Google+

Dite a Renzi che le unioni civili non sono priorità neanche per le coppie gay. Come dimostra il registro (vuoto) di Firenze

gennaio 15, 2014 Emanuele Roselli

Il sindaco lo sa quante coppie si sono iscritte in tredici anni nell’apposita anagrafe istituita nella sua città? E dire che un tempo era lui il primo a riconoscere che questi problemi «toccano la minoranza delle persone»

Abbiamo capito che per il segretario del Pd le unioni civili sono un priorità. E conseguentemente abbiamo capito che per il segretario del Pd cambiare idea è una priorità. Solo pochi anni fa, il 16 febbraio del 2007, Renzi, allora presidente della Provincia di Firenze, dichiarava in un’intervista pubblicata su Avvenire:

«Non ritengo quella della coppie di fatto la questione prioritaria su cui stare mesi a discutere per poi trovare una faticosa mediazione. Mi sembra un controsenso rispetto alle vere urgenze del paese. E poi perché si tratta essenzialmente di una battaglia mediatica intorno alla presunta laicità della politica. Mentre il tasso di laicità politica non si misura su questo tema, ma sul grado di dare risposte non ideologiche ai reali problemi della gente. Questi provvedimenti sono carichi di forza ideologica, sono un compromesso politico, ma toccano la minoranza delle persone. Basti pensare all’assoluta inutilità dei registri civili nei Comuni che ne hanno approvato l’istituzione».

Domanda del giornalista: «Cos’è che le dà più fastidio in questa vicenda, presidente Renzi?». Risposta:

«Mi dà fastidio l’idea che si vada sempre nella direzione di una non assunzione di responsabilità e questo mi sembra culturalmente sbagliato. Io penso che si debba deideologizzare il dibattito e uscire da questa rissa verbale quotidiana per poi affrontare in modo serio la questione ricordando che la famiglia è la cellula della società non perché lo dicono i cattolici, ma perché è il fondamento di un modo di stare insieme. E se il matrimonio è un sacramento per chi crede, per la comunità è comunque un istituto del diritto e come tale impone assunzione di responsabilità davanti alla società».

Tutti conoscono il detto “Parigi val bene una messa” attribuito a Enrico IV, di fede ugonotta, che per ottenere il trono di Francia accettò di convertirsi al cattolicesimo. Oggi Renzi ripropone lo stesso tema in chiave moderna: Palazzo Chigi val bene una civil partnership.

Del resto sì è capito che quello che sta più a cuore a Renzi è aprire una crisi di governo per andare a nuove elezioni. Ci aveva provato con l’elezione del presidente della Repubblica prima, ci ha riprovato con il “caso Cancellieri” e il tema dell’indulto e dell’amnistia (contraddicendo ancora una volta se stesso), ci sta riprovando adesso sulle unioni civili.

Angelino Alfano ha più volte ribadito che finché il Ncd sarà al governo non ci potranno essere matrimoni tra persone dello stesso sesso in Italia. Ha ribadito che le priorità per il paese sono il lavoro, la famiglia e la semplificazione burocratica, nonché una riforma costituzionale che superi il bicameralismo perfetto.

Non solo. Renzi, una volta diventato sindaco di Firenze, non solo non ha abolito gli «inutili registri civili» del Comune, ma ha addirittura reso gratuita la loro sottoscrizione. Vale a dire: se a Firenze vai in Comune per fare una carta di identità o richiedere lo stato di famiglia, paghi l’imposta di bollo; se invece ci vai per iscriverti al Registro delle Unioni Civili il servizio è gratuito (perché il costo viene fatto pagare a tutti i fiorentini!).

La storia del registro delle unioni civili a Firenze
Il Comune di Firenze ha istituito con deliberazione n. 789/142 del 20 luglio 1998 il Registro delle Unioni Civili e ha approvato il relativo Regolamento comunale. A seguito di sospensione del provvedimento deliberativo da parte del Co.re.co si è dovuto attendere la decisione del Tar nel 2001, che ritenendo il provvedimento legittimo, ha consentito di poter realizzare il Registro.

Pertanto con deliberazione della Giunta n. 724/554 del 24 luglio 2001, il nostro Comune, sulla base degli indirizzi individuati dal Consiglio comunale con la delibera di cui sopra, ha individuato:
• i presupposti per l’iscrizione al Registro;
• l’assegnazione della tenuta del Registro stesso all’Ufficio Segreteria Generale.

L’iscrizione è consentita a due persone maggiorenni di sesso diverso o dello stesso sesso, che ne abbiano fatto richiesta, residenti entrambe nel Comune di Firenze, anche da un solo giorno, ma coabitanti da almeno un anno. Le due persone non devono essere legate da vincolo di matrimonio (quindi la sola separazione giudiziale non è sufficiente), parentela e affinità, adozione, tutela, ma solo da vincoli affettivi.

La delibera prevede altresì la possibilità che l’iscrizione sia consentita anche a due persone per motivi di reciproca assistenza morale e/o materiale, coabitanti da almeno un anno, entrambe residenti a Firenze.

Qualora la coppia decida di iscriversi, deve comunicare i propri dati al fine di consentire una verifica da parte dell’Ufficio circa l’esistenza dei presupposti richiesti. Il personale comunale, se la verifica circa i requisiti richiesti è positiva, fissa un appuntamento per l’iscrizione. Il giorno stabilito per la registrazione, la coppia (munita di un valido documento di riconoscimento) si presenta e compila l’istanza di iscrizione che viene consegnata direttamente dall’Ufficio Atti di Giunta, Consiglio, Privacy e Accesso unitamente ad una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (Art. 47 D.P.R. 445 / 200). Al termine della procedura, l’Ufficio provvede a rilasciare un’attestazione agli interessati dell’avvenuta iscrizione nel Registro delle Unioni Civili del Comune di Firenze per gli usi consentiti.

La procedura è stata velocizzata e dal 2010 non comporta più oneri per il cittadino dopo che la Giunta Renzi ha predisposto il servizio gratuito (al fine di incentivare le iscrizioni dopo il clamoroso flop di numeri) con il provvedimento n. 2010/G/00026,

Su una cosa Renzi ha sempre avuto ragione: i numeri dimostrano che quella delle unioni civili non è una priorità. Ecco qui di seguito l’andamento delle iscrizioni al registro nel Comune di Firenze, che – è bene ricordarlo – ha quasi 400 mila abitanti.

NUMERO ISCRIZIONI “REGISTRO UNIONI CIVILI” DEL COMUNE DI FIRENZE
alla data del 31 dicembre 2013

numero-iscrizioni-registro-unioni-civili-firenze-k

Al  dicembre 2013 risultano tra l’altro 5 cancellazioni dal registro!

Emanuele Roselli, autore di questo articolo, è consigliere comunale a Firenze per il Nuovo centrodestra

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

135 Commenti

  1. Carlo scrive:

    Io ho intrattenuto relazioni omosessuali, ma adesso, con l’aiuto di un’ottima terapia riparativa ne sto gradualmente venendo fuori. Ho già spiegato al mio ultimo partner che non faremo più nulla e che la nostra relazione “amorosa”è terminata. Sono felice, cominciò a respirare aria pura e a rivedere la luce. Ringrazio il dottor Curaben (nome di fantasia), con il quale siamo costretti a fare tutto in gran segreto per paura delle ritorsioni della lobby. Grazie anche a tutti gli amici che mi accompagnano in questo percorso di rinascita.

    • Valeria scrive:

      Mi dispiace per te che sei costretto a creare un falso sè!

      • Samvise Gamgee scrive:

        Questi commenti mi fanno sbellicare!
        Come diavolo fai tu a sapere qual è il suo “falso sé”?!
        Siccome tu non ne puoi sapere un benemerito, quello che hai scritto tanto per sfogare la tua invidia rancorosa per chi ha il coraggio che tu non hai.
        E vedi di non cogliere l’occasione non scartavetrarci le gonadi con le solite supercazzole psicoterapeutiche!

        • Koimi scrive:

          Invece, caro, il coraggio autentico è di quello che accetta se stesso così com’è, non cambiandosi per diventare come dicono gli altri.
          Io non invidio affatto chi si rinnega per la società: io sono contentissimo di essere me stesso. Siete semplicemente una banda di populisti ignoranti ed incolti, c’è poco da fare. Solo coniare un’espressione come “nazigay”, bellissimo ossimoro (se non sapete che cos’è, usate un vocabolario di lingua italiana, invece di abbandonarvi a fantasie pseudomistiche tipiche di chi fa assunzione di sostanze stupefacenti)! Ovviamente i nazisti avrebbero ucciso milioni di persone e migliaia di gay perché loro in realtà erano gay, ma volevano nascondere la cosa… Questi sono risultati che si raggiungono quando si è ignoranti, non si studia e si è arroganti al contempo.
          Se ti scartavetrano le gonadi le “cazzole psicoterapeutiche” (perché ovviamente parlare di “guarigione dall’omosessualità e rinascita” non è una cazzola psicoterapeutica… è una Cazzata psicoterapeutica con una bella C maiuscola), evita di leggere, così sforzerai anche meno un cervello che a quanto pare preferisce non essere usato affatto.

          • Picchus scrive:

            A parte che nelle SA di Rohm l’omosesualità non era certo assente, e lui stesso era omosessuale, nell’Europa orientale vi sono gruppi gay neo-nazisti. Visti con i miei occhi. Con buona pace delle tue supercazzole sull’ignoranza degli altri. “Accettare se stessi così come si è” è una delle frasi più stupide che la modernità abbia prodotto. L’uomo deve sempre aspirare a migliorarsi. Altrimenti stavamo ancora a tagliarci la gola per il controllo del fuoco. Il post iniziale è probabilmente un fake, ma ognuno ha il diritto di voler e poter cambiare e migliorare, con buona pace delle ideologie (para)fasciste.

          • Samvise Gamgee scrive:

            Tanto per cominciare, signor koimi, “caro” lo dici a tua sorella, poi, per continuare, sarà bene che ti renda conto che, per accettarsi così come si è, bisogna prima conoscerlo quello che si è, e per far ciò non è sbagliato evitare di dare spago al primo minchione che ci vuole insegnare a vivere la nostra vita dimostrandosi allo stesso tempo incapace di vivere la sua.
            Capito mi hai?!

        • luca scrive:

          samvise se lui vuole rovinarsi la vita che una terapia che lo comprometterà per sempre per me è liberissimo di farlo, almeno quanto io dovrei essere libero di sposarmi

          • Samvise Gamgee scrive:

            Fossi in te non escluderei a priori l’eventualità non remota che a esserti fatto rovinare la vita sia stato proprio tu.
            Per sposarti non ci son problemi: è sufficiente che ti trovi una candidata moglie e qualcuno che ti faccia credito.

      • Koimi scrive:

        Sei una grande, Valeria, ma, lascia perdere! L’intelligenza non è per tutti: stai sprecando solo tempo ed energie con un branco di populisti ultracattolici o di estrema destra (e questo è uno scenario dei meno peggiori) che non ti capiranno mai. È gente che non ha un’identità: l’identità a cui ambiscono queste “pseudo-persone” è quella di manichini che si adeguano in tutto e per tutto al pensiero dominante, rifiutando se stessi.
        Poi si vede che è gente ignorante: parlare di carabattole fantascientifiche come “nazigay” è davvero tipico di chi a scuola non ha mai saputo, né voluto studiare. Dovremmo solo compatirli.

        • Marcello scrive:

          Che Valeria sia una grande…non ci sono dubbi, e anche Kimi è un grande….però li dobbiamo anche compatire, perché non sanno quello che dicono, sono accecati dall’ ideologia , credono di essere più intelligenti degli altri ma sono solo solo degli stupidotteri. Poveri loro! Speriamo di non ridurci mai così.

          • luca scrive:

            marcelli hanno solo le scatole piene di persone che come te pensano di conoscere i gay senza averne mai veramente frequentato uno

        • Arbitro scrive:

          Uaaahhuaaahhuaaahh!!!!!!!

          Koimi 0
          Marcello 4

          incontro finito al primo round.

    • giovanna scrive:

      Bè, per un lettore assiduo di tempi.it, è abbastanza evidente che Carlo sia una provocazione, non si capisce nemmeno bene in che senso. Fatto sta che, come ho già detto più volte, secondo me questi interventi e quelli di altri troll a frotte che ne seguono, sono totalmente inutili a qualsiasi causa. Non hanno proprio senso, inquinano il dibattito inutilmente. All’inizio potevano essere divertenti, ma ora sono solo noiosi.Perché non esprimere chiaramente la propria opinione o raccontare sinceramente la propria storia ? Come d’altronde fanno gli articoli di Tempi: non c’è bisogno di inventare nulla, sono tanti gli omosessuali che testimoniano un percorso.Sono i gay ad essere immersi nella menzogna, che hanno bisogno di taroccare la realtà, che sono in totale malafede : chi crede nella famiglia che bisogno ha di inventarsi delle storie? A meno che non siano proprio gli assidui gay troll a produrre ‘sta roba. E comunque, io sono contenta di presentarmi come sono e con le mie idee e le mie esperienze, ma se continua così lascio il campo !

      • Carlo scrive:

        Giovanna, io ho raccontato la mia esperienza, se tunon ci credi è un problema tuo. L’ho raccontata sinteticamente, in termini asettici e quasi burocratici, perché non voglio aggiungere dettagli che potrebbero creare problemi al dottor Curaben (denunce all’ Ordine e, dopo la legge Scalfarotto, magari alla Procura). E problemi anche a me, perché se i militanti della lobby scoprissero dove vivo sarebbero capaci di farmi le ronde e i picchetti sotto casa. Nel circolo che frequentavo vi erano tre militanti che si occupavano, a tempo pieno e verso retribuzione, di scoprire chi faceva terapie riparative e di organizzare azioni di disturbo nei confronti di manifestazioni come quelle di Manif e Sentinelle o di convegni a favore della famiglia vera. Io ho paura della lobby, tu forse no, ma io sì.

        • luca scrive:

          ok io non frequento assiduamente circoli gay, ma qualcuno lo conosco… a carlo ma che stai a di? ammolla fai.
          vuoi andare con le donne? vacci, felice te. ma questo non cambia nella mia vita o nelle mie scelte.
          tu devi poterti distruggere la vita come piace a te ma io devo poterla portare avanti bene e felice come voglio io e sposarmi

        • Anonimo scrive:

          Carlo, non avercela con Giovanna: è una commentatrice di lungo corso e su queste pagine ha letto veramente di tutto di più.

      • Koimi scrive:

        Sono i gay ad essere immersi nella menzogna? Ti prego, sei un insulto alla gente intelligente! Ma è possibile, dico, che si possa essere così tonti da interpretare un’intera realtà sulla base di quattro chiacchiere riportate in un libro di chissà quanti millenni fa, scritto da un popolo seminomade e certo non avanzato, e poi rimaneggiato continuamente dai potenti? Ma come fate ad essere così ingenui e così sicuri di vivere nella luce e nella verità?
        Io non sono credente – per fortuna – ma noto con grande divertimento che tutti i “credenti” come voi che giudicano gli altri non fanno che trasgredire quello che leggono nella loro Bibbia! Giudicano gli altri, li offendono, li insultano, si ergono a giudici e si atteggiano quasi come forieri di luce e verità e così non fanno altro che trasgredire a leggi come “ama il prossimo tuo come te stesso” o di “lasciare il giudizio a Dio”. Mah! Fate tanto i santarelli semi-teologi che basano le proprie affermazioni su una scrittura “sacra” e poi dimostrate coi fatti di non conoscerla affatto quella scrittura. Mi fate solo ridere e provo sincera compassione per voi. Spero che la vostra vita si riempia di avvenimenti che vi facciano davvero capire il suo senso, invece di perdere tutta la vita che avete a disposizione discriminando ed insultando. Alla faccia del “chi è senza peccato scagli la prima pietra”…

      • luca scrive:

        giovanna, tu che scrivi su tempi dovresti renderti conto più degli altri che molti si stancano di darvi retta e iniziano a canzonarvi.
        una cosa mi pare evidente, alla storia dei gay “guariti” non ci credi neanche te!
        mi sembra ovvio altrimenti non si capisce perchè daresti del troll al tipo

      • Arbitro scrive:

        Sì, io sono semplice e tu sei …semplicemente bischero, Uaaahhhhhuaaaahhhh!!!!!

    • luca scrive:

      va bene carlo, buon per te, spero solo che tu non faccia la fine della maggior parte delle persone che hanno scelto la tua strada: ammazzarsi!
      ritorsioni delle lobby? tra i gay si sente di continuo di nostri amici che finiscono per sposarsi, solo per essere avvistati sistematicamente un anno dopo nei posti di rimorchio più squallidi a fare sesso…felice te

  2. Franco C. scrive:

    @Carlo
    Complimenti Carlo, io anche, pur se non di tipo omosessuale, ho avuto una condotta di vita disordinata e promiscua e non porta a un keiser…se guardo indietro ho rischiato davvero tanto. Ora ho una figlia e mia moglie. Tranquillo peró che a te i nazigay diranno che allora non sei gay e a me che sotto sotto quelli come me sono i peggio. In pratica gli slogan nazigay e pro 68 in genere hanno impappato campagne mediatiche per cui la prova più eclatante che dovrebbe smentirli diviene la prova provata che é allora é proprio così.
    Es. se dico di voler essere fedele a mia moglie allora vuol dire che sono il più infedele ( quelli sono i peggio dicono) . e perché? Perché tutti quelli che tradiscono facevano i fedeli , quindi se fai il fedele sei uno che tradisce. Ma se uno “tradisce” é ovvio che l’assunto di base é che uno si dicesse fedele, ma al contrario,non é che se sei fedele allora la conseguenza é che tradisci. Come dire: i pirati della strada prima di arrivare a 200 km orari per forza di cose sono andati anche a 50 km orari. Con ció non significa che che va a 50 km allora evidentemente é uno di quei pirati della strada che si nasconde bene.

    Complimenti ancora e ciao

    • Koimi scrive:

      Prima di inventarti ossimori anche discretamente divertenti come “nazigay”, torna a studiare sui libri di scuola, asino!
      Avere fede è una cosa, reinventarsi la storia è un’altra. La fede non deve sconfinare nel campo delle scienze! L’ha fatto già per troppi anni e i risultati sono stati circa 5 milioni di roghi dopo indicibili torture. Praticamente si può dire che chiesa e diavolo andavano a braccetto (e forse lo fanno ancora oggi)!
      Tutto questo populismo potreste anche risparmiarvelo! Siamo in periodo di crisi, invece di pensare alla vita sessuale ed amorosa degli altri (che evidentemente invidiate, si capisce dal fatto che vi accanite così tanto), datevi da fare a lavorare e a risollevare il paese, banda di scansafatiche ignoranti!

      • Arbitro scrive:

        Uaaahhhuaaaaahhhuaaahh!!!!

        Franco C. 10
        Koimi 0

        Più scrive, più Koimi peggiora la situazione! Che somaro!!!

      • VivalItalia scrive:

        “5 milioni di roghi dopo indicibili torture…..”

        Koimi ndo sta ‘sta rosticceria? MAI SENTITA!!!

        • luca scrive:

          studia mio caro, voi cattolici con la scusa della fede avete compiuto ogni genere di nefandezze… oggi negate i roghi, domani negherete il fatto di aver discriminato i gay

    • cornacchia scrive:

      Questo non toglie che una persona sia libera di vivere liberamente il percorso inverso al tuo, senza che la società frapponga ostacoli.

      • Carlo scrive:

        Sì, Cornacchia, ma lui uno psicoterapeuta che lo aiuta lo può trovare senza problemi, il mio si deve nascondere!

  3. federica scrive:

    Caro Carlo ,
    ti sono vicina in un periodo che sarà di rinascita e come dici tu di purezza e finalmente respiri nuovamente aria fresca. Io ne sono uscita ed ho riscoperto la felicità , dopo qualche anno ho incontrato una persona magnifica con la quale mi sono sposata e ho due bambini che amo infinitamente.

    Ho riscoperto il Signore che oggi è la parte centrale della mia vita .
    Saluti

  4. Sara scrive:

    Pregheremo tutti x te Carlo(ovviamente nome di fantasia,ma Gesù sa ki sei!)
    o almeno pregheranno quelli che hanno AMORE x il prossimo come vuole DIO
    auguri di buon 2014 e se riesci va a Medugorje!

  5. giuliano scrive:

    c’è chi ha scoperto il Signore e lo segue (come Carlo) e c’è chi ha scoperto il Demonio e lo segue (come Valeria). Così va il mondo

    • Koimi scrive:

      E c’è chi ha scoperto le malattie mentali e psicotiche (come Giuliano) e le segue. Così va il mondo, ma a differenza delle cretinate che spara qualcuno sul Signore e sul Demonio, la medicina potrebbe fare miracoli e guarirti, Giuliano. Perché non preghi Cristo che ti indichi qualche bravo psichiatra? Potresti ancora salvarti.

      • Arbitro scrive:

        Uaaaaahhhhhuaaaahhhhuaaaahhh!!!!!!!

        Altre scoregge intellettuali di Koimi. Tenta di rialzarsi, ma barcolla, fa pena nel suo incedere da ubriaco…il suo angolo ha già gettato la spugna da molto ma lui non vuole accettare il ko. Che pena, signore è signori!

        • luca scrive:

          ma pensa che razza di semplice che sei arbitro!!! sei giovanna forse? sei tanto semplice quanto lei

          • Cagliostro scrive:

            Ma perché ripeti questa minchiata del”semplice”? È un’altra scemata dei Simpson?

  6. Robinson scrive:

    Non si tratta di scegliere se essere o non essere omosessuale.
    L’identità non si sceglie. Ci si accetta nella condizione come si è.
    E non perchè si sceglie di essere del demonio o di Dio.
    Se Carlo sta facendo un percorso liberamente ed è felice beato lui, anche se è il risultato si vede nel tempo.
    Quanto al registro delle unioni civili, penso che non sia questo ciò che un omosessuale chiede.
    Si chiede innanzitutto rispetto per le persone e, se proprio lo si vuole, cercare di capire, senza giudicare.
    Se poi arriva qualche legge a tutela è altra cosa. Ma c’è un prima che è più importante.

    • Koimi scrive:

      Finalmente una persona sana di mente. Allora forse c’è ancora qualche speranza per questo paese abitato da gente alquanto miserabile…

      • Paride scrive:

        Non essere così pessimista, Koimi. Se tu sei un miserabile senza criterio e senza coscienza, non tutti sono come te. E pure tu puoi cambiare, sé lo vuoi.

        • luca scrive:

          non basta inginocchiarsi e recitare preghierine senza senso per essere tra i giusti, specie se poi si è come voi!!!

          • Paride scrive:

            No, certo, Luca non basta, ma è incommensurabilmente di più che scrivere castronerie come le tue.

  7. Alessandro scrive:

    Caro Carlo, da gay dichiarato e fiero di esserlo, ti dico che se questo tuo percorso ti rende felice allora sono contento per te. Si vede che la tua sessualità vive meglio nell’eterosessualità. Spero solo che il tuo vivere sia dettato non dalla paura ma dal trovarti a posto, e che un giorno non ti pentirai di averlo fatto, come molti EX-ex-gay si sono pentiti del fatto di aver intrapreso queste terapie riparative.
    Quello che io ti contesto è quel tuo riferirti alle “lobby gay” (mi sai dire dove sono queste nuove logge mimil-mafiose dedite alla perversione del mondo? perchè di ciroli ne ho frequentati anche io e vi ho trovato molte brave persone). E soprattutto vorrei dirti che forse non era nelle tue intenzioni, ma resta il fatto che ti sei prestato a fare il gioco di quelli che reputano i gay come i figli del Demonio. E se hai conosciuto dei gay, potrai dire che sono egocentrici, egoisti, superficiali, ecc… (così come lo possono essere gli etero) ma resterei basito se tu pensassi che sono dei depravati figli del Demonio che vogliono rovinare il mondo.
    Il mondo gay certo non è perfetto, vi sono tanti problemi, così come nel mondo etero. Se lo hai vissuto male mi dispiace per te, ma generalizzare il tuo sentire con quello di tutta la stragrande maggioranza dei gay che vivono la loro omosessualità normalmente non è stato proprio una bella cosa.
    Detto questo ti auguro di trovare la tua strada. E mando volentieri a quel paese tutti coloro che ci offendono in quanto gay.

    • Koimi scrive:

      Ben detto! Finalmente una persona con un po’ di giudizio critico! Alla fine, tra cinquemila persone, l’ho trovata! È sempre la vecchia storia dell’eterna guerra contro “l’altro”, Alessandro, e non aspettarti scuse o comprensione da certa gente, perché è chiaro che non ne sono capaci.

  8. Riccardo scrive:

    Io sono un ex etero, cattolico e separato. Mi sono sposato a 20 con la mia compagna di allora. Essendo molto credente pretendevo rapporti sessuali al solo scopo di procreare. Non appena mia moglie rimase incinta, non desiderando più figli e di conseguenza ho smesso di avere rapporti sessuali con lei. Evidentemente mia moglie non la pensava come me. Dopo qualche anno mi tradì ripetutamente. Di fatto non era una buona cattolica e basava la sua esistenza sui valori non cristiani ma su altri piaceri. Per questo motivo chiesi la separazione e ottenni l’affidamento di mio figlio. Fu il periodo più difficile e infelice della mia vita. Alla fine la fede mi mostrò la via per la felicità. Conobbi un ragazzo che ora è il mio compagno e stiamo insieme da 7 anni. A volte quando pensi che sia tutto finito, tutto inizia.

    • mike scrive:

      credo che tua moglie ti abbia tradito non perché non fosse una buona cattolica ma perché una persona etero, pur non fissata col sesso, il matrimonio vuole consumarlo. magari ogni tanto tanto ma vuole consumarlo. col tempo avrà capito che non eri etero e si sarà sentita presa in giro. ed anche questo credo che incida. e dopo, certo, non si sarà comportata da cattolica ma un po’ sarà comprensibile. con tutto il rispetto, dato che posso basarmi solo su quanto scrivi, non dovevate sposarvi né mettere al mondo dei figli. la pressione sociale che un po’ adombri (“essendo molto credente…”) non ti giustifica. anche se, avendo toccato l’argomento, dico che la chiesa in casi come il vostro dovrebbe concedere l’annullamento tramite la sacra rota. cioè parlo dell’omertà che la chiesa ha sempre avuto circa gli omosessuali. credo che la cosa la gerarchia l’abbia sempre (e volutamente) sottaciuta. dopo chi si sposava una persona omosessuale… affari suoi. alla fine chi giustifico di più è la tua ex moglie.
      di storie come la tua ne ho sentite, o meglio me le spiego supponendo che una delle due parti sia omosessuale.
      sulla fede non credo se il disegno di Dio sia quanto tu credi, ma ora non mi va di fare l’invadente.

      • Koimi scrive:

        Penso che invadente (e sgarbato e maleducato e offensivo) tu lo sia già stato anche troppo!
        Non riesci a capire quanto la vostra tanto sbandierata “fede” vi porti a contrasti interni! Ogni tanto il sesso vuole consumarlo? E come glielo spieghi al tuo Dio che fai sesso per piacere e non per procreare? Da quello che mi risulta la chiesa critica aspramente il sesso con fine puramente carnale e di piacere. Questa sai come si chiama? Ipocrisia: quando pretendete che il Creatore dell’universo crei delle leggi e poi vi permetta di trasgredirle perché il vostro uccello ha bisogno…
        Fate abbastanza ribrezzo.

        • Giannino Stoppani scrive:

          Può darsi che noi si faccia “abbastanza ribrezzo”, ma tu sei alquanto somaro.
          Sarà giunta l’ora che tu ti liberi da tutti codesti pregiudizi sulla supposta sessuofobia dei cattolici?
          Serve a qualcosa spiegarti che ai cattolici il sesso piace (un sacco!) ma non fino al punto di dimenticarsi completamente a cosa serve?
          Tempo perso, non capirai mai.

        • mike scrive:

          io mai ho detto che approvo solo il sesso finalizzato alla procreazione. è ipocrita e dunque concordo con te. che poi la chiesa condanni il sesso come piacere credo sia parzialmente vero. aggiungo che a me della dottrina cristiana, e a messa ci vado, una cosa (tra le poche) di certo da fastidio: si parla dell’ideale della croce poi però se uno dei coniugi capisce che l’altra parte è impotente/frigida, o che da prima di sposarsi non voleva figli, il matrimonio è considerato nullo. in tali casi la croce può anzi deve non essere portata. è ipocrita. come lo è non permettere la stessa cosa a chi ha sposato un/una omosessuale. che io sappia è così. come vedi se io devo fare critiche alla chiesa gliele faccio, non ho i paraocchi.
          nel caso di cui sopra ripeto che non dovevano sposarsi e che riccardo si sia comportato male,e questo a prescindere dall’omosessualità. cioè se era etero e gli piaceva un’altra donna da prima del matrimonio e dopo sposato divorziava il mio giudizio sarebbe stato idem.

      • Riccardo scrive:

        Quando ho sposato mia moglie ero eterosessuale. Non l’ho ingannata mai. io sono stato tradito e ingannato da lei. Non soltanto mi ha mentito sulla sua fede, ma poi si è dedicata al peccato ed è venuta meno ad un Sacramento. A seguito della mia grande sofferenza ho incontrato presso l’Azione pastorale della mia Parrocchia il mio attuale compagno, presentatomi dal mio sacerdote stesso. se non è stato la volontà di Dio questa…

        • mike scrive:

          riccardo se ora stai bene sono contento, ci mancherebbe! ma dire che tutto ciò sia volontà di Dio non credo corrisponda al vero.

    • Seminarista scrive:

      Gentile Riccardo, la sua visione della sessualità è tutto fuorché cattolica. In pratica lei ha trattato sua moglie come mero strumento di procreazione… Se ne rende conto? Una volta procreato stop.
      Invece la Chiesa insegna che ogni atto di unione coniugale deve essere sì aperto alla vita, ma non che l’unione coniugale abbia come unico fine la procreazione. Il fine dei rapporti sessuali nel matrimonio è anche mantenere vivo l’amore tra i coniugi stessi ed essere una carne sola (unione di corpo e spirito).

      Inutile dire che essere cattolico è incompatibile con l’intrattenere relazioni omosessuali. Dovrebbe saperlo. Impossibile che la fede cristiana possa averla guidata su una strada di peccato.

      • mike scrive:

        seminarista mi trova d’accordo. anche se un po’ di sessuofobia l’educazione cattolica la trasmette. poca, in media, ma c’è.

  9. giesse scrive:

    Come richiesto dal titolo, anch’io aderisco:
    dico a Renzi che le unioni civili non sono priorità neanche per le coppie gay.
    Basterà?

    • luca scrive:

      questa è una scempiaggine, i registri sono vuoti perchè non servono a nulla!
      poi specie in un paese come l’italia ci vuole più che aprire le gabbie per far capire ai gay che sono liberi.
      certo statistiche fatele in olanda, poi ne riparliamo

  10. Giannino Stoppani scrive:

    Una sequela di balle tutte così ipocritamente querule era tanto che non la si vedeva.
    Consiglio caldamente gli autori delle suddette balle di frequentare un qualche corso per soggettisti e sceneggiatori.

    • giovanna scrive:

      Dimmelo sinceramente, caro Giannino, ci conosciamo da tanto credo , tu pensi che questi troll che si travestono da ex-omosessuali pentiti siano i gay che infestano il sito? Comunque sono fastidiosissimi.

      • Giannino Stoppani scrive:

        Giovanna, visto che ci conosciamo da tanto il mio parere credo tu lo conosca di già.
        Allora te la pongo io una domanda: considerato quello che capita di leggere su queste pagine, tu ancora ti stupisci di qualcosa?

        • giovanna scrive:

          Vabbè, Giannino, ma non mi hai risposto ! D’altra parte, siamo sulla stessa barca, non posso pretendere niente. Comunque, nei commenti preferivo un confronto anche un po’ rude, ma leale. Ora non ci si capisce più niente ed è un peccato, perché gli articoli di Tempi sono molto, molto interessanti.
          Mi sa che mi prendo una pausa dai commenti, ma mi raccomando, amici, rintuzzate il troll Giovanna in mia assenza e che la redazione sia lesta a censurare le volgarità che esprime da dentro !

          • Giannino Stoppani scrive:

            Giovanna, vuoi che sia più esplicito?
            Ebbene, ecco: coloro che passano l’intera giornata (!) a fare il controcanto sui siti in cui ritengono di trovare opinioni differenti da quella che hanno loro inculcato non sono persone che cercano un dialogo, ma sono degli ESALTATI MEGALOMANI dai quali c’è da attendersi letteralmente DI TUTTO meno che l’ascolto e la comprensione non solo del tuo punto di vista e delle tue ragioni, ma, soprattutto, della realtà effettuale in sé.
            Se ti è mai capitato di andare allo stadio, avrai notato che ci sono sostenitori che prendono sul serio il tifo per la loro squadra del cuore fino al punto di prendersi a coltellate con i tifosi avversari che capitano loro sotto tiro, altri, invece, riescono a mantenere il tifo calcistico sul piano della goliardia (memorabili, ad esempio, i fotomontaggi di Conte con un gatto nero a guisa di parrucchino realizzati da tifosi della Fiorentina).
            Ecco, secondo me questi ESALTATI con cui tu cerchi il dialogo come Chamberlain un tempo faceva con Hitler, sono appunto come i tifosi di calcio dai quali c’è ragionevolmente da attendersi che abbiano un coltello a serramanico nascosto da qualche parte e siano determinati a piantartelo nello stomaco.
            Avendo da tempo constato che il confronto leale con costoro è velleitario, frustrante e più che altro pericoloso per l’incolumità personale e la serenità familiare, secondo me conviene, quando proprio non ce la si fa a leggere le BOIATE che scrivono a cottimo senza soffocare la necessità di replicare qualcosa, tanto vale farlo con leggerezza, adoperando magari lo spirito goliardico tipico dei tifosi più assennati.
            Sperando di essermi spiegato meglio porgo cordiali saluti.

            • giovanna scrive:

              Va bene, Giannino, grazie di avermi risposto, però permettimi di pensare che non sia un rimedio.Il troppo stroppia. E comunque io mi ci trovo a disagio.
              Secondo me sarebbe meglio, allora, soffocare la necessità di replicare qualcosa , magari distinguendo i gay di turno da altre persone che magari capitano qui navigando sul web . Al momento , in queste acque torbide, non pare possibile.
              Ciao.

              • Giannino Stoppani scrive:

                Hai ragione, non è un rimedio, ma una soluzione di ripiego, tuttavia l’auto-imposizione di non replicare nulla alla lunga perde forza, a meno che uno non si riduca a non leggere più gli interessanti articoli di questo giornale…

            • VivalItalia scrive:

              Gm Stoppani: TOTALE SINTONIA (anche se non é il viola il mio colore!!)

      • luca scrive:

        giovanna sono felice di scoprire che neanche tu credi a queste atroci terapie riparateve.

        • Samvise Gamgee scrive:

          Come fai a dire che sono “atroci”?
          Hai provato?
          Scommetto che ora rispondi di sì!

  11. Cisco scrive:

    Io sono un ex alieno ex-ex bisex ed ex-ex-ex valdese con tendenze zoofile del lunedì al venerdì, mentre il weekend preferisco frequentare il circolo Mario Mieli perché sto negoziando l’apertura di una sede in franchising su Transuranio, dedicandomi al cambio di sesso ogni anno bisestile. L’APA mi ha detto che non devo preoccuparmi, se a volte mi sento strano e’ colpa dell’omo-zoo-etero-trans fobica dell’Universo Parallelo.

    • domenico b. scrive:

      Cisco, veramente da ridere, ma se penso che quello che scrivi è la confusione a cui vogliono portarci questi matti…..

      • Bifocale scrive:

        Domenico B. ma di quale confusione parili? chi ti vuole portare da qualche parte? Le coppie dello stesso sesso che chiedono un riconoscimento e un trattamento ugualitario allo Stato nel quale vivono e pagano le tasse (non certo attraverso i registri nei comuni, che non servono a niente per cui pochissimi si iscrivono) non ti chiedono di cambiare una sola virgola della tua vita, assolutamente niente. Bollarli come “matti” semplicemente per rivendicare i loro pari diritti di tuoi concittadini (senza imporre niente a te) francamente non ti fa onore.

    • giovanna scrive:

      Cisco,troppo divertente, con questo ti perdono anche l’ossessione anti-berlusconiana ! :-)
      Devo dire però che a leggere quelli su facebook, che sembrano dei gay berlusconiani, per il modo violento di esprimersi, magari qualche ragione ce l’avevi !

    • mike scrive:

      una cosa simpatica. il “valdese” per caso indica la chiesa valdese?

  12. Bifocale scrive:

    Sulle cosiddette “terapie riparative” tutti gli ordini professionali di psichiatri e psicologi ne hanno fortemente preso le distanze, sottolineandone la non scientificità e la potenziale pericolosità. In primis L’American Psychological Association sin dal 1997 (http://psychology.ucdavis.edu/rainbow/html/resolution97.html) e l’American Psychiatric Association (http://healthyminds.org/More-Info-For/GayLesbianBisexuals.aspx ). Da noi l’Ordine degli Psicologi Italiano nel gennaio 2008 ha preso ufficialmente posizione in una nota nella quale si chiarisce che “Lo psicologo non deroga mai ai principi del Codice Deontologico nessuna ragione né di natura culturale né di natura religiosa (…) È evidente quindi che lo psicologo non può prestarsi ad alcuna “terapia riparativa” dell’orientamento sessuale di una persona.” Per tutta una vasta panoramica di prese di posizione contro le “terapie” riparative si veda:
    http://www.religioustolerance.org/hom_expr.htm

    • Alessia scrive:

      Infatti a noi poveri psicologi e psicoterapeuti ci stanno riducendo al silenzio sotto minaccia…
      Fra qualche anno ci riproveranno con la questione della pedofilia che non fa male ai bambini, ma che il bambino ha diritto a vivere la propria sessualità con chiunque voglia.
      Andate a vedere cosa stanno facendo a Giancarlo Ricci che aveva tentato di ricordare a questi venduti che vuol dire “riparativo delle relazioni oggettuali” da Freud a Winnicott passando per M. Klein e molti altri.
      Non pretendo che non addetti ai lavori capiscano i termini tecnici, ma è abominevole che alcuni tecnici mentano sapendo di mentire. E che si diano da fare per diffondere disinformazione e per perseguitare chi dice la verità in scienza e coscienza.

      • Koimi scrive:

        Guarda, bella (o bello che tu sia!), non ci credo neanche se mi mostri la laura che tu sia una psicologa e psicoterapeuta! Penso solo che tu sia una grandissima bugiarda e ciarlatana. Un medico serio e che ha studiato non si concede a certi, stupidi populismi. Ma per favore! Siete solo persone che si inventano balle sperando che le persone meno dotate di cervello (e dai commenti che leggo capisco che ce ne sono tantissime) vi credano.
        Se siete così ossessionate dalla convinzione delle lobby che infestano le vostre vite e vi mandano minacce, dovreste seriamente ricorrere a qualche bravo specialista in psichiatria. Non lo dico tanto per voi, quanto per gli altri, perché le persone con manie di persecuzione come le vostre possono diventare violente contro gli altri e la società ha già tanti problemi senza di voi…

        • Giannino Stoppani scrive:

          Pure io se Alessia mi mostra la “laura” non le credo, magari se invece mi fa vedere la “laurea”…

          • luca scrive:

            giannino io invece se esiste dio, non credo che tu entrerai in paradiso neanche se me lo dice dio in persona….

            • Giannino Stoppani scrive:

              Speriamo che almeno quando quando ci avrai parlato, con Dio, ti deciderai a scrivere il suo nome con l’iniziale maiuscola.

        • giovanna scrive:

          Eh no, Koimi, di Alessia non so nulla, ma le minacce le abbiamo lette nero su bianco su questo sito, sia da parte di gentaccia come un tale psicologo Perdichizzi , una personcina livida e rancorosa che te lo raccomando , sia da parte delle comunicazioni ufficiali di vari circoli gay contro le sentinelle in piedi, sia, in modo massiccio dai gay che presidiano il sito, cambiano i nick, la stile violento è sempre quello. Di minacce ce n’è quante ne vuoi.

          • luca scrive:

            giovanna, ma quando mai avete avuto problemi ma che ti inventi?
            certo passassi io e vi vedessi, qualche problemino lo avresti… anche se sarebbe una mia iniziativa personalissima!!!
            ma come reagiresti tu a persone che manifestano contro i tuoi diritti? e vogliono la tua infelicità?

            • giovanna scrive:

              hai letto , Koimi ? in italiano le chiameresti minacce, o no ? in perfetta linea coi comunicati ufficiali dei circoli gay e col comportamento, documentato da Tempi, tenuto in tante occasioni pubbliche, cioè minacce, aggressioni, provocazioni e persino lanci di sassi. In quei casi minacce non solo virtuali, come ora.

    • mike scrive:

      anche uno voglia prendere seriamente l’APA, ma che bisogno c’è di ricorrere a leggi contro l’omofobia? mi dirai che la gente comunque non accetta l’orientamento omosessuale di qualcuno. anche fosse (che più che altro è un restare perplessi) ma per forza! in natura non si riesce a trovare una giustificazione dell’omosessualità, ed in più coloro che dovrebbero spiegare (leggi l’APA) non spiegano. affermano, ma non spiegano. di grazia un giorno arriverà la prova che l’orientamento omosessuale è dell’ordine della natura?
      voi parlate come se diceste che marco van basten era un calciatore scarso. uno chiede “spiegatemelo meglio, dato che van basten proprio scarso non pareva”. e voi continuate a dire che van basten era scarso. e così via all’infinito. se vi pare fatto bene…

  13. wisewalker scrive:

    Caspita, la logica era in saldo eh.

  14. Giovanni e Bifocale scrive:

    Chiediamo scusa a tutti per le castronerie che abbiamo scritto. A volte ci facciamo prendere dall’ impulsività e non ci controlliamo. Perdonateci.

  15. Gli amici scrive:

    Vorremmo chiedere scusa per le castronerie che abbiamo scritto. A volte agiamo per impulsività e non ci controlliamo. Perdonateci.

    Bifocale
    Giovanni
    Luca

  16. Koimi scrive:

    Scusatemi per le corbellerie che ho scritto sopra. Mi danno 10 centesimi per ognuna che ne scrivo e sapete…coi tempi che corrono…scusatemi davvero…

    • Koimi scrive:

      A chi ha usato il mio nome per scrivere questa ennesima stronzata di cattivo gusto (ma siamo in Italia, no? Il paese del cattivo gusto, dell’imbroglio e dell’ignoranza per eccellenza!) non ho nulla da dire. Almeno una risata me l’avete fatta fare. Per il resto, spero che un giorno il vostro cervello si accenda e non rimanga inutilizzato nell’utero delle vostre madri! 😀

    • giovanna scrive:

      Io non sono nessuno, sia chiaro, ma caro Giovannibifocalelucakoimi , che hai stufato te lo posso dire ! dai, il troppo stroppia ! cosa aggiungi alla discussione?
      quale apporto dai? io proprio non ne capisco il senso. qualcuno prova a spiegarmelo?

      • luca scrive:

        giovanna ma tu che apporto dai al mondo?
        lasciamo perdere!
        ma di cosa vuoi discutere? odi i gay con tutte le tue forze, pensi che inginocchiarti e recitare preghierine vuote ti salveranno dall’inferno? gente come te mise sul rogo Giordano Bruno!

        • giovanna scrive:

          se ci fosse qualcuno un po’ tontolone che non lo avesse capito, specifico che nel mio commento rivolto a Giovannibifocalelucakoimi, mi riferivo al troll che assume il nome di questi tizi e chiede noiosamente scusa a nome loro : sembrava evidente, avendo commentato sotto ai post del troll.

        • Riccardo scrive:

          Caro Luca, probabilmente Giovanna ha una forte tendenta all’omosessualità e, in realtà lotta con tutte le sue forze contro se stessa. E’ successo esattamente la stessa cosa anche a me. Non ti preoccupare un giorno Qualcuno le mostrerà la via.

  17. VivalItalia scrive:

    Ndo sta Luca? Che .. non dirmi che sarebbe poi Carlo!??

    • Luca scrive:

      Sono qua, sono qua. No, Carlo non sono io. Non ho partecipato alla discussione perché stavo guardando i Simpson, non riesco a farne a meno. Ho rimesso 23 volte la scena dove dicono “qualcuno pensi ai bambini”, che goduria!

      • VivalItalia scrive:

        Eddai che ci si spaventa..! Giura di non essere neanche Koimi!!!???

        • Luca scrive:

          Non so chi sia ‘sto Koimi, me pare un po’ fuori di anguria. Dai, non romperle, adesso, lasciami vedere i Simpson in santa pace. I bambiniiiiii….

  18. Koimi scrive:

    In effetti ho esagerato con gli oppiacei, non riesco a smettere. Scusatemi ancora.

    • giovanna scrive:

      che pizza ! almeno capissi dove sta il divertimento ! non dico l’utilità: roba totalmente inutile.

  19. Jack scrive:

    Koimi, la prima volta da queste parti o hai solo un altro nick?
    Mi sorprende che uno inizia dsndo del ciarlatano e via discorrendo.. che la conosci Alessia?

  20. Koimi scrive:

    Mi piace la divina commedia, soprattutto quel verso “avea del cul fatto trombetta”, mi ci ritrovo molto.

  21. VivalItalia scrive:

    “5 milioni di roghi dopo indicibili torture…..”

    Koimi ndo sta ‘sta rosticceria? MAI SENTITA!!!

  22. marco53 scrive:

    Tornando a Renzi, mi richiama molto Hollande: legge simil-Taubira, giusto per fare qualcosa di sinistro ( lapsus: di sinistra, intendevo), poi la politica, esattamente quella di tutti. Mi sbaglierò, ma………….

  23. Koimi scrive:

    Mi hai convinto, Giovanna, ritiro tutto quello che ho detto. Grazie per avermi chiarito le cose, sono stato proprio un impulsivo.

  24. Arbitro scrive:

    Uaaahhhhhuaaaahhhh!!!!!!!

    È tornato il pirlone!!!!!!!!!

    S’è stufato di guardare i Simpson ed è tornato qui a scoreggiare!!!!

    Ko tecnico per Luca, è conciato troppo male, portatelo via che le sue flatulenze stanno aspettando l’aria!!!!

  25. Carlo scrive:

    Ringrazio tutti coloro che mi hanno espresso simpatia e incoraggiamento, soprattutto chi mi ha promesso preghiera. Purtroppo, come vedete, non è facile esporsi, anche sotto pseudonimo. Bisogna subire la diffidenza (Giovanna), il sarcasmo (Giovanni) e l’odio e il disprezzo espliciti (Luca, Koimi, Valeria).Però io ringrazio anche loro perché tutto è grazia.

  26. Jack scrive:

    Per Laura: hai ragione.
    Riconosciuto questo ti suggerisco di leggere il post di una vecchia volpe cm Giannino Stoppani (oggi alle 10.15).
    Uno strumento cm questo dei post non può che avere la pretesa di una curva da stadio, e la cosa bella è che puoi godere di un buon articolo e trovarci spunti per riflettereci con leggerezza e prendere per il c*lo (ops mi è scappato..giuringiurella che mi è scappato..) goliardicamente.

    Per discutere e confrontarsi veramente bisogna incontrarsi faccia faccia, occhi negli occhi e qsto lo fa solo chi è disposto a mettere le sue idee in discussione.

  27. Il Perdi scrive:

    Beh, ragazzi, adesso avete proprio esagerato. Io vi denuncio, vi denuncio tutti. Ogni volta che scrivete un mio amico si butta dal balcone. Vi denuncio, basta, non se ne può più.

  28. giuliano scrive:

    caro Giovanni. forse ti farebbe bene telefonare alla compagna Sabina Guzzanti quella che fece il film Draquila sulle ricostruzione terremoto a l’Aquila. Potrebeb fare un film con te e Rocco Siffredi, film sponsorizzato dalla amministrazione rossa dell’Aquila che speculava sui terremotati

  29. Bifocale scrive:

    Giovanna, sempre intelligente quanto educata e rispettosa verso gli altri eh?

  30. Alessandro scrive:

    Ma come ti sei permessa di dire una cosa del genere???
    Mai, mai, MAI si dovrebbe offendere fino a tal punto una persona!!!
    Chi sei tu per dire chi deve vivere e chi non deve vivere???
    VERGOGNATI!!!

  31. giovanna scrive:

    Quanto sei sveglio , Bifocale, non l’ hai ancora capito che è un troll? Qualcuno mi dica se io ho mai scritto una roba del genere , neanche lontanamente. O sei tu il troll ?
    A meno che il discorso non si riferisca al troll “giovanna “in toto, che pubblica sempre roba simile: in questo caso non è da rimproverare, ma da compatire, scrive solo quello che pensa di lui stesso.Io lo compatisco sinceramente.

  32. giovanna scrive:

    Stesso discorso per te , caro Alessandro, ma magari tu sei nuovo e sei giustificato dal non aver mai avuto a che fare con questa persona in difficoltà. Però rivela più lui del disagio gay che tutti voi messi insieme, lui veramente pensa di sè quelle cose che attribuisce al mio nick e ha trovato questo modo brutto e scaricabarile per sfogarsi un pò. E anche per far abboccare qualche pesce all’amo, naturalmente qualcuno abbocca sempre !

  33. Bifocale scrive:

    Cara Giovanna, dire che si compatisce qualcuno per il proprio orientamento sessuale non e’, alla fin fine, molto meno offensivo che dirgli quello che e’ stato scritto prima. Cambia la forma, non la sostanza. Un maggiore rispetto per la vita altrui sarebbe quello a cui aspirare.

  34. giovanna scrive:

    Quanto sei sveglio, Bifocale, 2 ! Dove avrei scritto che compatisco il troll per l’orientamento sessuale ?
    Tra l’altro casomai noto l’adesione all’ideologia gay, del suo orientamento sessuale mi disinteresso, per me è un uomo, in difficoltà, ma uomo.
    Lo compatisco per il disagio evidente che manifesta, e scusami, avrai anche tu, se dopo mesi di frequentazione pensi veramente che possa aver scritto quelle cose. I principali nemici di voi gay ( ripeto, non in quanto omosessuali, ma proprio in quanto gay ), siete voi stessi, che seguite una ideologia che vi rende violenti e tristi. E non lo dico a vanvera, come fate voi in risposta come all’asilo: si vede proprio dal tono che usate, quanto poco vi considerate, da come vi sentite inferiori.
    IO non lo penso, ma il disagio si vede. Parlo in generale, eh, mai visto tante persone sciroccate di una determinata categoria tutte insieme, anche se il web scatena il troll che è in noi, indubbiamente. ma il gay appare negli interventi su questo sito particolarmente squilibrato. Ehi, l’ hai letto anche tu il troll Giovanna , e tutti gli altri non da meno, vero?

  35. domenico b. scrive:

    Bifocale, ti rispondo qui. Ma apri gli occhi, ti stanno vendendo la panacea dei tuoi mali: leggi contro l’omofobia, unioni e matrimoni gay adozioni o altro perché anche le coppie gay abbiano figli e dagli addosso al cristiano perché sta cercando di aprirti gli occhi. ti stanno vendendo fumo e ti sveglierai intossicato. quello che proponete non sta né in cielo né in terra, siete completamente fuori dal mondo e non lo dico in tono offensivo, perché siete persone simpatiche, intelligenti, creative e quant’altro, ma la vera felicità passa anche per una strada ostica

  36. giovanna scrive:

    Scusa, Domenico B., se mi intrometto, forse volevi dire che le persone omosessuali sono simpatiche, intelligenti, creative ecc ( in effetti quando sono intervenute persone omosessuali non ideologizzate , poteva essere così ) , ma questi signori gay che vengono qui a imporci l’ideologia gender, no, proprio no. Sono antipatici, poco intelligenti, ripetitivi e soprattutto aggressivi e tristissimi.
    Per il resto, sono d’accordo con te.

  37. Koimi scrive:

    Meno male che ci sei tu a dirci quale strada seguire per la felicità, altrimenti davvero saremmo persi. Sei il nuovo Buddha o anche tu come i testimoni di Geova stai creando la tua nuova, personale versione del Cristianesimo? Che versione sarà questa? La 14.0?

  38. domenico b. scrive:

    sì, va beh, intendevo in generale, poi anche quelli che intervengono qui sono persone…il fatto che abbracciano e propagandano l’ideologia gender li rende sicuramente come dici tu, e loro intervengono solo per disturbare e fare chiasso, magari sono anche pagati, non so. L’ideale sarebbe ignorarli, secondo me, ma quando si sentono tante stupidaggini…

  39. Koimi scrive:

    Vorrei farti notare che anche voi parlate alla luce delle vostre convinzioni e delle vostre ideologie. E le belle parole e i bei complimenti non nascondono certo che vi aspettate da un omosessuale che rinunci alla sua identità per seguire la strada “giusta” che voi conoscete a quanto pare…
    Penso che gli occhi dovrebbero aprirli un po’ tutti, prima di svendere le loro idee come merce e mangime per gli altri e cercare di strappare consensi con due o tre complimenti davvero, ma davvero fuori luogo in un contesto del genere…

  40. giovanna scrive:

    Concordo su tutta la linea, caro Domenico B., non è facile ignorarli ( addirittura per farsi notare, e sfogare la frustrazione che li pervade, si sono inventati una Giovanna inesistente, che dia voce al loro rancore, soprattutto verso se stessi ) e sono persone , li voglio guardare come persone, non come gay, anche se sono i primi a ridurre la loro grandezza, a ridurre il loro desiderio, che è infinito, come per tutti.
    Davvero li compatisco, tu mi capisci, vero ?

  41. Alessandro Moretti scrive:

    Ma ‘sto strafatto de Koimi da ‘ndo’ sbuca?

  42. domenico b. scrive:

    mah, Alessandro, da come lo vedo io mi sembra parente di Alighieri: ne manda un po’ all’inferno un po’ in paradiso…. aspettiamo a vedere chi va in purgatorio

  43. VivalItalia scrive:

    Koimi Ndo sbuca??

    Fai na rima e hai risposto!!!

  44. domenico b. scrive:

    che dire, Giovanna, si stanno rovinando la vita, stanno combattendo una battaglia persa. potranno avere la loro bella legge, si potranno sposare e comprare bambini (non figli) ma saranno sempre degli sconfitti, finchè non si fermeranno e si metteranno davanti all’infinito… per noi però saranno tempi un po’ duri

  45. giovanna scrive:

    Da parte mia, caro koimi, un omosessuale è prima di tutto un uomo, coi suoi problemi come tutti.
    E la libertà di prendere qualsiasi strada non è in discussione. Il problema nasce quando si pretende il matrimonio tra due persone dello stesso sesso,che si fa fatica anche a scrivere una simile stupidaggine, la conseguente compravendita di bambini,schiavitù moderna e la rieducazione alla Barilla per i nostri figli.
    .Poi, se per te un uomo che non si innamora di una donna è una cosa normalissima e bellissima ( però finora non c’è stato manco mezzo gay che ha avuto il coraggio di dire che lo augurerebbe a suo figlio, in questo c’è stato un bagliore di sincerità ), sono fatti tuoi, ma la famiglia è un’altra cosa, tu sarai nato da un padre e una madre, immagino.
    Comunque, capisco anche, caro koimi, che difficilmente nella vita qualcuno ti ha guardato come un uomo, soprattutto è un’esperienza impossibile in questi ghetti in cui pare vi mettete, a sentir voi, eh ! Apparite piuttosto come carne da propaganda, ma siete persone !

  46. domenico b. scrive:

    beh, Koimi, se non ti vanno i complimenti puoi chiedere a quei fru-frufriendly che abbiamo al governo di farti una legge contro la complimentofobia….. ma pensa te, se gli dici una cosa si incavola, gliene dici un’altra, pure…. mi viene in mente la favola del lupo e dell’agnello..

  47. luca scrive:

    ha ha ha ha, certo certo, intanto lasciatemi vivere la mia vita come io l’ho scelta. poi se volete pensare che io sono uno sconfitto fate pure

  48. luca scrive:

    mai sentita? be forse è il caso che ti informi caro mio

  49. luca scrive:

    ma che cavolo centra giuliano?, ah, dimenticavo quanto sei semplice

  50. domenico b. scrive:

    Sì, Luca vivi pure la tua vita come ti pare…. La natura, se viene violentata, poi si ribella…. questo lo diceva Ghandi, che non è certo un cristiano né tantomeno un violento. io posso dirti che la velocità con cui ti stai schiantando contro un muro è così elevata che ti ha fatto perdere la ragione.
    Mi sa comunque che ha ragione Giovanna…. le donne ci vedono più lontano degli uomini…(però non ditelo a mia moglie)

  51. Laura scrive:

    Nel complesso questa pagina di commenti, oltre a non seguire nessun filo logico, ha spunti deliranti. Facendola scorrere si ha la sensazione di un grande vocio che finisce in rumore assordate.
    Brutta cosa.
    Se venisse cancellata non comporterebbe un grave danno per nessuno

  52. domenico b. scrive:

    sì, Laura, hai ragione. ed è proprio quello che si vuole ottenere quando si vuole disturbare un dibattito civile. Quando non ci sono argomentazioni valide da portare a sostegno delle proprie tesi si ricorre alle minacce( vedi Luca con Jack in altri articoli e con Giovanna qui), oppure si urla facendo un gran chiasso solo per confondere le persone. Cancellare la discussione=minacciare chi non la pensa come me=legge contro l’omofobia

  53. mike scrive:

    mi sa che è vero. hai ragione. alla fine si ha la sensazione del caos.

  54. VivalItalia scrive:

    Eddai Luca damme na dritta!!
    Ndo sta la rosticceria??

    Te stai tt il giorno a ricercare.. qualche data numero e nome sarai in grado di darcelo..

  55. Jack scrive:

    Per Laura: hai ragione.
    Riconosciuto questo ti suggerisco di leggere il post di una vecchia volpe cm Giannino Stoppani (oggi alle 10.15).

    Uno strumento cm questo dei post non può che avere la pretesa di una curva da stadio, e la cosa bella è che puoi godere di un buon articolo e trovarci spunti per riflettereci con leggerezza e prendere per il c*lo (ops mi è scappato..giuringiurella non è un’offesa) goliardicamente.

    Per discutere e confrontarsi veramente bisogna incontrarsi faccia faccia, occhi negli occhi e qsto lo fa solo chi è disposto a mettere le sue idee in discussione.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana