Google+

Scandalo porto di Genova, tutti assolti (dopo sei anni e milioni di euro in fumo)

marzo 18, 2014 Redazione

Tratto da ItaliaOggi Una volta erano i camalli a bloccare il porto di Genova. Negli ultimi sei anni a comprometterne l’attività sono stati anche i cavilli: tutta colpa di un’inchiesta che aveva portato nel 2008 all’arresto del presidente dell’Autorità Portuale di Genova, Giovanni Novi. Ora la Corte di Cassazione ha fatto crollare tutta l’impalcatura montata dall’accusa, «cassando» definitivamente una storia che aveva provocato un terremoto nella città della Lanterna, con accuse che prima la Procura di Genova e poi la Procura generale, con i pubblici ministeri Cotugno e Zucca, e poi sempre con Zucca, nella qualità di sostituto procuratore generale, avevano scagliate contro Novi e i suoi collaboratori, evocando concussioni, turbative d’asta e abusi d’ufficio, in relazione alla concessione dei moli ai terminalisti. E i soldi dati agli scaricatori per le prestazioni relative ai container avevano addirittura fatto parlare di una truffa aggravata.

«Il fatto non sussiste», hanno sentenziato nella romana piazza Cavour, gettando nel cestino tredici capi di imputazione: oltre a Novi, il provvedimento di assoluzione riguarda l’ex segretario generale dell’Autorità Portuale di Genova Alessandro Carena, il consulente Sergio Maria Carbone e l’armatore Aldo Grimaldi. In primo grado Novi era stato condannato a due mesi per un episodio di turbativa d’asta del 2004. In secondo grado, invece, i giudici avevano dichiarato il non doversi procedere per intervenuta prescrizione per Novi, Carena, Carbone e Grimaldi. Novi, Carena e Carbone erano stati però condannati a risarcire l’Autorità portuale. Per gli altri quattro imputati, sempre in secondo grado, era stata confermata l’assoluzione: l’avvocato generale dello Stato Giuseppe Novaresi, il dirigente dell’Autorità portuale Filippo Schiaffino, il viceconsole della Culmv Paolo Marchelli e l’imprenditore Aldo Spinelli. Nel tempo, a Novi era stato sequestrato anche un milione e mezzo di euro, l’accusa aveva chiesto in primo grado cinque anni di carcere e in secondo grado cinque anni e dieci mesi. E quando era finito agli arresti domiciliari, Novi ha visto anche cessare la vita della moglie.

Una storia che ora si chiude con un lieto fine, ma che ha tenuto in ostaggio per anni il porto. La Tirrenia, per esempio, ha lasciato Genova per utilizzare i moli di Livorno. E c’è chi ha calcolato in sette milioni di euro il danno provocato allo scalo genovese, solo per le minori concessioni versate dai terminalisti.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. giovanni scrive:

    ecchevoffa?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Audi accelera sulla strada dell’elettrificazione della gamma. Dopo la presentazione della nuova A8, proposta al lancio nelle configurazioni V6 3.0 TFSI e TDI “mild hybrid”, vale a dire con impianto elettrico a 48 volt, ora anche le famiglie A4 e A5 beneficiano d’inedite motorizzazioni mHEV che portano in dote tutti i vantaggi fiscali e di […]

L'articolo Audi A4 e A5, è tempo di micro ibrido proviene da RED Live.

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download