Google+

Cina, «sessioni di critica e autocritica» per tutti i funzionari. Il revival maoista del presidente Xi

settembre 28, 2013 Leone Grotti

Il fascino di Mao Zedong in Cina non è mai venuto meno e il nuovo presidente del partito comunista Xi Jinping non perde occasione per dimostrarlo. Dopo aver lanciato la grande campagna di «ritorno alle masse», in pieno stile maoista, Xi sta imponendo ai funzionari nazionali e locali «sessioni di critica e autocritica».

«CHE PERSONA SONO DIVENTATO». Come riporta il South China Morning Post (Scmp), il presidente cinese avrebbe condotto personalmente il primo di quattro appuntamenti consecutivi della durata di mezz’ora con i funzionari dell’Hebei il 23 settembre. Tutti sono stati invitati a denunciare i «propri peccati politici» e quelli degli altri. Uno di questi, intervistato dall’agenzia Xinhua, ha dichiarato: «Preparando la confessione, mi sono accorto di che tipo di persona sono diventato. Mi è venuto da piangere». Un altro ha detto: «Ogni membro della Commissione permanente [del partito dell’Hebei] si è autocriticato e ha criticato i compagni. Dopo che siamo stati promossi abbiamo cominciato infatti a essere arroganti, perché abituati ad essere riveriti dagli altri».

«L’IMPORTANTE È CORREGGERSI». Secondo il Scmp, anche i 25 membri permanenti del Politburo del Pcc hanno dovuto partecipare a una sessione segreta. Mao ha creato il sistema della “critica e dell’autocritica” per dare ai membri del partito «l’occasione di correggersi» e tornare sulla retta via, ogni qual volta sbagliavano. Infatti, soleva dire il Grande timoniere, «neanche noi siamo infallibili, possiamo sbagliare. L’importante è correggersi». Chi non accettava di correggersi, però, veniva epurato dopo essere bollato come “borghese”, “controrivoluzionario” o “revisionista”. Anche chi ammetteva l’errore, di conseguenza, veniva punito.

RITORNO ALLA RIVOLUZIONE CULTURALE. Non è la prima volta che la Cina fa ritorno a slogan e pratiche maoiste tipiche della Rivoluzione Culturale. Pochi giorni fa, il famoso blogger Charles Xue, arrestato per aver diffuso online dei “rumors”, è stato costretto ad autoumiliarsi in pubblico davanti alla televisione di Stato, che ha poi mandato in onda le sue confessioni in tutto il paese. Xue ha dichiarato di «aver gratificato a lungo la mia vanità» e di «aver abusato della mia influenza online e del potere delle mie opinioni personali, scordandomi chi fossi». «Prima di tutto non ho verificato i fatti, poi non ho offerto suggerimenti per risolvere i problemi e infine ho semplicemente diffuso queste idee emotivamente». Per fortuna, ora si è autocorretto.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

4 Commenti

  1. MF scrive:

    Ma che “bravi” questi kompagni!!!!!!

  2. Picchus scrive:

    Non sapevo Barilla fosse cinese…

  3. Andrea scrive:

    peccato che questa pratica sia diffusa soltanto in cina, vorrei vederli i nostri politici a scusarsi a reti unificate per le cazzate che fanno

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana