre concentrarsi.

RISCHI PER IL 2017. Infatti, mentre la zona euro, secondo Eurostat, «è cresciuta dello 0,5 per cento nell’ultimo trimestre del 2016 rispetto ai tre mesi precedenti», per il nostro paese l’Ufficio parlamentare di bilancio (preposto a controllare i conti pubblici) «nota una leggera ripresa degli investimenti, ma prevede una crescita di appena lo 0,1 per cento per il primo trimestre di quest’anno». Questo senza contare i rischi che correremo nel 2017: «La ripresa dell’inflazione, per ora solo legata alla stabilizzazione del prezzo del petrolio, potrebbe mettere alla prova la volontà della Bce di continuare ad acquistare titoli di Stato, con conseguenze importanti per la nostra spesa per interessi». Inoltre il protezionismo di Trump potrebbe danneggiare le nostre esportazioni verso gli Stati Uniti. Davanti a tutto questo e ancor più davanti alla prospettiva di una crescita zero, «i 3 miliardi di cui si discute in questi giorni appaiono solo come una minuscola distrazione».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Cittadino, fuoristradista, “agonista”, pratico o “alieno”. Cinque modi d’essere automobilista. Cinque modi d’interpretare SUV e crossover. Ecco 20 modelli che soddisfano ogni gusto e desiderio.

L'articolo SUV e crossover compatte: ecco le migliori 25 proviene da RED Live.

Ebbene sì, è accaduto. Anche il Giaguaro si è spuntato le unghie ed è sceso a compromessi con il downsizing. La rinnovata sportiva F-Type, disponibile in configurazione sia Coupé sia Convertible, verrà dotata di un “piccolo” 4 cilindri 2.0 turbo da 300 cv, destinato ad affiancare i confermati V6 e V8 Supercharged. Turbina twin-scroll Pietra […]

L'articolo Jaguar F-Type 2.0T: la prima volta del 4 cilindri proviene da RED Live.

In mezzo a tante amenità con gli occhi a mandorla, al Salone di Shanghai si possono ammirare anche alcune autentiche perle. Tra queste merita una menzione speciale l’Aston Martin Vantage S Great Britain Edition, una serie speciale tirata in soli cinque esemplari destinati proprio al mercato cinese. Ciascuno sarà venduto a 236.000 sterline, pari a […]

L'articolo Aston Martin Vantage S Great Britain Edition proviene da RED Live.

Fra dieci anni la Formula 1 sarà così. Autonoma? Elettrica? Impersonale? Nulla di tutto questo. Le monoposto di domani (ri)metteranno l’uomo al centro della scena. Ponendogli sotto il sedere quasi 1.400 cv. Parola di Renault che, con la concept R.S. 2027 Vision, svela l’orizzonte della massima serie dell’automobilismo sportivo. Abitacolo chiuso e casco trasparente Svelata […]

L'articolo Renault R.S. 2027 Vision: la Formula 1 del futuro proviene da RED Live.

Metti una mattina uggiosa, lo sguardo un po’ assonato che si posa sul nuovo Honda X-ADV parcheggiato in cortile e i contorni delle immagini che lentamente sfumano. Ecco che all’improvviso l’asfalto urbano muta in sterrato, lo skyline cittadino cede il posto alla vegetazione rigogliosa e alle spiagge dorate della Sardegna, mentre il completo elegante si trasforma in quello da […]

L'articolo Honda X-ADV, tra città e sterrato con Mariano Di Vaio proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana