Google+

Fotografia – Tempi e concetti fissati negli scatti di Hiroshi Sugimoto

febbraio 4, 2015 Mariapia Bruno

El-Capitan-Hollywood-1993_new-250x250E’ uno dei più grandi interpreti della fotografia contemporanea internazionale Hiroshi Sugimoto (Tokyo, 1948), i cui scatti racchiudono un’interesse meditativo verso il passato, verso quel tempo tramontato e fissato dall’obiettivo. Come afferma Filippo Maggia, curatore della mostra Hiroshi Sugimoto. Stop Time (Foro Boario di Modena dal prossimo 8 marzo fino al 7 giugno 2015), che ripercorre l’intera carriera del maestro giapponese della fotografia, <<A caratterizzare la pratica artistica di Sugimoto sono l’indagine del passato e la necessità di raffigurare il tempo dandogli corpo attraverso la fotografia. L’approccio dell’artista è meditabondo, lento, giustamente prudente: d’altronde, per sentire il tempo occorre averne piena coscienza e rispetto. Ripercorrendo la carriera di Sugimoto a ritroso, risulta evidente come la sua non sia altro che un’incessante sfida alle potenzialità che la fotografia offre all’artista, come tecnica, linguaggio e strumento di interpretazione del mondo, accompagnata ad un’altrettanto approfondita pratica di altre discipline, come il design e l’architettura>>.

Birds-of-South-Georgia-2012-250x250E infatti Sugimoto, lasciato il Giappone appena ventenne, è volato a Los Angeles per studiare arte, in un periodo in cui regnavano il Minimalismo e l’Arte Concettuale, correnti che hanno molto segnato il suo percorso di crescita, e inevitabilmente, le sue fotografie. Se osserviamo i suoi scatti notiamo quella severa serialità tipica dell’arte minimal. Minimali anche quegli orizzonti marini, calmi e piatti, come osservati da una finestra isolata e lontana. Trionfa il concetto nelle sue scale fredde e bianche, mentre le recenti fotografie ‘out-of-focus’ (fuori fuoco) sono dedicate alle icone dell’architettura modernista( si tratta del nucleo di opere della serie Architecture, in corso dal 1997). Dell’oriente l’artista conserva il rigore metodologico, quella meticolosa perfezione da inseguire per dar vita alle sue stampe.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Debutta a Parigi la nuova gamma elettrica della city car tedesca. Il motore a zero emissioni eroga 82 cv ed è disponibile sia per la biposto fortwo coupé/cabrio sia per la cinque porte forfour. Autonomia di 160 km e ricarica più rapida che in passato.

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

La Casa svedese torna a proporre una wagon di grandi dimensioni (4,96 metri). Al design ricercato e ai sistemi di sicurezza d’ultima generazione si affiancano moderni quadricilindrici sovralimentati a benzina e gasolio. La guida è un’esperienza sensoriale fatta di lusso e sostanza.

L'Honda X-ADV potrebbe diventare capostipite di un nuovo genere: quello degli scooter medi con vocazione da giramondo. Nelle piccole cilindrate, però, il matrimonio tra scudo e tassello funziona già da molto tempo, come insegna il Booster

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana